Seguici sui social

Commissione europea

Oltre 250 milioni di euro per sostenere la connettività sicura in tutta l’UE nell’ambito del programma digitale CEF

SHARE:

Pubblicato il

on

La Commissione europea ha firmato convenzioni di sovvenzione con 37 progetti selezionati nell'ambito della seconda serie di inviti a presentare proposte per la componente digitale del Meccanismo per collegare l'Europa (CEF Digital). Il budget totale di 252 milioni di euro sarà assegnato a progetti per la realizzazione dell'infrastruttura 5G per le comunità locali e lungo i principali corridoi di trasporto europei, nonché per la realizzazione di cavi sottomarini, migliorando la sicurezza e la resilienza delle reti dorsali all'interno e verso l'UE.

Tra i progetti sostenuti, l’UE cofinanzierà lo spiegamento di cavi marittimi per fornire una maggiore interconnessione tra Irlanda e l' Terraferma dell'UE, nonché tra l'UE e le sue regioni ultraperiferiche nell'Oceano Atlantico. Le sovvenzioni forniranno anche supporto collegamento transartico diretto tra l’UE e l’Estremo Oriente, fornire infrastrutture di connettività ad alta capacità per le isole greche digitalmente sottoservite nel Mediterraneo, e rafforzare la connettività con l’Africa. Tra i progetti finanziati, anche l'UE sosterrà infrastrutture 5G a prova di futuro lungo le autostrade, le strade, le ferrovie e le vie navigabili transfrontaliere. I progetti del corridoio 5G apriranno la strada a Mobilità connessa e automatizzata (CAM) e relativi servizi di sicurezza e non, garantendo la continuità del servizio transfrontaliero.

Infine, le sovvenzioni sostengono l'adozione di Infrastruttura di rete 5G nelle comunità intelligenti locali in tutta l’UE, come università, ospedali e altri edifici civili, per migliorare la qualità dei servizi di interesse generale.

L' terza serie di inviti a presentare proposte nell'ambito del CEF Digital è attualmente aperta la presentazione fino al 20 febbraio 2024.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending