Seguici sui social

Economia

Tra i festeggiamenti per il mercato unico, la lotta per assicurarne il futuro

SHARE:

Pubblicato il

on

Al Parlamento europeo di Strasburgo sono stati festeggiati i trent'anni del mercato unico, ma si avverte che il suo futuro dipende dalla resistenza al protezionismo che attanaglia l'economia globale. Gli Stati membri sono difficilmente immuni dall'istinto di mettere al primo posto i propri interessi, scrive l'editore politico Nick Powell.

Pochi eurodeputati si sono presi la briga di partecipare, ma la seduta di febbraio a Strasburgo si è aperta con una cerimonia per celebrare i 30 anni del mercato unico. Un video ha salutato un ex presidente della Commissione europea, affermando come nel 1993 “la visione di Jacques Delors sia diventata realtà”.

Il ruolo del vicepresidente di Delors per il mercato interno, Arthur Cockfield, a volte noto come il "padre del mercato unico", non è stato menzionato; ancor meno il forte sostegno che ricevette dal primo ministro che lo aveva nominato, Margaret Thatcher. Piuttosto, la Presidente del Parlamento, Roberta Metsola, ha detto di non poter parlare di Mercato Unico, “senza citare la deplorevole partenza del Regno Unito, dove abbiamo veramente capito cosa significa far parte del Mercato Unico”.

Il suo punto era che è facile cadere in quella che ha definito "la narrativa distorta degli euroscettici", riconoscendo implicitamente che tali opinioni non sono scomparse dal discorso politico europeo con la partenza dei politici britannici che non potevano accettare ciò a cui Margaret Thatcher aveva aderito. .

Il commissario per la concorrenza Margrethe Vestager ha detto agli eurodeputati che anche dopo 30 anni il mercato unico "non era scontato". Ha anche aggiunto che "questo non è per sempre", forse suonando più pessimista di quanto intendesse. Il suo messaggio principale era che "non costruiamo la competitività con i sussidi".

Il commissario Vestager ha scritto ai ministri delle finanze dell'UE proponendo un nuovo quadro per gli aiuti di Stato, avvertendo del rischio che le imprese si trasferiscano negli Stati Uniti a causa dei 369 miliardi di dollari dietro l'Inflation Reduction Act del presidente Biden. Il suo stesso nome è un rifiuto del pensiero del libero mercato, che sostiene che i sussidi e il protezionismo fanno aumentare i prezzi pagati dai consumatori.

Con questo in mente, il Commissario vuole misure temporanee, mirate e transitorie che offrano "aiuti agli investimenti anti-delocalizzazione" proporzionati a dove "tale rischio esiste realmente". La minaccia al mercato unico è che non tutti gli Stati membri hanno la base imponibile per finanziarlo, "lo stesso spazio fiscale per gli aiuti di Stato", come afferma lei.

pubblicità

“Questo è un dato di fatto”, continua, “un rischio per l'integrità dell'Europa”. Il quadro di crisi temporaneo, per affrontare prima le conseguenze economiche della pandemia covid e ora dell'invasione russa dell'Ucraina, ha consentito a chi aveva le tasche più profonde di aiutare maggiormente le proprie imprese.

Dei 672 miliardi di euro che la Commissione ha approvato nell'ambito del quadro, il 53% è stato speso dalla Germania e il 24% dalla Francia. L'Italia è terza con il 7%, con la spesa degli altri 24 paesi appena visibile nel grafico della Commissione.

La risposta di Vestager è quella di istituire un fondo europeo collettivo da abbinare alla potenza di fuoco degli Stati Uniti, anche se gli americani potrebbero osservare che finora sono quelli che sono stati sconfitti, con la sola Germania che corrisponde all'incirca alla spesa che hanno autorizzato. Ma otterrebbero poca simpatia dal presidente del Consiglio Charles Michel.

Ha detto al Parlamento europeo che gli obiettivi di transizione verde dell'Inflation Reduction Act sono lodevoli e legittimi, ma che i sussidi e i crediti d'imposta pongono seri problemi alla concorrenza e al commercio internazionale. “Il nostro alleato americano sta abbracciando una massiccia politica di aiuti di Stato”, ha avvertito.

Ha difeso il modello del mercato sociale che porta a maggiori costi del lavoro e dell'ambiente in Europa, mentre c'erano anche costi energetici più elevati che negli Stati Uniti. “Dobbiamo quindi mobilitare ingenti risorse per portare avanti un'ambiziosa politica industriale europea per aumentare la competitività, potenziare la produttività e stimolare gli investimenti”.

Quasi contemporaneamente al discorso di Michel a Strasburgo, la presidente della Commissione Ursula von der Leyen è intervenuta al World Economic Forum di Davos. Ha spiegato i piani per allentare le restrizioni dell'UE sugli aiuti di Stato, suggerendo anche che gli Stati Uniti e l'UE devono cooperare di più. Essenzialmente voleva che le aziende europee beneficiassero dei sussidi americani quando vendevano merci come le auto elettriche nel mercato statunitense.

Presumibilmente ciò avverrebbe su base reciproca. L'UE che sovvenziona le importazioni dagli Stati Uniti sarebbe uno shock per il sistema mentre il mercato unico entra nel suo quarto decennio.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending