#Antitrust: la Commissione mina le ferrovie lituane € 28 milioni per ostacolare la concorrenza sul mercato dei trasporti ferroviari

La Commissione europea ha ammortizzato le Ferrovie del Lituano (Lietuvos geležinkeliai) un importo di € 27,873,000 per ostacolare la concorrenza sul mercato dei trasporti ferroviari, in violazione delle norme antitrust dell'UE, rimuovendo un binario ferroviario che collega Lituania e Lettonia.

Il commissario Margrethe Vestager, responsabile della politica della concorrenza, ha dichiarato: "Le ferrovie lituane hanno utilizzato il proprio controllo sull'infrastruttura ferroviaria nazionale per penalizzare i concorrenti nel settore dei trasporti ferroviari. L'Unione europea necessita di un buon mercato del trasporto merci ferroviario. È inaccettabile e senza precedenti che un'azienda smantella un'infrastruttura ferroviaria pubblica per proteggersi dalla concorrenza ".

Le Ferrovie del Lituano sono la società ferroviaria di proprietà statale in Lituania. L'azienda è integrata verticalmente, il che significa che è responsabile sia dell'infrastruttura ferroviaria che del trasporto ferroviario.

AB Orlen Lietuva (Orlen) è una controllata di PKN Orlen, società petrolifera polacca.

In 2008, Orlen, un importante cliente commerciale delle Ferrovie della Lituania, ha considerato di reindirizzare il suo trasporto da Lituania a Lettonia utilizzando i servizi di un altro operatore ferroviario. Nell'ottobre 2008, le ferrovie lituane hanno smantellato una sezione lunga 19km di binario che collega Lituania e Lettonia, vicino alla raffineria di Orlen. La rimozione della pista significava che Orlen avrebbe dovuto usare un percorso molto più lungo per raggiungere la Lettonia. Da allora la pista smontata non è stata ricostruita.

immagine EN

L'indagine della Commissione ha scoperto che tali azioni ostacolano la concorrenza sul mercato dei trasporti ferroviari impedendo ad un importante cliente delle ferrovie lituane di utilizzare i servizi di un altro operatore ferroviario. Le Ferrovie del Lituano non hanno mostrato alcuna giustificazione oggettiva per la rimozione della pista. Tale comportamento è in violazione dell'articolo 102 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE) che vieta l'abuso di una posizione di mercato dominante.

Il mercato dei trasporti ferroviari dell'UE è stato liberalizzato in 2007. Da allora la Commissione sta lavorando per completare il mercato unico per i servizi ferroviari, anche assicurando la gestione indipendente delle infrastrutture ferroviarie e promuovendo gli investimenti in binari che collegano gli Stati membri. In questo contesto, l'applicazione delle norme comunitarie in materia di concorrenza è importante per garantire che le barriere normative non siano sostituite da comportamenti anticoncorrenziali di imprese ferroviarie dominanti che impediscano all'UE di raggiungere i propri obiettivi ultimati per il trasporto ferroviario.

multe

Le multe sono stati fissati sulla base del Linee guida 2006 della Commissione in materia di ammende (vedere stampa rilasciare e MEMO). Per quanto riguarda il livello dell'ammenda, la Commissione ha tenuto conto in particolare del valore delle vendite relative all'infrazione, alla gravità dell'infrazione e alla sua durata.

Oltre all'imposizione di un'ammenda, la decisione della Commissione impone alle Ferrovie del Lituano di porre fine all'infrazione e di astenersi da qualsiasi misura che abbia lo stesso oggetto o un effetto equivalente.

sfondo

Articolo 102 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE) vieta l'abuso di una posizione di mercato dominante che possa incidere sul commercio tra gli Stati membri dell'UE e prevenire o limitare la concorrenza. Il regolamento antitrust (Regolamento n 1 / 2003 Consiglio) illustra come la Commissione e le autorità nazionali della concorrenza applicano questa disposizione.

A seguito di una denuncia di Orlen, la Commissione ha svolto ispezioni nei locali di Lietuvos geležinkeliai in 2011 e aperto procedimenti formali antitrust nel mese di marzo 2013. La Commissione ha inviato un a Comunicazione degli addebiti alla società nel mese di gennaio 2015.

Maggiori informazioni saranno rese disponibili sotto il numero del caso 39813 nel registro pubblico degli atti della Commissione concorrenza sito web una volta che tutti i problemi di riservatezza sono stati risolti. Una raccolta periodica di notizie antitrust è disponibile nel sito web Concorrenza settimanale della concorrenza.

Ricorso per risarcimento danni

Qualsiasi persona o azienda interessata da comportamenti anticoncorrenziali come descritto in questo caso può portare la questione dinanzi ai tribunali degli Stati membri e chiedere danni. La giurisprudenza della Corte e del regolamento del Consiglio 1 / 2003 confermano entrambe che nei casi davanti ai giudici nazionali una decisione della Commissione costituisce una prova vincolante che il comportamento è avvenuto ed era illegale. Anche se la Commissione ha sanzionato le società interessate, i danni possono essere aggiudicati senza essere ridotti a causa della multa della Commissione.

La Direttiva risarcimento del danno antitrust, che gli Stati membri dovevano attuare nei loro ordinamenti giuridici da 27 dicembre 2016, lo rende più facile per le vittime di pratiche anticoncorrenziali per ottenere i danni. Maggiori informazioni sulle azioni di risarcimento del danno antitrust, tra cui una guida pratica su come quantificare un danno antitrust, è disponibile qui.

tag: , , , , , , ,

Categoria: Un Frontpage, EU, Commissione europea, Lituania