Seguici sui social

Cancro al seno

Tassi di screening del cancro al seno nell’UE

SHARE:

Pubblicato il

on

Il cancro al seno è una delle forme di cancro più comuni e una delle principali cause di mortalità femminile nel mondo EU. La prevenzione è fondamentale per ridurre l’impatto della malattia e ridurre i tassi di mortalità, tuttavia, la pandemia di COVID-19 ha avuto un grande impatto sull’assistenza sanitaria preventiva e molti programmi di screening hanno avuto ripercussioni negli ospedali e nelle unità sanitarie dell’UE. Questo deve essere tenuto in considerazione quando si analizzano i dati per il 2021. 

Nel 2021, i primi tre paesi con i più alti tassi di screening del cancro al seno per le donne di età compresa tra 50 e 69 anni, che avevano ricevuto una mammografia nei due anni precedenti, erano i paesi nordici dell'UE: Danimarca (83.0%), Finlandia (82.2%) e Svezia (80.0%). Seguono a ruota Malta (77.8%) e Slovenia (77.2%). All'altra estremità della scala, i tassi più bassi di screening del cancro al seno sono stati registrati in Bulgaria (20.6%), Cipro (24.6%), Slovacchia (25.5%), Ungheria (29.8%) e Lettonia (30.8%).

Rispetto al 2011, i tassi di screening del cancro al seno sono aumentati in 6 dei 20 paesi dell’UE per cui sono disponibili dati, con gli aumenti maggiori osservati a Malta (+26.9 punti percentuali (pp)), Lituania (+12.9 pp) ed Estonia (+7.7 pp). In 13 paesi dell’UE, i tassi di screening del cancro al seno sono diminuiti tra il 2011 e il 2021. Diminuzioni superiori a 10.0 pp sono state osservate in Lussemburgo (-16.3 pp), Irlanda (-12.1 pp) e Ungheria (-10.6 pp). 

Grafico a barre: screening del cancro al seno, donne di età compresa tra 50 e 69 anni,%, 2011 e 2021

Set di dati di origine: hlth_ps_prev

La Grecia ha registrato la più alta disponibilità di macchine mammografiche

Nel 2021, la più alta disponibilità di unità mammografiche (macchine progettate esclusivamente per l'esecuzione di mammografie) per 100 abitanti per le donne di età compresa tra 000 e 50 anni è stata registrata in Grecia (69 unità) e Cipro (7.1 unità). Il tasso di unità mammografiche è stato elevato anche in Belgio (5.9), Italia (3.6) e Croazia (3.4). Al contrario, la disponibilità più bassa è stata osservata in Germania (3.3 unità), Francia (0.5), Romania (0.7) e Polonia (0.9), seguite da Lussemburgo, Repubblica Ceca ed Estonia (tutti con 1.0 unità ogni 1.1 abitanti).

Gli aumenti maggiori tra il 2011 e il 2021 nella disponibilità di unità mammografiche per 100 abitanti sono stati registrati in Grecia (+000 unità), Cipro e Bulgaria (entrambi +1.6). Al contrario, la disponibilità di queste unità è diminuita in 1.2 dei 9 paesi dell’UE con dati disponibili. Le diminuzioni maggiori sono state registrate a Malta (-24), Lussemburgo (-1.0), Slovenia, Polonia e Danimarca (tutti -0.5 unità ogni 0.3 abitanti).

pubblicità
Grafico a barre: disponibilità di unità mammografiche, per 100 abitanti, 000 e 2011

Set di dati di origine: hlth_rs_medim

Maggiori informazioni

Note metodologiche

Per i tassi di screening del cancro al seno:

  • Dati basati sul programma. Il tasso indicato corrisponde alla percentuale di donne di età compresa tra 50 e 69 anni che hanno effettuato una mammografia nei due anni precedenti (o in base alla frequenza di screening specifica raccomandata in ciascun Paese). Questa percentuale viene espressa come percentuale di donne ammissibili a un programma di screening organizzato. I dati per Grecia, Romania, Spagna e Portogallo non erano disponibili.
  • Danimarca: dati 2012 anziché 2011.
  • Germania e Finlandia: i dati del 2021 sono stimati.
  • Svezia: donne di età compresa tra 40 e 74 anni; screening nei 18-24 mesi precedenti; Dati 2011 non disponibili.
  • Malta: nel 2011 donne di età compresa tra 50 e 59 anni.
  • Paesi Bassi: nel 2021 donne di età compresa tra 49 e 69 anni.
  • Irlanda: la fascia di età è passata da 50–64 anni a 50–69 anni; I dati del 2021 sono provvisori.
  • Estonia: nel 2011 donne di età compresa tra 50 e 62 anni.
  • Belgio: dati 2020 anziché 2021.
  • Francia e Lussemburgo: i dati 2021 sono provvisori.
  • Austria: dati 2015 anziché 2011.
  • Polonia: dati 2011 non disponibili.
  • Slovacchia: donne di età compresa tra 40 e 69 anni.
  • Cipro: esclude lo screening nel settore privato.
  • Bulgaria: dati 2011 non disponibili; 2017 anziché 2021

Per le unità mammografiche:

  • Dati non disponibili per i Paesi Bassi.
  • Belgio e Finlandia: dati 2020 anziché 2021.
  • Croazia: dati 2012 anziché 2011.
  • Malta, Repubblica Ceca e Polonia: pausa nella serie.
  • Lettonia: i dati 2021 includono laboratori medici e diagnostici.
  • Austria, Estonia e Francia: dati 2013 anziché 2011.
  • Spagna e Portogallo: i dati 2021 sono provvisori.
  • Irlanda: dati 2018 anziché 2021.
  • Ungheria: dati 2017 anziché 2021.
  • Svezia e Germania: dati 2011 non disponibili.
  • Portogallo, Francia e Germania: include solo i dati degli ospedali

In caso di domande, visitare il contatti .

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending