Seguici sui social

Energia

La Commissione intensifica gli sforzi per affrontare la povertà energetica e rafforzare la tutela dei consumatori

SHARE:

Pubblicato il

on

In vista dell’inverno, la Commissione rafforza la sua azione per proteggere i consumatori di energia, in particolare quelli vulnerabili. Con l'adozione di un nuovo Consigli sulla povertà energetica, la Commissione rafforza il proprio impegno per garantire che la transizione all’energia pulita sia giusta e giusta per tutti.

La Raccomandazione definisce le buone pratiche per i miglioramenti strutturali che gli Stati membri possono adottare affrontare le cause profonde della povertà energetica. Vengono inoltre evidenziati gli investimenti in misure strutturali per affrontare il basso rendimento energetico delle case e degli elettrodomestici. Altre misure includono la fornitura di informazioni chiare sulle bollette energetiche e sulle pratiche di risparmio energetico e l’incoraggiamento dei cittadini a unirsi alle comunità energetiche o a passare a soluzioni di energia rinnovabile. La Raccomandazione, che è accompagnata da una dettagliata Documento di lavoro, fornisce inoltre suggerimenti su come sfruttare l'effetto leva del bilancio dell'UE a livello nazionale.

Il commissario alla Giustizia Didier Reynders e il commissario per l'Energia Kadri Simson (nella foto) ha presentato la raccomandazione alle parti interessate in occasione di un evento sulla povertà energetica. Hanno inoltre assistito alla firma della rinnovata Dichiarazione congiunta delle parti interessate su una maggiore protezione dei consumatori per l'inverno. Questa iniziativa, iniziato a dicembre 2022, riunisce le principali parti interessate che rappresentano i consumatori, i regolatori, i fornitori e i distributori di energia attorno a principi comuni sulle difficoltà di pagamento e sui differimenti delle fatture e per garantire che nessuno sia disconnesso dalla fornitura di energia.

Il Commissario Reynders ha dichiarato: “Con l’aumento dei prezzi dell’energia lo scorso anno e la crisi del costo della vita, milioni di consumatori hanno faticato ad arrivare a fine mese. Anche se la situazione è migliorata rispetto allo scorso inverno, il costo della vita resta elevato e i prezzi dell’energia sono ancora più alti rispetto a prima della crisi. Molti consumatori, e in particolare quelli in situazioni vulnerabili, probabilmente incontreranno difficoltà nel mantenere le loro case calde e nel pagare le bollette energetiche. Dobbiamo continuare a fare tutto il possibile per proteggere i consumatori in difficoltà”.

Il Commissario Simson ha dichiarato: “La povertà energetica non è un fenomeno nuovo nell'UE, né è legato solo ai prezzi dell'energia, ma è stata messa sotto i riflettori negli ultimi anni con l'uso militare delle sue forniture energetiche da parte della Russia. Si verifica in tutti gli Stati membri e aumenta la pressione su coloro che si trovano già in situazioni vulnerabili. Abbiamo agito per portare maggiore stabilità al mercato energetico e ora stiamo andando oltre le misure anticrisi per garantire ai consumatori una maggiore prevedibilità dei prezzi a lungo termine. La raccomandazione odierna si concentra su misure strutturali a lungo termine, come garantire l’accesso ad alloggi ed elettrodomestici efficienti dal punto di vista energetico nonché all’energia rinnovabile, che contribuiranno a consentire a tutte le persone di guidare la transizione energetica pulita dell’Europa”.

Puoi trovare maggiori informazioni qui.

pubblicità

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending