Seguici sui social

Formazione

La Commissione accoglie con favore l'accordo politico su Erasmus +

Pubblicato

on

La Commissione ha accolto con favore l'accordo politico raggiunto tra il Parlamento europeo e gli Stati membri dell'UE sul nuovo Erasmus + Programma (2021-2027). I negoziati di trilogo si sono ora conclusi, in attesa dell'approvazione finale dei testi giuridici da parte del Parlamento europeo e del Consiglio. Promuovere il nostro stile di vita europeo Il vicepresidente Margaritis Schinas ha dichiarato: “Erasmus è il programma più emblematico d'Europa, il gioiello della nostra corona. Le generazioni Erasmus rappresentano l'essenza del nostro stile di vita europeo. Unità nella diversità, solidarietà, mobilità, sostegno all'Europa come spazio di pace, libertà e opportunità. Con l'accordo di oggi, siamo pronti per le prossime e più grandi generazioni Erasmus ".

Mariya Gabriel, Commissaria per l'innovazione, la ricerca, la cultura, l'istruzione e la gioventù, ha dichiarato: “Accolgo con favore l'accordo politico sul nuovo programma Erasmus +. Erasmus + è uno dei nostri programmi di punta. Negli ultimi tre decenni, la partecipazione a Erasmus + ha stimolato lo sviluppo personale, sociale e professionale di oltre 10 milioni di persone, di cui quasi la metà tra il 2014 e il 2020. Con quasi il doppio del budget per il prossimo periodo di programmazione, ora lavoreremo per raggiungere Altri 10 milioni nei prossimi sette anni ".

Erasmus + è una delle iniziative di maggior successo dell'UE fino ad oggi. Fin dalla sua istituzione nel 1987, il programma si è esteso a tutti i settori dell'istruzione e della formazione, dall'istruzione e cura della prima infanzia, all'istruzione scolastica, all'istruzione e formazione professionale, all'istruzione superiore e all'apprendimento degli adulti. Ha beneficiato più di 10 milioni di persone. Con un budget dedicato di 24.5 miliardi di euro a prezzi correnti e una ricarica aggiuntiva di 1.7 miliardi di euro ai prezzi del 2018, il nuovo programma non sarà solo più inclusivo e innovativo, ma anche più digitale e più verde. Puoi trovare il comunicato stampa qui.

Economia digitale

La Commissione istituisce un Centro per la conservazione digitale del patrimonio culturale e avvia progetti a sostegno dell'innovazione digitale nelle scuole

Pubblicato

on

Il 4 gennaio, la Commissione ha lanciato un centro di competenza europeo con l'obiettivo di preservare e conservare il patrimonio culturale europeo. Al centro, che funzionerà per un periodo di tre anni, sono stati concessi fino a 3 milioni di euro dal Horizon 2020 programma. Istituirà uno spazio digitale collaborativo per la conservazione del patrimonio culturale e darà accesso a archivi di dati, metadati, standard e linee guida. L'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare in Italia coordina il team di 19 beneficiari provenienti da 11 Stati membri dell'UE, Svizzera e Moldova.

La Commissione ha inoltre lanciato due progetti a sostegno dell'istruzione digitale, del valore massimo di 1 milione di euro ciascuno, attraverso Horizon 2020. Il primo progetto, MenSI, si concentra sul tutoraggio per il miglioramento scolastico e durerà fino a febbraio 2023. MenSI mira a mobilitare 120 scuole in sei Stati membri (Belgio, Cechia, Croazia, Italia, Ungheria, Portogallo) e Regno Unito per promuovere l'innovazione digitale, in particolare nelle scuole piccole o rurali e per gli studenti socialmente svantaggiati. Il secondo progetto, iHub4Schools, durerà fino a giugno 2023 e accelererà l'innovazione digitale nelle scuole grazie alla creazione di hub di innovazione regionali e un modello di mentoring. Parteciperanno 600 insegnanti in 75 scuole e gli hub saranno istituiti in 5 paesi (Estonia, Lituania, Finlandia, Regno Unito, Georgia). Anche l'Italia e la Norvegia beneficeranno del programma di mentoring. Sono disponibili ulteriori informazioni sui progetti appena lanciati qui.

Continua a leggere

Educazione degli adulti

Il presidente von der Leyen apre il terzo vertice europeo sull'istruzione

Pubblicato

on

Ospitato dalla Commissione europea, il 3 ° vertice europeo sull'istruzione si è svolto il 10 dicembre. Il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, ha pronunciato il discorso di apertura rendendo omaggio agli insegnanti, che dallo scoppio della pandemia COVID-19 si sono sforzati di mantenere le aule aperte digitalmente dando agli alunni l'opportunità di continuare a imparare. Il vertice di quest'anno è stato dedicato alla "Trasformazione dell'istruzione digitale".

Nel suo discorso, il presidente von der Leyen ha affermato che la pandemia “ha anche messo in luce le carenze che devono essere affrontate. Dobbiamo integrare con successo le tecnologie digitali nei nostri sistemi educativi. Le tecnologie digitali consentono a molti alunni di continuare ad apprendere. Ma per altri si è rivelato un ostacolo importante quando mancano accesso, attrezzature, connettività o competenze ".

Ha fatto riferimento al Piano d'azione per l'educazione digitale presentato di recente dalla Commissione, che mira proprio a potenziare le competenze digitali di insegnanti e alunni, nonché a sviluppare la relativa infrastruttura. Il presidente ha evidenziato gli obiettivi ambiziosi ma fattibili proposti per l'area europea dell'istruzione e ha parlato di come NextGenerationEU può aiutare il settore dell'istruzione.

Infine, ha accolto con favore la nuova 'Education for Climate Coalition': “Con questa coalizione vogliamo portare un po 'di energia dalle strade a tutte le nostre aule. Vogliamo mobilitare l'intera comunità educativa per sostenere gli obiettivi della neutralità climatica e dello sviluppo sostenibile ". Leggi il discorso completo on-line.

Continua a leggere

Educazione degli adulti

Terzo vertice europeo sull'istruzione per affrontare la trasformazione dell'educazione digitale

Pubblicato

on

Oggi (10 dicembre), la Commissione europea ospiterà il terzo Vertice europeo sull'istruzione, che si svolgerà online quest'anno. Presidente della Commissione Ursula von der Leyen; Promuovere il nostro vicepresidente dello stile di vita europeo Margaritis Schinas; Il commissario per l'Occupazione e i diritti sociali Nicolas Schmit e il commissario per l'innovazione, la ricerca, la cultura, l'istruzione e la gioventù Mariya Gabriel parteciperanno. Prima dell'evento, il vicepresidente Schinas ha dichiarato: "L'Europa privilegia società eque, verdi, digitali e inclusive. Lo Spazio europeo dell'istruzione offre iniziative concrete per raggiungere insieme questa ambizione condivisa. Università europee, Accademie degli insegnanti Erasmus, Centri di formazione professionale L'eccellenza e la mobilità Erasmus sono emblematiche del nostro stile di vita europeo ".

Il Commissario Gabriel ha anche affermato: “Non vedo l'ora di ascoltare le opinioni di così tante persone del mondo dell'istruzione mentre portiamo avanti il ​​nostro lavoro per realizzare uno Spazio europeo dell'istruzione entro il 2025 e attuare il nostro piano d'azione per l'istruzione digitale. A tal fine, coglierò l'occasione del vertice sull'istruzione per avviare un processo di consultazione sulla trasformazione dell'istruzione superiore. Annuncerò anche un altro risultato chiave della nostra agenda per lo Spazio europeo dell'istruzione: la coalizione Education for Climate, che svilupperemo nel corso del 2021 ".

I ministri dell'istruzione dell'UE, così come i professionisti dell'istruzione e i rappresentanti di tutta Europa, discuteranno le sfide e le opportunità per la trasformazione digitale dei sistemi educativi europei nel contesto della ripresa dalla crisi del coronavirus e oltre. Scambieranno inoltre esperienze e migliori pratiche per mitigare gli effetti della pandemia sull'offerta di istruzione e formazione e forniranno feedback sulla visione della Commissione di creare un Spazio europeo dell'istruzione entro il 2025 e l'attuazione del suo Piano d'azione per l'educazione digitale. Il Summit sarà trasmesso in streaming sul web - i collegamenti sono disponibili sul pagina web.

Continua a leggere
pubblicità

Twitter

Facebook

Trending