Seguici sui social

Energia

È necessario un “Piano Marshall” per accelerare la transizione verso l’energia pulita – nuovo rapporto

SHARE:

Pubblicato il

on

A respected international think tank has launched a comprehensive report on the Small Modular Reactor (‘’SMR’’) market. The report, “Scaling Success: Navigating the Future of Small Modular Reactors in Competitive Global Low Carbon Energy Markets”, describes SMRs as “vital for achieving net zero by the middle of the century”.

Lo studio, del New Nuclear Watch Institute (“NNWI”) sottolinea “l’importanza” del ritmo di implementazione degli SMR nella competitività del settore nucleare globale e avverte che pochi SMR inizieranno a funzionare prima del 2030.

L'Istituto con sede a Londra è il primo think tank focalizzato sullo sviluppo internazionale dell'energia nucleare.

Il rapporto, pubblicato mercoledì, è particolarmente attuale in quanto le questioni relative all’energia nucleare e il suo contributo al soddisfacimento del fabbisogno energetico dell’UE sono saldamente tornate nell’agenda politica.

Al vertice sul clima COP 28 delle Nazioni Unite tenutosi a Dubai a dicembre ben 22 paesi, tra cui Stati Uniti, Canada, Giappone, Regno Unito, Francia e altri undici Stati membri dell’UE, dalla Polonia ai Paesi Bassi, hanno firmato una dichiarazione in cui si impegnano a triplicare il nucleare capacità energetica entro il 2050.

L’apparente “ritorno” del nucleare ha messo in secondo piano anche il concetto di piccoli reattori modulari (SMR) e il rapporto cerca di evidenziare le prospettive e le sfide dell’atteso sviluppo dei reattori SMR nei prossimi decenni.

Commentando i risultati,

pubblicità

, ex ministro britannico dell’energia e dell’ambiente, ha dichiarato all’European Business Review: “Il sostegno politico alle tecnologie SMR deve essere intensificato e attentamente mirato per garantire il raggiungimento dei nostri obiettivi di zero emissioni netti entro la metà del secolo e facilitare il completamento tempestivo della transizione all’energia pulita. L’attuale spostamento della politica guidata dagli Stati Uniti verso un crescente sostegno all’implementazione degli SMR è positivo ma deve essere amplificato per garantire la competitività”.

Intervenendo mercoledì, Yeo, che ha prestato servizio sotto l’ex primo ministro britannico John Major, ha osservato: “Il mondo ha bisogno di un’iniziativa della portata del Piano Marshall per aiutare le regioni a maggior consumo di carbonio a sostituire i loro vecchi impianti a carbone con SMR”.

Alla luce dell’intensa concorrenza interna ed esterna e delle dimensioni limitate del mercato, il “vantaggio della prima mossa” sarà fondamentale. Il rapporto sottolinea che una rapida implementazione in serie determinerà il successo nel mercato SMR. Gli ultimi arrivati, anche quelli con tecnologia più avanzata, probabilmente avranno più difficoltà ad espandersi. Lo studio di NNWI raccomanda che un sostegno sostanziale si estenda oltre la ricerca e lo sviluppo e la concessione di licenze per includere misure esplicitamente mirate a promuovere la rapida implementazione delle serie SMR.

Questi “promotori politici” dovrebbero mirare ad applicazioni SMR praticabili come la sostituzione degli impianti alimentati a carbone come fonti di capacità di generazione del carico di base nella rete. Si potrebbero progettare meccanismi di sostegno specifici per il teleriscaldamento e per la fornitura di energia e calore off-grid per siti minerari e comunità remote, afferma il rapporto.

Inoltre, la promozione di alleanze globali consentirebbe, aggiunge, agli sviluppatori SMR di offrire opzioni integrate di build-own-opera e “plant-as-service”.

Il rapporto identifica 25 progetti che hanno le migliori possibilità di successo e conclude che alla fine il mercato SMR sarà dominato da un minimo di sei progetti.

La russa Rosatom ha sfruttato un forte sostegno governativo e un modello di business integrato “impianto come servizio” e questo, afferma il rapporto, probabilmente estenderà la sua attuale posizione dominante sul mercato di esportazione dei reattori da 1+GW al settore SMR. Si prevede che la sua serie di punta SMR conquisterà la maggiore quota di mercato globale entro il 2050.

Secondo gli autori dello studio, la Cina dovrebbe seguire la stessa strada, lasciando ai fornitori occidentali una sfida significativa per rimanere competitivi.

Sebbene il concetto di installazioni modulari di centrali nucleari più piccole e più convenienti rispetto alle centrali nucleari convenzionali di dimensioni gigawatt abbia guadagnato terreno in tutto il mondo per un bel po’ di tempo, il progresso complessivo nel settore negli ultimi 10-15 anni è stato modesto.

Secondo il rapporto NNWI, i vantaggi intrinseci degli SMR – dimensioni, modularizzazione e flessibilità – sono anche i loro punti deboli.

Le loro dimensioni più piccole e la natura modulare promettono una costruzione più rapida ed economica e l’adattabilità a vari tipi di rete, soprattutto nei mercati emergenti e nelle località remote.

However, these benefits are accompanied by higher relative electricity costs per unit of installed capacity, while uncertainties in demand, along with regulatory and political risks, create a ‘chicken-and-egg’ situation for the modular factory manufacturing and scaling that are prerequisites for cost reduction.

Yeo, che ha prestato servizio anche nel governo ombra dei Tory sotto tre leader e rimane una voce influente sulla politica energetica, osserva che l’implementazione dell’SMR si sta verificando in un panorama altamente competitivo, affrontando sfide sia all’interno del settore tra diversi progetti SMR, sia esternamente da alternative a basso livello. -fonti energetiche del carbonio.

Ha aggiunto: “L’analisi NNWI contiene consigli per i governi su come ottenere il massimo valore dai sussidi e da altri aiuti finanziari che offrono agli sviluppatori SMR.
"Farebbero bene a prestargli attenzione."

L’NNWI ritiene che l’energia nucleare sia vitale per il raggiungimento degli obiettivi giuridicamente vincolanti dell’Accordo di Parigi e una parte essenziale della soluzione globale al cambiamento climatico. Fondato nel 2014 da Yeo, l’Istituto mira a promuovere, sostenere e galvanizzare la comunità mondiale nella lotta al cambiamento climatico, che descrive come “la più grande prova del nostro tempo”.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending