Seguici sui social

Ambiente

Sbloccare il successo climatico: il nuovo rapporto traccia il percorso verso la definizione di obiettivi climatici credibili per le aziende

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

Un nuovo rapporto del WWF pubblicato oggi fornisce alle aziende conoscenze e raccomandazioni essenziali per fissare obiettivi climatici ambiziosi e credibili, che sono tenute a pubblicare ai sensi della legislazione europea. Il rapporto "Obiettivi climatici aziendali: garantire la credibilità degli impegni regolamentati dall’UE" include una descrizione dettagliata degli obblighi legali delle aziende e degli istituti finanziari, nonché raccomandazioni metodologiche. Mostra inoltre che l'utilizzo della Science Based Targets Initiative (SBTi) facilita la definizione degli obiettivi e consente alle aziende di conformarsi ai relativi requisiti della normativa europea.

Questo rapporto valuta l’allineamento dei requisiti metodologici di SBTi con i requisiti legali dell’UE delineati nella Direttiva sul reporting di sostenibilità aziendale (CSRD), che fornisce un quadro per il reporting obbligatorio di sostenibilità a livello europeo. Tutte le raccomandazioni e le conclusioni emesse in questo rapporto sono anche in linea con l’attuale versione della Direttiva Corporate Sustainability Due Diligence (CSDDD), che dovrebbe essere votata a breve dagli Stati membri dell’UE.

Secondo Antoine Pugliese, responsabile della difesa della finanza sostenibile presso il WWF Francia: “Il rafforzamento dei requisiti di reporting sulla sostenibilità aziendale è un elemento chiave del Green Deal europeo. L’obiettivo principale della Direttiva sul reporting di sostenibilità aziendale (CSRD) è fornire dati strategici sulla sostenibilità che consentano alle aziende di allineare i modelli di business con un’economia sostenibile e una limitazione del riscaldamento globale a 1.5°C, in linea con l’Accordo di Parigi. Questo primo rapporto esamina il modo in cui aziende, revisori e supervisori devono garantire la credibilità degli obiettivi climatici come primo elemento di un solido piano di transizione”.

Reagendo al rapporto, Anna Notarianni, Group Chief Impact Officer di Sodexo ha dichiarato: “Essendo la prima azienda nel nostro settore con obiettivi climatici a breve e lungo termine convalidati da SBTi, Sodexo ha costantemente aperto la strada alla sostenibilità. Siamo orgogliosi che la nostra adozione proattiva di obiettivi e traiettorie convalidati da SBTi sia stata la decisione giusta da prendere e sarà utile per affrontare i requisiti normativi emergenti come la CSRD – questo nuovo rapporto del WWF lo conferma”.

Nel  Skender Sahiti-Manzoni, Responsabile Politiche sostenibili e coinvolgimento degli stakeholder presso La Banque Postale: “Il recente rapporto del WWF sottolinea l'impegno costante di La Banque Postale nella lotta al cambiamento climatico nel settore finanziario. Adottando tempestivamente obiettivi e percorsi rigorosi e basati sulla scienza, stiamo riaffermando il nostro impegno verso transizioni sostenibili, rispettando al tempo stesso efficacemente gli standard di divulgazione degli obiettivi climatici come il CSRD. Ciò sottolinea il nostro approccio proattivo, dimostrato dal nostro impegno a ritirarci completamente dai combustibili fossili entro il 2030 al più tardi”.

In particolare, il rapporto formula le seguenti raccomandazioni:

  1. Le istituzioni dell’UE e gli Stati membri, le autorità di regolamentazione e di vigilanza pertinenti e i fornitori di servizi di assicurazione (revisori dei conti) dovrebbero immediatamente raccomandare alle aziende di farlo adottare obiettivi climatici convalidati da SBTi, sia per garantire la conformità ai requisiti normativi dell'UE sulla definizione e rendicontazione degli obiettivi climatici aziendali, sia per migliorare la trasparenza sulle riduzioni previste delle emissioni.
  2. Le L’UE dovrebbe sviluppare un quadro normativo metodologico di riferimento per garantire obiettivi climatici credibili e comparabili allineati con un limite di aumento della temperatura globale di 1.5°C per le aziende, sulla base delle linee guida e delle raccomandazioni metodologiche SBTi.
  3. Gli obiettivi climatici devono essere monitorati dai regolatori pertinenti (autorità nazionali competenti) e dai supervisori che dovrebbero garantirlo vengono stanziati mezzi adeguati al raggiungimento di questi obiettivi e monitorare i progressi negli impegni aziendali. In questo senso, il CSDDD rappresenta una parte essenziale della regolamentazione della sostenibilità dell’UE, che dovrebbe essere integrata dallo sviluppo di un solido processo di misurazione, rendicontazione e verifica (MRV) per gli obiettivi climatici aziendali.

Il WWF chiede una rapida considerazione di queste raccomandazioni per garantire l’ambizione e la credibilità degli obiettivi climatici aziendali, in linea con gli obiettivi climatici dell’UE 2030, il Green Deal europeo e la promozione della resilienza climatica a lungo termine e della stabilità finanziaria.

pubblicità

Risultati chiave

requisiti della CSRD: il rapporto ricorda che la CSRD consente alle aziende di fissare obiettivi climatici, dichiarare se sono allineati con un limite di 1.5°C di aumento della temperatura globale e descrivere gli scenari utilizzati per svilupparli. Questi obiettivi devono essere fissati in termini assoluti per garantire la rapida decarbonizzazione delle attività economiche, a intervalli di cinque anni tra il 2030 e il 2050. Ciò dovrebbe essere eventualmente integrato dal CSDDD, che, se votato come previsto, imporrà anche alle autorità di vigilanza di garantire che le aziende forniscono mezzi adeguati per attuare i propri obiettivi climatici attraverso piani di transizione.

Conformità di SBTi alle normative europee: SBTi è un riferimento metodologico per la definizione degli obiettivi di clima aziendale. È stato utilizzato per convalidare gli obiettivi di oltre 4,000 aziende e istituzioni finanziarie in quasi 100 paesi, con oltre 3,000 impegnate a farlo. Consente agli attori economici di garantire che i loro obiettivi di decarbonizzazione siano compatibili con un limite di aumento della temperatura globale di 1.5°C (con un superamento minimo o nullo). L'analisi del WWF mostra che i requisiti metodologici di SBTi per la creazione, la presentazione e la convalida degli obiettivi climatici sono in linea con i requisiti stabiliti nella CSRD e talvolta sono anche più rigorosi.

Un processo facilitato per la definizione degli obiettivi climatici: Grazie alla sua presenza consolidata nell’UE e alla copertura significativa delle emissioni di gas serra dell’Unione, SBTi può agevolare notevolmente l’attuazione della CSRD e dei requisiti CSDDD previsti per le aziende e le istituzioni finanziarie per fissare e pubblicare obiettivi climatici. Ciò contribuirà a migliorare la credibilità e la comparabilità di questi obiettivi e a contribuire meglio all’obiettivo dell’UE di raggiungere la neutralità climatica. Obiettivi climatici ambiziosi e credibili contribuiscono anche a migliorare la resilienza e la stabilità finanziaria a lungo termine delle aziende e delle istituzioni finanziarie. Il rapporto sottolinea, tuttavia, che la sola fissazione degli obiettivi non è sufficiente per fornire una valutazione soddisfacente della realtà delle ambizioni climatiche delle aziende. Questi obiettivi, infatti, rappresentano solo il primo passo nello sviluppo dei piani aziendali di transizione climatica, che saranno oggetto dei futuri rapporti del WWF nel 2024.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending