Seguici sui social

Elezioni europee

I Verdi europei chiedono i migliori candidati per le elezioni europee 

SHARE:

Pubblicato il

on

Il Partito Verde Europeo sta aprendo il bando per i migliori candidati per le elezioni europee del 2024, note anche come “Spitzenkandidaten”. I principali candidati verdi selezionati saranno il cuore e il volto della nostra famiglia politica nei dibattiti e negli eventi elettorali che precedono le elezioni europee del 6-9 giugno 2024. 

Thomas Waitz e Mélanie Vogel, co-presidenti del Partito Verde europeo, commentano: “Durante il nostro Congresso elettorale a Lione dal 2 al 4 febbraio centinaia di delegati di tutti i partiti Verdi eleggeranno i nostri due leader europei. Chiediamo agli altri partiti politici europei di fare lo stesso, per garantire una discussione politica trasparente prima delle elezioni europee che si terranno dal 6 al 9 giugno. I nostri migliori candidati sono anche i nostri candidati per posizioni chiave, come la presidenza della Commissione, se se ne presenta l’occasione. Questo perché riteniamo che accordi dietro le quinte, come quello a cui abbiamo assistito nel 2019 con la nomina di von der Leyen alla presidenza della Commissione nonostante non fosse candidata, non siano più tollerabili”.

Qualsiasi partito membro del Partito Verde Europeo, nonché Federazione dei Giovani Verdi Europei, può nominare un contendente entro il 28 novembre. Tutti i contendenti si presenteranno il 2-3 dicembre 2023 ai rappresentanti della Congresso EGP online. Per evidenziare come le elezioni europee trascendano i confini nazionali, tutti i contendenti devono acquisire il sostegno esplicito di almeno altri cinque partiti membri dell’EGP entro il 7 gennaio 2024 per diventare contendenti alle elezioni. 

L'elezione dei due principali candidati avverrà nel Congresso elettorale dei Verdi europei a Lione dal 2 al 4 febbraio 2024. A questo evento voteranno centinaia di rappresentanti di tutti i partiti verdi dell'UE. Coerentemente con le regole elettorali dell’EGP, almeno uno dei contendenti eletti deve essere una donna e i due contendenti eletti non possono provenire dallo stesso Paese. 

Thomas Waitz e Mélanie Vogel commentano: “Crediamo che il nostro metodo per scegliere i candidati principali sia più trasparente di quelli utilizzati da altri partiti politici europei”. Durante il nostro congresso di Vienna in giugno, i Verdi hanno appoggiato massicciamente il nostro approccio trasparente. Esortiamo gli altri partiti politici a scegliere i propri candidati, in modo che la campagna elettorale europea possa avere una discussione politica molto concreta. Vogliamo che gli altri partiti politici si attengano al processo del candidato capolista e vogliamo che si assicurino che i loro candidati principali siano davvero i loro candidati alla Presidenza della Commissione in vista degli accordi dietro le quinte del 2019. Ursula von der Leyen sarà la candidata principale del Partito popolare europeo (PPE)?” 

Come Verdi vorremmo andare oltre, anAvremo delle vere elezioni europee elenchi transnazionali, quindi tutti i cittadini europei possono votare per gli stessi candidati, indipendentemente dal loro paese. Tuttavia, la proposta del Parlamento europeo è attualmente bloccata nel Consiglio UE.

I sondaggi indicano uno spostamento verso i partiti di destra e di estrema destra in Europa. Tuttavia, i Verdi hanno recentemente festeggiato quattro successi significativi: al Parlamento europeo i Verdi hanno ottenuto una vittoria politica sul Legge sul ripristino della natura. Sumar, compresi i Verdi spagnoli, bloccato un governo di estrema destra in Spagna. A questo ha contribuito il partito verde polacco Zieloni, parte di Piattaforma civica rimuovere il governo di estrema destra PiS in Polonia, ed è riuscito a eleggere tre deputati. E lo scorso giugno altri quattro partiti politici congiunto il Partito Verde Europeo: il partito sloveno VESNA, i partiti portoghesi PAN e LIVRE, e il partito ungherese Párbeszéd. Altri partiti politici degli Stati membri dell'UE stanno attualmente richiedendo l'adesione e la loro approvazione sarà votata anche al Congresso elettorale di Lione. Il Congresso deciderà inoltre sull'approvazione del Manifesto e delle Priorità dell'EGP. 

pubblicità

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending