Seguici sui social

Salute e benessere

Ignorare le prove: la "saggezza convenzionale" sta ostacolando la lotta contro il fumo?

SHARE:

Pubblicato il

on

È una domanda a cui la Commissione europea sembra incapace di rispondere. La campagna per impedire alle persone di fumare sigarette è frenata dall'impulso di vietare tutti i prodotti del tabacco? Le prove suggeriscono che le alternative al fumo basate sulla nicotina, come le sigarette elettroniche, hanno un ruolo importante da svolgere, scrive il redattore politico Nick Powell.

La grande discussione sul fumo di sigaretta è in effetti finita. Nessuno ancora suggerisce che il fumo non sia un'attività estremamente dannosa e tutti concordano sul fatto che chi fuma ancora dovrebbe smettere. Le persone che non hanno mai fumato non dovrebbero certo iniziare e questo vale soprattutto per i giovani, che non dovrebbero prendere gusto per la nicotina dalle sigarette elettroniche e altri sostituti.

Sfortunatamente, in alcuni ambienti c'è la tentazione di fare un salto da quel consenso e fare un'argomentazione che equivale a dire "è tutto negativo, quindi vietiamolo" o almeno rendiamolo enormemente costoso attraverso la tassazione. Ciò crea un'opportunità commerciale per i contrabbandieri di tabacco, soprattutto se ai fumatori non viene nemmeno offerta la possibilità di passare a sostituti molto più sicuri.

Ma la brigata "vieta tutto" è diventata molto influente. L'Agenzia esecutiva europea per la salute e il digitale ha recentemente concordato un contratto da 3 milioni di euro per sostenere l'eliminazione del tabacco da parte di almeno il 95% della popolazione entro il 2040. L'unica offerta proveniva da un consorzio che include, con un ruolo consultivo, la Rete europea per il fumo Prevenzione (ENSP), che è contro i prodotti alternativi.

ENSP nega qualsiasi conflitto di interessi nel fornire competenze tecnico-scientifiche al consorzio. Tuttavia, l'eurodeputata svedese Sara Skyttedal ha presentato un'interrogazione alla Commissione europea chiedendo se vedesse alcun rischio di conflitto di interessi coinvolgendo l'ENSP. Ha affermato che "fa pressioni sulla Commissione sulla politica del tabacco e sostiene un divieto totale di prodotti a base di nicotina più sicuri".

Era una domanda prioritaria, alla quale la Commissione dovrebbe rispondere entro tre settimana. È stato presentato il 17 aprile ma nessuna risposta è stata pubblicata entro la fine di maggio. La Commissione può ovviamente richiamare l'obbligo di dichiarare tutti i conflitti di interesse e le sue norme in materia di trasparenza e apertura.

La Svezia è l'unico stato membro in cui il fumo di sigaretta è sceso al di sotto del 5%, un risultato che è stato attribuito alla disponibilità della tradizionale alternativa svedese dello snus. È un prodotto del tabacco che non viene fumato ma posto sotto il labbro superiore e comporta un rischio molto più basso di cancro, compreso il cancro alla bocca.

pubblicità

Un'altra eurodeputata svedese, Jessica Polfjard, ha chiesto che lo snus e altri prodotti orali siano disponibili in tutta l'UE, così come lo sono in Svezia. Ha detto che avrebbero "svolto un ruolo importante nel fornire sostituti delle normali sigarette e altri prodotti più dannosi".

In un recente discorso, l'amministratore delegato di Philip Morris International (PMI), Jacek Olczak, ha ribadito il suo impegno a far uscire la sua azienda dal business delle sigarette, ma ha osservato che "più vado veloce, più la gente mi urla contro". Ha detto che la missione di PMI era chiara, “ridurre il fumo sostituendo le sigarette con alternative meno dannose”, aggiungendo che “le sigarette appartengono ai musei”.

Olczak ha detto che non ci dovrebbero essere errori sul fatto che le persone che non hanno mai usato tabacco o nicotina, in particolare i minori, non dovrebbero usare alternative alle sigarette. “E non c'è dubbio che smettere del tutto; o meglio ancora, non cominciare mai, è la scelta migliore”.

Ma ha sostenuto che era giunto il momento di guardare a esempi del mondo reale, come la Svezia. È stato stimato che 350,000 decessi attribuibili al fumo tra gli uomini ogni anno avrebbero potuto essere evitati nel resto dell'UE se avessero eguagliato il tasso di mortalità correlato al tabacco della Svezia.

Dopo l'introduzione in Giappone nel 2014 di prodotti a base di tabacco riscaldato simili allo snus svedese, nei successivi cinque anni si è registrato un calo senza precedenti del numero di adulti che fumavano sigarette. A Singapore, dove le alternative senza fumo sono vietate, le vendite di sigarette sono aumentate. “Non prendere oggi una decisione basata su prove sui prodotti senza fumo è una decisione con conseguenze”, ha concluso Olczak.

Jancek Olczak ha tenuto il suo discorso a Londra, dove il governo del Regno Unito ha stabilito una politica "Swap to Stop" che mira a raggiungere un'Inghilterra senza fumo entro il 2030. Il ministro per le cure primarie e la sanità pubblica, Neil O'Brien, ha fissato una strategia che si rivolge ai fumatori promuovendo lo svapo, ma mira anche a fermare l'uso delle sigarette elettroniche da parte dei bambini.

Una task force sugli standard commerciali reprimerà le vendite illecite di vaporizzatori, in particolare ai minori di 18 anni, con 3 milioni di sterline per finanziare una "squadra mobile" che farà rispettare la legge. Ci sarà una richiesta di prove per affrontare lo svapo giovanile. Ci sarà anche una consultazione su come convincere i produttori di sigarette a inserire consigli su come smettere di fumare all'interno dei pacchetti.

Nel frattempo, un milione di starter kit per lo svapo saranno offerti ai fumatori adulti che accedono al programma per smettere di fumare del Servizio Sanitario Nazionale. L'attenzione sarà rivolta alle comunità più svantaggiate. Le donne incinte riceveranno un incentivo finanziario per smettere di fumare, sotto forma di buoni spesa fino a 400 sterline.

Il ministro ha affermato che il governo britannico "vedrà dove possiamo andare oltre ciò che la direttiva sui prodotti del tabacco dell'UE ha consentito". Ha anche escluso il divieto totale di fumare per tutti i nati dopo una certa data, preferendo un approccio basato sulla “scelta personale e sull'offerta di aiuto”.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending