Seguici sui social

Bangladesh

Rendere giustizia alla storia, un forte appello a Bruxelles per il riconoscimento del genocidio del Bangladesh del 1971

SHARE:

Pubblicato il

on

In Bangladesh, il 25 marzo è segnato come Giornata del genocidio, l'anniversario dell'inizio della brutale campagna di repressione dell'esercito pakistano nel 1971 che ha causato circa tre milioni di vittime. Ora c'è una potente campagna per il riconoscimento internazionale che gli omicidi di massa, gli stupri e le torture sono stati un atto di genocidio contro il popolo bengalese. Ha compiuto un importante passo avanti a Bruxelles in occasione dell'anniversario di quest'anno, con un evento speciale organizzato dall'ambasciata del Bangladesh, scrive il redattore politico Nick Powell.

Il genocidio del Bangladesh è stato uno dei peggiori eventi del genere nella storia umana. Gli omicidi, gli stupri e le altre atrocità divennero ampiamente noti all'epoca, con un diffuso sostegno popolare in tutto il mondo nel 1971 per la lotta per la libertà del popolo di quello che allora era il Pakistan orientale. Tuttavia, proprio come i governi dell'epoca furono lenti nel riconoscere la legittimità democratica di un Bangladesh libero, la comunità internazionale non ha ancora riconosciuto il genocidio.

Al Club della stampa di Bruxelles, diplomatici, giornalisti, accademici, politici e membri della comunità del Bangladesh in Belgio si sono riuniti per ascoltare un'importante causa per il riconoscimento del genocidio e per le scuse del Pakistan per le brutalità commesse dai suoi collaboratori militari e locali. Hanno ascoltato testimonianze e potenti richiami e giustificazioni da parte di studiosi e sopravvissuti, i quali ritengono che la causa del riconoscimento del genocidio debba essere addotta, anche se dovrebbe essere ovvia.

Il professor Gregory H Stanton, presidente fondatore di Genocide Watch, ha avvertito che il riconoscimento è essenziale per la guarigione "come chiudere una ferita aperta". Ha osservato che il suo stesso governo, negli Stati Uniti, deve ancora riconoscere il genocidio del Bangladesh. L'amministrazione statunitense di Nixon-Kissinger rimase altrettanto silenziosa nel 1971, non volendo offendere il suo alleato della guerra fredda in Pakistan.

Il Prof. Stanton ha sostenuto che oltre a riconoscere il genocidio in sé, gli Stati Uniti dovrebbero riconoscere quella presa di posizione del suo Console Generale a Dhaka, Archer Blood, che ha distrutto la sua carriera diplomatica inoltrando al Dipartimento di Stato una nota firmata da diversi funzionari americani che avrebbero non chiudere gli occhi su ciò che stava accadendo.

L'ambasciatore del Bangladesh Mahbub Hassan Saleh

“Il nostro governo ha evidenziato quello che molti considereranno un fallimento morale”, hanno scritto. Anche nel 2016, come disse l'ambasciatore del Bangladesh, Mahbub Hassan Saleh, al pubblico a Bruxelles, l'allora consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Nixon, Henry Kissinger, 45 anni dopo la sua complicità con il genocidio del 1971 in Bangladesh, avrebbe solo ammesso che il Pakistan aveva "resistito con violenze estreme” e ha commesso “gravi violazioni dei diritti umani”.

Come ha sottolineato l'ambasciatore, l'esercito pakistano stava conducendo una guerra non solo contro il popolo bengalese, ma contro l'uomo che aveva ottenuto una vittoria elettorale così schiacciante nel Pakistan orientale da essere il legittimo primo ministro dell'intero stato pakistano, Bangabandhu Sheikh Mujibur Rahman. Gli ha dato la base legale per dichiarare l'indipendenza, anche se ha aspettato fino all'ultimo momento, quando l'esercito pakistano ha lanciato la sua guerra genocida. 

pubblicità

Reportage coraggiosi, in particolare di Anthony Mascarenhas, hanno portato la verità al mondo. Il suo account in Domenica Times era semplicemente intitolato "Genocidio". La sua citazione da un comandante pakistano è stata letta al Club della stampa di Bruxelles dal professor Tazeen Mahnaz Murshid. “Siamo determinati a liberare il Pakistan orientale dalla minaccia della cessazione, una volta per tutte, anche se ciò significa uccidere due milioni di persone e governarlo come colonia per 30 anni”.

Il professor Tazeen Mahnaz Murshid

Perché la prof.ssa Murshid, lei stessa sopravvissuta al genocidio, ha messo in luce la natura di questo crimine contro l'umanità. È stato un tentativo di imporre una soluzione finale, una cultura disumanizzante dell'impunità sostenuta dal fallimento morale della comunità internazionale. L'eccezione sulla scena mondiale è stata l'India, che ha ospitato milioni di profughi e ha subito incursioni pakistane "preventive" nei suoi aeroporti. Quando fu attaccata, l'India alla fine inviò le sue truppe nel Pakistan orientale, assicurando la vittoria della lotta di liberazione e la nascita del Bangladesh. 

Un'ulteriore prova dell'intento genocida è stata la presa di mira di leader politici, intellettuali e culturali. In una breve e commovente dichiarazione Shawan Mahmud, la figlia del paroliere, compositore e attivista linguistico martirizzato Alaf Mahmud, ha rivissuto i ricordi della morte del padre. 

Un'altra collaboratrice è stata Irene Victoria Massimino, del Lemkin Institute for Genocide Prevention. Per lei, una parte importante della prevenzione del genocidio risiede nel riconoscimento del genocidio, nel riconoscimento delle vittime e delle loro sofferenze, nella responsabilità e nella giustizia. E nel suo discorso, Paulo Casaca, ex membro del Parlamento europeo e fondatore del Forum democratico dell'Asia meridionale, si è rammaricato che il Pakistan debba ancora scusarsi per i sinistri crimini commessi dalla sua giunta militare nel 1971.

L'Ambasciatore Saleh, nelle sue osservazioni conclusive, ha osservato che il riconoscimento del genocidio in Bangladesh “renderebbe giustizia alla storia” e offrirebbe un po' di conforto ai sopravvissuti e alle famiglie delle vittime. “Come potrebbe esserci una chiusura senza un riconoscimento da parte del mondo e le scuse degli autori, cioè l'esercito pakistano?”, ha chiesto.

Ha aggiunto che il suo paese non aveva "riserve o odio" nei confronti della gente di nessun paese, incluso il Pakistan, ma era giusto dire che il Bangladesh meritava delle scuse. Ha espresso la speranza che il riconoscimento del genocidio in Bangladesh trovi portata e comprensione presso un pubblico internazionale più ampio. Con il tempo, sperava, il Parlamento europeo avrebbe approvato una risoluzione a sostegno del riconoscimento del genocidio.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending