Seguici sui social

Emissioni CO2

Il sistema di scambio di quote di emissioni dell'UE (ETS) e la sua riforma in breve 

SHARE:

Pubblicato il

on

Il sistema di scambio di quote di emissione (ETS) dell'UE mira a ridurre le emissioni di carbonio del settore. Scopri come funziona e perché è necessaria una riforma, Società.

In cosa consiste il sistema di scambio di quote di emissioni dell'UE?

Sebbene l'UE sia il terzo emettitore di CO2 al mondo, persegue anche l'obiettivo climatico più ambizioso: ridurre sostanzialmente le emissioni entro il 2030 e portarle a zero emissioni nette entro il 2050.

Lanciato nel 2005, il sistema di scambio di emissioni (ETS) è uno dei strumenti stabiliti dall'Unione Europea per raggiungere questo obiettivo. Si rivolge in modo specifico al settore.

Come funziona? 

Il sistema di scambio di emissioni obbliga più di 10,000 centrali elettriche e fabbriche a possedere un permesso per ogni tonnellata di CO2 che emettono. Questo dovrebbe fornire a incentivi finanziari per inquinare meno: meno inquini, meno paghi. Le aziende devono acquistarli tramite aste e il prezzo è influenzato dalla domanda e dall'offerta.

Tuttavia, alcuni dei permessi sono assegnati gratuitamente, in particolare nei settori a rischio che le aziende trasferiscano la produzione in altre parti del mondo con vincoli di emissione più lassisti.

Regolamentazione del prezzo del carbonio

pubblicità

Dopo la crisi finanziaria del 2008, questi permessi erano molto economici, perché la domanda è diminuita, mentre l'offerta è rimasta costante.

Avere un grande surplus e prezzi bassi scoraggia le aziende dall'investire nella tecnologia verde, ostacolando così l'efficienza del programma nella lotta al cambiamento climatico.

Per ovviare a questo problema, l'UE ha creato la riserva di stabilità del mercato per allineare meglio l'offerta e la domanda di quote inserendo le quote in eccedenza in una riserva, dalla quale possono essere svincolate in caso di carenza.

Riforma ETS nell'ambito del Green Deal dell'UE

Allineare il sistema di scambio di emissioni con gli obiettivi di riduzione delle emissioni più elevati del Green Deal europeo, l'UE sta lavorando a un aggiornamento del regime. La Commissione propone di ridurre le emissioni del settore del 61% entro il 2030.

Le modifiche proposte includono un limite massimo ridotto per le emissioni annue nel settore, regole riviste per le quote gratuite e la riserva di stabilità del mercato, l'estensione del regime al trasporto marittimo e la creazione di un sistema di scambio di quote di emissione separato per gli edifici e il trasporto su strada.

Cosa vuole il Parlamento?

I deputati vogliono aumentare l'ambizione della Commissione pproposta diminuendo ulteriormente il numero di quote annuali disponibili fino al 2030. Vogliono anche che l'incenerimento dei rifiuti urbani sia incluso nel settore a partire dal 2026.

Le indennità gratuite dovrebbero scomparire entro il 2030 quando il Parlamento lo vorrà Meccanismo dell'UE di adeguamento del carbonio alle frontiere essere pienamente operativi. Il meccanismo applicherebbe un prezzo del carbonio alle merci importate da paesi meno ambiziosi e impedirebbe alle aziende di spostare la produzione in un paese con regole meno rigorose sulle emissioni di gas serra.

Per proteggere i cittadini dai costi energetici aggiuntivi, il Parlamento vuole che il nuovo sistema di scambio di emissioni copra solo il trasporto commerciale su strada e gli edifici. I trasporti privati ​​e gli edifici verrebbero aggiunti solo a partire dal 2029 e richiederebbero una nuova proposta della Commissione.

Tutti i proventi del sistema di scambio di quote di emissione dovrebbero essere utilizzati esclusivamente per combattere il cambiamento climatico sia a livello dell'UE che degli Stati membri, affermano i deputati.

Prossimi passi

Il Parlamento voterà sulla riforma durante la plenaria di giugno, dopodiché i deputati potranno avviare i negoziati sulle regole finali con i paesi dell'UE.

Sforzi dell'UE per ridurre le emissioni di gas serra

Esistono altre misure per aiutare l'UE ad attuare i suoi impegni nell'ambito dell'accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, riducendo le emissioni in tutti i settori economici:


Guarda le infografiche sul I progressi dell'UE verso il raggiungimento dei suoi obiettivi 2020 sui cambiamenti climatici.

per ulteriori informazioni 

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending