Seguici sui social

Ambiente

Tassonomia UE: investimenti verdi per promuovere la finanza sostenibile 

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

Per stimolare lo spostamento verso investimenti ecocompatibili, l’UE ha introdotto norme per definire cosa si qualifica come attività verde o sostenibile.

Perché l’UE ha bisogno di una definizione comune di investimenti sostenibili

Lo sviluppo sostenibile richiede la preservazione delle risorse naturali e il rispetto dei diritti umani e sociali. L’azione per il clima è un aspetto importante, poiché diventa necessario limitare e mitigare gli effetti del cambiamento climatico sempre più urgente.

L’UE si impegna a procedere gradualmente diminuendo le proprie emissioni di gas serra. Green Deal europeo, l'iniziativa faro dell'UE sull'azione per il clima, fissa l'obiettivo di zero emissioni nette entro il 2050.

Per raggiungere l’obiettivo, l’UE deve investire nelle nuove tecnologie.

Gli investimenti pubblici non saranno sufficienti e gli investitori privati ​​dovranno intervenire per finanziare progetti rispettosi del clima. Ciò richiede criteri chiari su cosa sia esattamente sostenibile ed ecologico; altrimenti, parte dei finanziamenti potrebbero essere destinati a progetti di “greenwashing” che dichiarano di essere ecologici, ma in realtà non lo sono.

Alcuni paesi dell’UE hanno già iniziato a sviluppare sistemi di classificazione. Sia le aziende in cerca di finanziamenti che gli investitori interessati a sostenere progetti sostenibili trarrebbero vantaggio da standard comuni dell’UE.

pubblicità
Un moderno impianto di riciclaggio
Un lavoratore in un moderno impianto di riciclaggio seleziona i rifiuti da smaltire ©Romaset/AdobeStock 

Quali attività economiche si qualificano come sostenibili?


Nel mese di giugno 2020 I deputati hanno approvato il regolamento sulla tassonomia, un quadro che determina quali attività possono essere considerate sostenibili. Ciò stabilisce un sistema di classificazione comune in tutta l’UE, fornisce chiarezza alle imprese e agli investitori e incoraggia un aumento dei finanziamenti del settore privato per transizione verso la neutralità climatica.

Le regolamento fissa sei obiettivi ambientali e afferma che un’attività può essere considerata ambientalmente sostenibile se contribuisce al raggiungimento di uno di essi senza danneggiare in modo significativo nessuno degli altri.

Il principio “non nuocere” – che sarà ulteriormente definito dalla Commissione Europea – garantisce che un’attività economica che causa più danni all’ambiente che benefici non possa essere classificata come sostenibile. Le attività sostenibili dal punto di vista ambientale dovrebbero anche rispettare i diritti umani e del lavoro.

Gli obiettivi ambientali sono:

  • Mitigazione del cambiamento climatico (evitare/ridurre le emissioni di gas serra o aumentare la rimozione di gas serra)
  • Adattamento ai cambiamenti climatici (ridurre o prevenire l'impatto negativo sul clima attuale o futuro previsto, o i rischi di tale impatto negativo)
  • Uso sostenibile e tutela delle acque e delle risorse marine
  • Transizione all'a economia circolare (concentrandosi sul riutilizzo e riciclo delle risorse)
  • Prevenzione e controllo dell'inquinamento
  • Tutela e ripristino della biodiversità ed ecosistemi

Atti della Commissione relativi alle norme

Il regolamento sulla tassonomia, diventato legge nel luglio 2020, stabilisce il quadro generale per la classificazione delle attività sostenibili, ma lascia alla Commissione Europea il compito di elaborare i criteri tecnici che determinerebbero se i progetti contribuiscono ad alcuni degli obiettivi ambientali.

La Commissione ha elaborato una prima serie di criteri nell’aprile 2021, entrato in vigore nel dicembre 2021.

Un'altra serie di regole, proposta nel febbraio 2022, ha consentito l' inclusione del nucleare e del gas come attività economiche sostenibili dal punto di vista ambientale a determinate condizioni. Il Parlamento ha discusso l'atto della Commissione e ha deciso di non opporsi nel mese di luglio 2022.

Regolamentazione della tassonomia, obbligazioni verdi e altro ancora 

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.
pubblicità

Trending