Seguici sui social

Coronavirus

#Coronavirus - # Erasmus + si è mobilitato per una forte risposta alla pandemia

Pubblicato

on

La Commissione ha adottato una revisione del Programma di lavoro annuale Erasmus + 2020, fornendo altri 200 milioni di euro per promuovere l'istruzione e la formazione digitale e promuovere lo sviluppo e l'inclusione delle competenze attraverso la creatività e le arti. La pandemia COVID-19 ha avuto un impatto dirompente sull'istruzione e la formazione, con nuovi modi di insegnare e apprendere che richiedono soluzioni innovative, creative e inclusive.

Il vicepresidente per la promozione dello stile di vita europeo Margaritis Schinas ha dichiarato: “Lo Spazio europeo dell'istruzione deve promuovere l'istruzione e le competenze digitali per mitigare le interruzioni causate dalla pandemia e sostenere il ruolo dell'Europa nella transizione digitale. La Commissione pubblicherà straordinari bandi Erasmus + da 200 milioni di euro che offriranno maggiori opportunità di apprendimento, insegnamento e condivisione nell'era digitale. Esistono soluzioni efficaci, innovative e inclusive per migliorare l'istruzione e le competenze digitali e trarranno vantaggio dal sostegno europeo ".

Mariya Gabriel, Commissaria per l'innovazione, la ricerca, la cultura, l'istruzione e la gioventù, ha dichiarato: “Sono lieto che il programma Erasmus + venga mobilitato per sostenere gli attori chiave dell'istruzione, della formazione e della gioventù in questi tempi difficili. 200 milioni di euro saranno disponibili per sostenere l'istruzione e la formazione digitale, l'animazione socioeducativa digitale, ma anche le competenze creative e l'inclusione sociale. È un passo importante, che apre la strada al piano d'azione per l'istruzione digitale, che la Commissione lancerà questo autunno ".

Il  Programma Erasmus + sosterrà progetti per migliorare l'insegnamento, l'apprendimento e la valutazione digitali nelle scuole, nell'istruzione superiore e nella formazione professionale. Fornirà inoltre opportunità alle scuole, alle organizzazioni giovanili e alle istituzioni per l'apprendimento degli adulti per sostenere lo sviluppo delle competenze, aumentare la creatività e migliorare l'inclusione sociale attraverso le arti, insieme ai settori culturali e creativi. Gli inviti a presentare proposte per progetti in questi settori saranno pubblicati nelle prossime settimane. Le organizzazioni interessate dovrebbero mettersi in contatto con il proprio Agenzia Nazionale Erasmus +

Coronavirus

La Commissione approva il programma tedesco per risarcire i fornitori di alloggi nel campo dell'educazione dei bambini e dei giovani per i danni subiti a causa dell'epidemia di coronavirus

Pubblicato

on

La Commissione europea ha approvato, in base alle norme sugli aiuti di Stato dell'UE, un programma tedesco per compensare i fornitori di alloggi per l'educazione di bambini e giovani per la perdita di entrate causata dall'epidemia di coronavirus. Il sostegno pubblico assumerà la forma di sovvenzioni dirette. Il regime compenserà fino al 60% della perdita di entrate sostenuta dai beneficiari ammissibili nel periodo compreso tra l'inizio del blocco (iniziato in date diverse negli stati regionali) e il 31 luglio 2020, quando le loro strutture ricettive dovevano essere chiuse a causa alle misure restrittive attuate in Germania.

Nel calcolare la perdita di entrate, eventuali riduzioni dei costi derivanti dal reddito generato durante il blocco e qualsiasi possibile aiuto finanziario concesso o effettivamente pagato dallo Stato (e in particolare concesso nell'ambito del regime SA.58464) o terze parti per far fronte alle conseguenze dell'epidemia di coronavirus verranno detratte. A livello di governo centrale, le strutture che possono presentare domanda avranno a loro disposizione un budget fino a 75 milioni di euro.

Tuttavia, questi fondi non sono destinati esclusivamente a questo programma. Inoltre, le autorità regionali (a Länder oa livello locale) possono anche utilizzare questo schema dai bilanci locali. In ogni caso, il regime garantisce che gli stessi costi ammissibili non possano essere compensati due volte da livelli amministrativi diversi. La Commissione ha valutato la misura in base al Articolo 107 (2) (b) del Trattato sul Funzionamento dell'Unione Europea, che consente alla Commissione di approvare misure di aiuti di Stato concesse dagli Stati membri per risarcire specifiche aziende o specifici settori per i danni causati da eventi eccezionali, come l'epidemia di coronavirus.

La Commissione ha scoperto che il regime tedesco risarcirà i danni direttamente collegati all'epidemia di coronavirus. Ha inoltre rilevato che la misura è proporzionata, poiché il risarcimento previsto non supera quanto necessario per risarcire i danni. La Commissione ha pertanto concluso che il regime è in linea con le norme dell'UE sugli aiuti di Stato.

È possibile trovare ulteriori informazioni sulle azioni intraprese dalla Commissione per affrontare l'impatto economico della pandemia di coronavirus qui. La versione non riservata della decisione sarà resa disponibile con il numero SA.59228 nel registro degli aiuti di Stato sulla Commissione concorrenza di LPI.

Continua a leggere

Austria

La Commissione approva le misure austriache a sostegno degli operatori di trasporto ferroviario di merci e passeggeri colpiti dall'epidemia di coronavirus

Pubblicato

on

La Commissione europea ha approvato, in base alle norme sugli aiuti di Stato dell'UE, due misure austriache a sostegno del settore del trasporto ferroviario di merci e una misura a sostegno del settore dei passeggeri ferroviari nel contesto dell'epidemia di coronavirus. Le due misure a sostegno del settore del trasporto ferroviario di merci garantiranno un maggiore sostegno pubblico per incoraggiare ulteriormente il trasferimento del traffico merci dalla strada alla ferrovia e la terza misura introduce uno sgravio temporaneo per gli operatori ferroviari che forniscono servizi passeggeri su base commerciale.

La Commissione ha riscontrato che le misure sono benefiche per l'ambiente e per la mobilità in quanto sostengono il trasporto ferroviario, che è meno inquinante del trasporto su strada, riducendo al contempo la congestione stradale. La Commissione ha inoltre riscontrato che le misure sono proporzionate e necessarie per raggiungere l'obiettivo perseguito, vale a dire sostenere il trasferimento modale dalla strada alla ferrovia senza provocare indebite distorsioni della concorrenza. Infine, la rinuncia ai canoni di accesso all'infrastruttura prevista dalla seconda e terza misura sopra descritte è in linea con il Regolamento (UE) 2020/1429 di recente adozione.

Questo regolamento consente e incoraggia gli Stati membri ad autorizzare temporaneamente la riduzione, la rinuncia o il differimento dei diritti per l'accesso all'infrastruttura ferroviaria al di sotto dei costi diretti. Di conseguenza, la Commissione ha concluso che le misure rispettano le norme dell'UE sugli aiuti di Stato, in particolare il 2008 Linee guida della Commissione sugli aiuti di Stato alle imprese ferroviarie (le Linee guida ferroviarie).

Il vicepresidente esecutivo Margrethe Vestager, responsabile della politica di concorrenza, ha dichiarato: “Le misure approvate oggi consentiranno alle autorità austriache di supportare non solo gli operatori del trasporto merci su rotaia, ma anche gli operatori commerciali di passeggeri nel contesto dell'epidemia di coronavirus. Ciò contribuirà a mantenere la loro competitività rispetto ad altri modi di trasporto, in linea con l'obiettivo del Green Deal dell'UE. Continuiamo a lavorare con tutti gli Stati membri per garantire che le misure di sostegno nazionale possano essere messe in atto il più rapidamente ed efficacemente possibile, in linea con le norme dell'UE ".

Il comunicato stampa completo è disponibile on-line

Continua a leggere

Coronavirus

La Commissione approva un programma estone da 5.5 milioni di euro a sostegno delle aziende attive nel settore del turismo colpite dall'epidemia di coronavirus

Pubblicato

on

By

La Commissione Europea ha approvato uno schema estone da 5.5 milioni di euro a sostegno delle aziende attive nel settore turistico colpite dall'epidemia di coronavirus. La misura è stata approvata nell'ambito dell'aiuto di Stato Quadro temporaneo. Il sostegno pubblico assumerà la forma di sovvenzioni dirette e sarà aperto a fornitori di alloggi, agenzie di viaggio, operatori di attrazioni turistiche, fornitori di servizi turistici, fornitori di servizi di autobus internazionali, organizzatori di conferenze e guide turistiche.

Lo scopo della misura è mitigare le improvvise carenze di liquidità che queste società stanno affrontando a causa delle misure restrittive imposte dal governo per limitare la diffusione del virus. La Commissione ha riscontrato che la misura estone è in linea con le condizioni stabilite nel quadro temporaneo. In particolare, il sostegno (i) non supererà gli 800,000 euro per azienda; e (ii) sarà concesso entro il 30 giugno 2021.

La Commissione ha concluso che la misura è necessaria, appropriata e proporzionata per porre rimedio a un grave turbamento dell'economia di uno Stato membro, in linea con l'articolo 107, paragrafo 3, lettera b), TFUE e le condizioni del quadro temporaneo. Su questa base, la Commissione ha approvato la misura in base alle norme dell'UE sugli aiuti di Stato. Ulteriori informazioni sul quadro temporaneo e altre azioni intraprese dalla Commissione per affrontare l'impatto economico della pandemia di coronavirus sono disponibili qui.

La versione non riservata della decisione sarà resa disponibile con il numero SA.59338 nel registro degli aiuti di Stato sulla Commissione concorrenza sito Web una volta risolti tutti i problemi di riservatezza. 

Continua a leggere
pubblicità

Facebook

Twitter

Trending