Seguici sui social

crimine

Unione della sicurezza: entrano in vigore le norme dell'UE sulla rimozione dei contenuti terroristici online

Pubblicato

on

Punto di riferimento Norme UE sulla lotta alla diffusione di contenuti terroristici online è entrata in vigore il 7 giugno. Le piattaforme dovranno rimuovere i contenuti terroristici segnalati dalle autorità degli Stati membri entro un'ora. Le regole aiuteranno anche a contrastare la diffusione di ideologie estremiste online, una parte vitale della prevenzione degli attacchi e della lotta alla radicalizzazione. Le regole includono forti garanzie per garantire il pieno rispetto dei diritti fondamentali come la libertà di espressione e di informazione. Il regolamento stabilirà inoltre obblighi di trasparenza per le piattaforme online e per le autorità nazionali di riferire sulla quantità di contenuti terroristici rimossi, le misure utilizzate per identificare e rimuovere i contenuti, gli esiti di denunce e ricorsi, nonché il numero e il tipo di sanzioni imposte su piattaforme online.

Gli Stati membri potranno sanzionare il mancato rispetto e decidere il livello delle sanzioni, che sarà proporzionato alla natura dell'infrazione. Verranno prese in considerazione anche le dimensioni della piattaforma, in modo da non imporre sanzioni eccessivamente elevate rispetto alle dimensioni della piattaforma. Gli Stati membri e le piattaforme online che offrono servizi nell'UE hanno ora un anno per adattare i propri processi.

Il regolamento si applica a partire dal 7 giugno 2022. Margaritis Schinas, vicepresidente del nostro stile di vita europeo, ha dichiarato: “Con queste nuove regole fondamentali, stiamo reprimendo la proliferazione di contenuti terroristici online e stiamo rendendo l'Unione della sicurezza dell'UE una realtà. D'ora in poi, le piattaforme online avranno un'ora per rimuovere i contenuti terroristici dal web, garantendo che attacchi come quello di Christchurch non possano essere usati per inquinare schermi e menti. Questa è una pietra miliare nella risposta europea all'antiterrorismo e alla radicalizzazione".

Il commissario per gli affari interni Ylva Johansson ha dichiarato: "La rimozione immediata dei contenuti terroristici è fondamentale per impedire ai terroristi di sfruttare Internet per reclutare e incoraggiare attacchi e per glorificare i loro crimini. È altrettanto fondamentale proteggere le vittime e le loro famiglie dall'affrontare un secondo i crimini tempo online. Il regolamento stabilisce regole e responsabilità chiare per gli Stati membri e per le piattaforme online, proteggendo la libertà di parola ove giustificata."

Questa factsheet fornisce ulteriori informazioni sulle nuove regole. Le regole sono una parte essenziale dell'operato della Commissione Agenda antiterrorismo.

EU

Tenere al sicuro il campionato UEFA EURO 2020

Pubblicato

on

Tra il 10 giugno e il 12 luglio 2021, Europol ospiterà un centro operativo per supportare la sicurezza durante il campionato di calcio UEFA EURO 2020. Coordinato dalla polizia olandese, il Centro di cooperazione internazionale di polizia (IPCC) dei punti di contatto nazionali del calcio ospiterà circa 40 ufficiali di collegamento provenienti da 22 paesi partecipanti e ospitanti. Questo speciale assetto operativo è stato creato per consentire una rapida cooperazione e fornire il supporto operativo necessario per un campionato sicuro e protetto.

L'IPCC fungerà da centro informativo centrale per le autorità di contrasto nazionali. A tal fine, Europol ha creato una task force speciale EURO 2020 per consentire di mantenere gli ufficiali a terra 24 ore su 7, 19 giorni su XNUMX, per scambiare facilmente informazioni e ricevere rapidamente indicazioni sulle indagini in corso. Le attività operative si concentreranno sulla sicurezza pubblica e sulle minacce criminali, che possono minacciare la sicurezza durante il torneo. Le autorità preposte all'applicazione prenderanno di mira minacce come la criminalità informatica, il terrorismo, le partite truccate, il traffico di merci contraffatte, compresi i falsi certificati COVID-XNUMX e altri reati contro la proprietà intellettuale.

Il direttore esecutivo di Europol, Catherine De Bolle, ha dichiarato: "Il campionato UEFA EURO 2020 è un torneo unico sia per il calcio che per le forze dell'ordine. Con 24 squadre nazionali che giocano in 11 città in tutta Europa, fare squadra è fondamentale per la sicurezza del torneo. Europol consentirà questa cooperazione ospitando il centro operativo dedicato. Sostenuti dalle capacità di Europol, gli agenti sul campo saranno meglio preparati per garantire un campionato regolare e sicuro'.

Il capo dello staff dell'IPCC, Max Daniel, ha dichiarato: "La combinazione di informazioni su questioni di ordine pubblico, sostenitori, luoghi di soggiorno e spostamenti su strada, aereo e treno si traduce in un quadro aggiornato e integrato. Essere in grado di condividere facilmente tali informazioni tra i paesi si è dimostrato molto prezioso in passato. Gli agenti dei servizi segreti di polizia di tutti i paesi partecipanti stanno facendo del loro meglio per garantire che questo campionato unico di UEFA EURO 2020 sia il più sicuro possibile.'

Partecipanti IPCC UEFA EURO 2020 (numero totale):

Stati membri dell'UE: Austria, Belgio, Croazia, Cechia, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Ungheria, Italia, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Spagna, Svezia, Paesi Bassi. 

Paesi extra UE: Azerbaigian, Macedonia del Nord, Federazione Russa, Svizzera, Turchia, Ucraina, Regno Unito.

Organizzazioni: INTERPOL e UEFA

Continua a leggere

crimine

L'arresto della criminalità globale include 70 in Svezia, 49 nei Paesi Bassi - Europol

Pubblicato

on

By

I funzionari di Europol, dell'FBI, della Svezia e dei Paesi Bassi martedì (8 giugno) hanno fornito dettagli sulla tappa europea di una puntura globale in cui ai criminali sono stati dati telefoni che utilizzavano la crittografia ma che le forze dell'ordine potevano decodificare e utilizzare per ascoltare le conversazioni , Reuters, leggi di più.

Jean-Phillipe Lecouffe, vicedirettore di Europol, ha dichiarato in una conferenza stampa all'Aia che in tutto, le forze dell'ordine di 16 paesi hanno arrestato più di 800 sospetti in 700 raid, sequestrando 8 tonnellate di cocaina e oltre 48 milioni di dollari in contanti e criptovalute.

"Questa coalizione internazionale... ha condotto una delle più grandi e sofisticate operazioni di polizia fino ad oggi nella lotta contro le attività criminali criptate, ha detto Lecouffe".

I funzionari non hanno analizzato tutti gli arresti in ogni paese, ma il funzionario svedese Linda Staaf ha detto che 70 sono stati arrestati in Svezia e un funzionario olandese ha detto che 49 sono stati arrestati nei Paesi Bassi.

Staaf, il capo dei servizi segreti della polizia svedese, ha affermato che l'operazione ha impedito 10 omicidi.

I paesi coinvolti includevano Australia, Austria, Svezia, Danimarca, Estonia, Lituania, Norvegia, Nuova Zelanda, Scozia, Gran Bretagna, Germania e Stati Uniti, ha affermato Lecouffe.

Il Federal Bureau of Investigation degli Stati Uniti avrebbe dovuto fornire ulteriori dettagli sull'operazione martedì, ma Calvin Shivers della Divisione investigativa criminale dell'FBI ha dichiarato all'Aia che nei 18 mesi precedenti l'operazione, l'agenzia ha contribuito a distribuire i telefoni a 300 gruppi criminali in più di 100 paesi.

Le agenzie di polizia poi "sono state in grado di ribaltare la situazione sulle organizzazioni criminali", ha detto Shivers.

"Siamo stati effettivamente in grado di vedere le fotografie di centinaia di tonnellate di cocaina nascoste nelle spedizioni di frutta".

Continua a leggere

crimine

Unione doganale: l'UE rafforza le norme sui controlli del contante per combattere il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo

Pubblicato

on

Nuove regole entrata in vigore il 3 giugno, che migliorerà il sistema di controllo dell'UE sul contante in entrata e in uscita dall'UE. Nell'ambito degli sforzi dell'UE per affrontare riciclaggio di denaro e tagliare le fonti di il finanziamento del terrorismo, tutti i viaggiatori che entrano o escono dal territorio dell'UE sono già obbligati a compilare una dichiarazione in contanti quando trasportano 10,000 euro o più in valuta, o il suo equivalente in altre valute, o altri mezzi di pagamento, come assegni di viaggio, cambiali, ecc.

A partire dal 3 giugno, tuttavia, verranno implementate una serie di modifiche che inaspriranno ulteriormente le regole e renderanno ancora più difficile spostare grandi quantità di denaro non rilevato. In primo luogo, la definizione di "contanti" secondo le nuove regole sarà estesa e ora riguarderà le monete d'oro e alcuni altri oggetti d'oro. In secondo luogo, le autorità doganali potranno agire su importi inferiori a 10,000 euro quando vi sono indicazioni che il contante sia collegato ad attività criminali. Infine, le autorità doganali possono anche ora richiedere la presentazione di una dichiarazione di divulgazione di contanti quando rilevano 10,000 € o più in contanti inviati senza accompagnamento tramite posta, merci o corriere.

Le nuove regole garantiranno inoltre che le autorità competenti e l'Unità nazionale di informazione finanziaria in ciascuno Stato membro dispongano delle informazioni necessarie per monitorare e contrastare i movimenti di denaro che potrebbero essere utilizzati per finanziare attività illegali. L'attuazione delle norme aggiornate significa che gli ultimi sviluppi degli standard internazionali del Gruppo di azione finanziaria (GAFI) sulla lotta al riciclaggio di denaro e al finanziamento del terrorismo si riflettono nella legislazione dell'UE. Sono disponibili tutti i dettagli e una scheda informativa sul nuovo sistema qui.

Continua a leggere
pubblicità

Twitter

Facebook

pubblicità

Trending