Seguici sui social

Consiglio europeo

Consiglio e Parlamento raggiungono un accordo su nuove regole per salvaguardare la libertà dei media, il pluralismo dei media e l'indipendenza editoriale nell'UE

SHARE:

Pubblicato il

on

Il Consiglio ha raggiunto un accordo provvisorio con il Parlamento europeo su una nuova legge per salvaguardare la libertà dei media, il pluralismo dei media e l'indipendenza editoriale nell'UE. La legge europea sulla libertà dei media (EMFA) stabilirà un quadro comune per i servizi dei media nel mercato interno dell’UE e introdurrà misure volte a proteggere i giornalisti e i fornitori di media dalle interferenze politiche, rendendo loro più facile operare attraverso i confini interni dell’UE. Le nuove regole garantiranno il diritto dei cittadini ad accedere a un’informazione libera e plurale e definiranno la responsabilità degli Stati membri nel fornire le condizioni e il quadro adeguati per proteggerla.

Ernest Urtasun i Domènech, ministro spagnolo della Cultura

“La democrazia non può esistere senza la libertà, l’indipendenza e la pluralità dei media. L'accordo odierno conferma la posizione dell'UE come leader mondiale nella protezione dei giornalisti, nel garantire l'indipendenza dei fornitori di media e nell'assicurare che i cittadini abbiano accesso a una gamma ampia e diversificata di fonti di notizie affidabili." Ernest Urtasun i Domènech, ministro spagnolo della Cultura

Crescente minaccia alla libertà dei media

Il regolamento proposto risponde alle crescenti preoccupazioni nell'UE in merito al politicizzazione dei media e del mancanza di trasparenza della proprietà dei media e dell’assegnazione dei fondi pubblicitari statali ai fornitori di servizi di media. Si cerca di mettere in atto misure di salvaguardia combattere le interferenze politiche nelle decisioni editoriali per i fornitori di servizi di media pubblici e privati, proteggere i giornalisti e le loro fontie garantire la libertà e il pluralismo dei media.

Un nuovo consiglio per i servizi di media

L’EMFA si basa sulle disposizioni della direttiva sui servizi di media audiovisivi del 2018 (AVMSD) e amplia il suo campo di applicazione per includere la radio e la stampa. In particolare, introduce un indipendente Comitato europeo per i servizi dei media ("il Comitato") sostituire il gruppo dei regolatori (ERGA) istituito nell'ambito dell'AVMSD. Il consiglio sarà composto da autorità mediatiche nazionali e consiglierà e sosterrà la Commissione per promuovere l’applicazione coerente delle disposizioni chiave della nuova legge EMFA e dell’AVMSD in tutti gli Stati membri, anche fornendo pareri e aiutando la Commissione a produrre linee guida.

Elementi del compromesso

Il testo di compromesso concordato provvisoriamente tra i colegislatori mantiene l'ambizione e gli obiettivi della proposta della Commissione, garantendo nel contempo che la nuova legge è coerente con la legislazione dell'UE in vigore, rispetta le competenze nazionali in questo settoree trova il giusto equilibrio tra la necessaria armonizzazione e il rispetto delle differenze nazionali.

In particolare, l’accordo provvisorio:

  • chiarisce il responsabilità degli Stati membri garantire la pluralità, l'indipendenza e il corretto funzionamento dei fornitori di media pubblici che operano all'interno dei loro confini
  • stabilisce l’obbligo per gli Stati membri di garantirne l’efficacia protezione dei giornalisti e degli operatori dei media nell’esercizio della propria attività professionale
  • vieta agli Stati membri di utilizzare misure coercitive per ottenere informazioni in merito fonti di giornalisti o comunicazioni riservate salvo casi specificati
  • amplia la portata dei requisiti in materia di trasparenza, sia per la trasparenza della proprietà che si propone di applicare a tutti i fornitori di servizi di media, sia per la trasparenza della pubblicità statale laddove la possibilità di esenzioni nazionali per le piccole entità è notevolmente ridotta
  • fornisce norme più chiare sul rapporto tra fornitori di piattaforme online di grandi dimensioni (VLOP) e fornitori di servizi di media che aderiscono a regimi normativi o di autoregolamentazione del controllo editoriale e degli standard giornalistici negli Stati membri, con l'obiettivo di garantire che i contenuti forniti dai fornitori di servizi di media siano trattati con particolare attenzione
  • consente ai fornitori di servizi media di rispondere entro 24 ore o prima in caso di emergenza, se un VLOP decide di rimuovere il loro contenuto per motivi di incompatibilità con i suoi termini e condizioni

L'accordo con il Parlamento determina la portata del Consiglio nel suo ruolo consultivo e rafforza la sua indipendenza. Si introduce inoltre la possibilità per il Consiglio di istituire a gruppo direttivo, Nonché consultare i rappresentanti dei media su questioni che esulano dall’ambito del settore dei media audiovisivi.

pubblicità

Infine, gli Stati membri potranno adottare norme più severe o dettagliate rispetto a quelli stabiliti nelle parti pertinenti dell'EMFA.

Prossimi passi

L'accordo provvisorio odierno dovrà essere approvato dal Consiglio e dal Parlamento una volta che il testo sarà stato messo a punto a livello tecnico. Sarà poi adottato formalmente da entrambe le istituzioni nella primavera del 2024. I negoziati tra i due colegislatori sono stati avviati il ​​19 ottobre 2023 e si sono conclusi a livello politico con l'accordo odierno.

sfondo

La libertà e il pluralismo dei media sono sanciti dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Tuttavia, recenti relazioni della Commissione e dell’Osservatorio del pluralismo dei media hanno evidenziato una serie di preoccupazioni nell’UE riguardo a questioni quali la politicizzazione dei media, la trasparenza della proprietà dei media e l’indipendenza dei regolatori dei media.

Il 16 settembre 2022 la Commissione ha pubblicato la sua proposta di regolamento che istituisce un quadro comune per i servizi di media nel mercato interno. La proposta dell’EMFA stabilisce nuove regole per proteggere il pluralismo e l’indipendenza dei media nell’UE. Il 21 giugno 2023 il Consiglio ha ottenuto un mandato per i negoziati con il Parlamento europeo, che è stato rivisto il 22 novembre 2023.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending