Seguici sui social

Ambiente

Copernicus: settembre 2023 – anomalie di temperatura senza precedenti, il 2023 è sulla buona strada per diventare l’anno più caldo mai registrato

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

Anomalie medie globali della temperatura dell'aria superficiale relative al periodo 1991-2020 per ciascun settembre dal 1940 al 2023. Dati: ERA5. Credito: C3S/ECMWF. 

Le Servizio Copernicus sui cambiamenti climatici (C3S), implementato dal Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine per conto della Commissione europea con finanziamenti dell'UE, pubblica regolarmente bollettini climatici mensili che riportano i cambiamenti osservati nella temperatura globale dell'aria superficiale, nella copertura di ghiaccio marino e nelle variabili idrologiche. Tutti i risultati riportati si basano su analisi generate al computer che utilizzano miliardi di misurazioni provenienti da satelliti, navi, aerei e stazioni meteorologiche in tutto il mondo. 

Settembre 2023 – Punti salienti della temperatura dell’aria superficiale e della temperatura della superficie del mare: 

  • Settembre 2023 è stato il settembre più caldo mai registrato a livello globale, con una temperatura media dell’aria superficiale di 16.38°C, 0.93°C sopra la media del periodo 1991-2020 per settembre e 0.5°C sopra la temperatura del precedente settembre più caldo, nel 2020.  
  • La temperatura globale di settembre 2023 è stata il mese caldo più anomalo di qualsiasi anno nel set di dati ERA5 (ritorno al 1940).  
  • Nel complesso il mese è stato di circa 1.75°C più caldo rispetto alla media di settembre del periodo 1850-1900, il periodo di riferimento preindustriale.  
  • La temperatura globale nel periodo gennaio-settembre 2023 è stata di 0.52°C superiore alla media e di 0.05°C superiore rispetto al periodo equivalente dell’anno solare più caldo (2016).  
  • Da gennaio a settembre 2023, la temperatura media globale per il 2023 fino ad oggi è di 1.40°C superiore alla media preindustriale (1850-1900). 
  • Per l’Europa, settembre 2023 è stato il settembre più caldo mai registrato, con 2.51°C in più rispetto alla media del periodo 1991-2020 e 1.1°C in più rispetto al 2020, il precedente settembre più caldo.  
  • La temperatura media della superficie del mare per settembre oltre 60° S-60° N ha raggiunto i 20.92° C, la più alta mai registrata per settembre e la seconda più alta tra tutti i mesi, dietro ad agosto 2023. 
  • Le condizioni di El Niño hanno continuato a svilupparsi sul Pacifico orientale equatoriale. 

Secondo Samantha Burgess, vicedirettore del Copernicus Climate Change Service (C3S): "Le temperature senza precedenti per il periodo dell'anno osservate a settembre - dopo un'estate record - hanno superato i record in modo straordinario. Questo mese estremo ha spinto il 2023 al dubbio onore del primo posto - sulla buona strada per essere l'anno più caldo e intorno all'1.4 °C sopra le temperature medie preindustriali. A due mesi dalla COP28: il senso di urgenza di un’azione ambiziosa per il clima non è mai stato così critico”. 

Settembre 2023 – Punti salienti del ghiaccio marino 

· L'estensione del ghiaccio marino antartico è rimasta ad un livello record per il periodo dell'anno.  

· Sia l'estensione giornaliera che quella mensile hanno raggiunto il loro massimo annuale più basso nella registrazione satellitare a settembre, con l'estensione mensile inferiore del 9% alla media.  

pubblicità

· L'estensione giornaliera del ghiaccio del Mar Artico ha raggiunto i 6th minimo annuale più basso, mentre l’estensione mensile del ghiaccio marino si è classificata al 5° postoth più basso, al 18% sotto la media.  

Settembre 2023 – Punti salienti delle variabili idrologiche: 

  • Nel settembre 2023 si sono verificate condizioni più umide della media lungo molte parti della costa occidentale dell’Europa, tra cui la penisola iberica occidentale, l’Irlanda, la Gran Bretagna settentrionale e la Scandinavia.  
  • Il clima è stato più umido della media anche in Grecia a seguito delle precipitazioni estreme associate alla tempesta Daniel; questo evento è stato anche responsabile delle devastanti inondazioni in Libia.   
  • Anche il Brasile meridionale e il Cile meridionale hanno registrato eventi di precipitazioni estreme. 
  • Le regioni più secche rispetto alla media includono parti dell’Europa, gli Stati Uniti sudorientali, il Messico, l’Asia centrale e l’Australia, dove è stato registrato il settembre più secco mai registrato. 

Maggiori informazioni sulle variabili climatiche di settembre e sugli aggiornamenti climatici dei mesi precedenti così come i grafici ad alta risoluzione e il video possono essere scaricati qui (questo link sarà accessibile una volta revocato l'embargo).  

È possibile trovare le risposte alle domande più frequenti sul monitoraggio della temperatura  

I risultati sulle temperature globali della superficie del mare (SST) qui presentati si basano sui dati SST di ERA5 calcolati in media nel dominio 60°S–60°N. Si noti che gli SST ERA5 sono stime della temperatura dell'oceano a circa 10 metri di profondità (nota come temperatura di fondazione). I risultati potrebbero differire da quelli di altri prodotti SST che forniscono stime della temperatura a diverse profondità, come la profondità di 20 cm per l'OISST della NOAA. 

Informazioni sul set di dati C3S e su come viene compilato: 

Le mappe e i dati di temperatura e idrologici provengono dal set di dati ERA5 di ECMWF Copernicus Climate Change Service. 

Le mappe e i dati del ghiaccio marino provengono da una combinazione di informazioni provenienti da ERA5, nonché dall'EUMETSAT OSI SAF Sea Ice Index v2.1, Sea Ice Concentration CDR/ICDR v2 e dati accelerati forniti su richiesta da OSI SAF. 

Le medie delle aree regionali citate qui sono i seguenti limiti di longitudine/latitudine: 

Globe, 180W-180E, 90S-90N, su superfici terrestri e oceaniche. 

Europa, 25W-40E, 34N-72N, solo su superfici terrestri.  

Maggiori informazioni sui dati possono essere trovate qui.  

Informazioni sui dati e sugli impatti nazionali: 

Le informazioni sui record e gli impatti nazionali si basano su rapporti nazionali e regionali. Per i dettagli vedere la rispettiva temperatura e idrologico Bollettino climatico C3S per il mese. 

C3S ha seguito la raccomandazione dell’Organizzazione Meteorologica Mondiale (WMO) di utilizzare il periodo di 30 anni più recente per il calcolo delle medie climatologiche ed è passato al periodo di riferimento 1991-2020 per i suoi bollettini sul clima C3S che coprono da gennaio 2021 in poi. Per trasparenza vengono forniti dati e grafici sia per il periodo nuovo che per quello precedente (1981-2010). 

Ulteriori informazioni sul periodo di riferimento utilizzato sono disponibili qui.  

Informazioni su Copernicus e ECMWF 

Copernicus è un componente del programma spaziale dell'Unione Europea, finanziato dall'UE, ed è il suo programma di punta per l'osservazione della Terra, che opera attraverso sei servizi tematici: Atmosfera, Mare, Terra, Cambiamento Climatico, Sicurezza ed Emergenza. Fornisce dati operativi e servizi liberamente accessibili fornendo agli utenti informazioni affidabili e aggiornate relative al nostro pianeta e al suo ambiente. Il programma è coordinato e gestito dalla Commissione europea e attuato in collaborazione con gli Stati membri, l'Agenzia spaziale europea (ESA), l'Organizzazione europea per l'utilizzo dei satelliti meteorologici (EUMETSAT), il Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine ( ECMWF), Agenzie dell'UE e Mercator Océan, tra gli altri.  

L'ECMWF gestisce due servizi del programma di osservazione della Terra Copernicus dell'UE: il Copernicus Atmosphere Monitoring Service (CAMS) e il Copernicus Climate Change Service (C3S). Contribuiscono inoltre al servizio di gestione delle emergenze Copernicus (CEMS), implementato dal Centro comune di ricerca (JRC) dell’UE. Il Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine (ECMWF) è un’organizzazione intergovernativa indipendente sostenuta da 35 stati. È sia un istituto di ricerca che un servizio operativo 24 ore su 7, 25 giorni su XNUMX, che produce e diffonde previsioni meteorologiche numeriche ai suoi Stati membri. Questi dati sono pienamente a disposizione dei servizi meteorologici nazionali negli Stati membri. La struttura del supercomputer (e il relativo archivio dati) presso l’ECMWF è una delle più grandi del suo genere in Europa e gli Stati membri possono utilizzare il XNUMX% della sua capacità per i propri scopi.  

L’ECMWF ha ampliato la propria sede in tutti gli Stati membri per alcune attività. Oltre a un quartier generale nel Regno Unito e un centro di calcolo in Italia, gli uffici focalizzati sulle attività condotte in collaborazione con l'UE, come Copernicus, si trovano a Bonn, in Germania.  

Il sito Web di Copernicus Atmosphere Monitoring Service può essere trovato qui.  

Il sito web di Copernicus Climate Change Service può essere trovato qui.  

Ulteriori informazioni su Copernico.  

Il sito web ECMWF può essere trovare qui.

Twitter:  
@CopernicusECMWF  
@CopernicusEU  
@ECMWF  

#EUSpazio  

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending