Seguici sui social

Germania

L'arcivescovo tedesco offre le dimissioni per la "catastrofe" degli abusi sessuali della Chiesa

Pubblicato

on

Una delle figure liberali più influenti del cattolicesimo romano, il cardinale tedesco Reinhard Marx (nella foto), si è offerto di dimettersi da arcivescovo di Monaco, dicendo di dover condividere la responsabilità della "catastrofe" degli abusi sessuali da parte dei chierici negli ultimi decenni, scrivere Thomas Escritt CITTA '.

La sua offerta, che papa Francesco deve ancora accettare, segue un tumulto tra i fedeli tedeschi per gli abusi. La scorsa settimana, il papa ha inviato due alti vescovi stranieri a indagare sull'arcidiocesi di Colonia, la più grande della Germania, per la sua gestione dei casi di abuso.

"Devo condividere la responsabilità della catastrofe degli abusi sessuali da parte dei funzionari della Chiesa negli ultimi decenni", ha scritto Marx in una lettera al papa. Ha detto che sperava che la sua partenza avrebbe creato lo spazio per un nuovo inizio.

Marx, che non è sospettato di aver partecipato ad abusi o insabbiamenti, in seguito disse ai giornalisti che gli uomini di chiesa dovevano assumersi la responsabilità personale per i fallimenti istituzionali.

Un'inchiesta indipendente commissionata a uno studio legale dall'arcidiocesi per indagare sulle accuse di abusi storici dovrebbe essere presentata a breve.

L'arcivescovo di Colonia, il cardinale Rainer Maria Woelki, è stato recentemente assolto da un'analoga indagine esterna sugli abusi del passato nella sua arcidiocesi.

Un commentatore, lo studioso religioso Thomas Schueller, ha interpretato le parole di Marx come un rimprovero a Woelki, che non si è dimesso.

"Sfida direttamente il cardinale Woelki quando parla di coloro che si nascondono dietro valutazioni legali e non sono preparati ad affrontare le cause sistemiche della violenza sessualizzata nella Chiesa con riforme coraggiose", ha detto a Der Spiegel.

Marx è un sostenitore del "Via sinodale", un movimento che mira a dare ai cattolici laici più influenza sulla gestione della Chiesa e su questioni quali la nomina dei vescovi, la morale sessuale, il celibato sacerdotale e l'ordinazione delle donne.

I conservatori hanno attaccato il concetto, dicendo che potrebbe portare a uno scisma.

Marx, 67 anni, che fino all'anno scorso era a capo della Chiesa cattolica tedesca, ha detto ai giornalisti di aver inviato la lettera il 21 maggio, ma che solo la scorsa settimana il Papa gli aveva inviato un'e-mail per dire che poteva renderla pubblica.

Gli ultimi anni hanno visto un esodo accelerato, con i fedeli liberali in coda a Colonia per lasciare la Chiesa, protestando non solo per gli abusi, ma anche per gli atteggiamenti conservatori nei confronti relazioni omosessuali.

La Chiesa tedesca ha un'influenza smisurata a livello globale, in parte a causa della sua ricchezza: le tasse pagate dai membri e riscosse dal governo la rendono la più ricca del mondo.

Il papa, che è noto per apprezzare Marx, di solito aspetta, a volte mesi, prima di decidere se accettare le dimissioni di un vescovo.

Marx disse al Papa che avrebbe continuato a servire la Chiesa in qualsiasi veste gli fosse stato ordinato.

Brexit

La tedesca Merkel sollecita un approccio pragmatico all'Irlanda del Nord

Pubblicato

on

By

Il cancelliere tedesco Angela Merkel (nella foto) sabato ha chiesto una "soluzione pragmatica" ai disaccordi su parte dell'accordo sulla Brexit che copre le questioni di confine con l'Irlanda del Nord, Reuters Per saperne di più.

Il primo ministro Boris Johnson ha affermato che la Gran Bretagna farà "tutto il necessario" per proteggere la sua integrità territoriale in una disputa commerciale con l'Unione europea, minacciando misure di emergenza se non verrà trovata una soluzione.

L'UE deve difendere il suo mercato comune, ha detto Merkel, ma su questioni tecniche potrebbe esserci una via d'uscita nella controversia, ha detto in una conferenza stampa durante un vertice dei leader del Gruppo dei Sette.

"Ho detto che preferisco una soluzione pragmatica per gli accordi contrattuali, perché un rapporto cordiale è della massima importanza per la Gran Bretagna e l'Unione europea", ha detto.

Riferendosi a una conversazione avuta con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden sulle questioni geopolitiche, la Merkel ha affermato di essere d'accordo sul fatto che l'Ucraina deve continuare a rimanere un paese di transito per il gas naturale russo una volta che Mosca avrà completato il controverso gasdotto Nord Stream 2 sotto il Mar Baltico.

Il gasdotto da 11 miliardi di dollari porterà direttamente il gas in Germania, cosa che Washington teme possa minare l'Ucraina e aumentare l'influenza della Russia sull'Europa.

Biden e Merkel si incontreranno a Washington il 15 luglio e la tensione sui legami bilaterali causata dal progetto sarà all'ordine del giorno.

Sabato il G7 ha cercato di contrastare la crescente influenza della Cina offrendo alle nazioni in via di sviluppo un piano infrastrutturale che rivaleggiasse con l'iniziativa Belt and Road da molti trilioni di dollari del presidente Xi Jinping. L5N2NU045

Alla domanda sul piano, la Merkel ha affermato che il G7 non è ancora pronto per specificare quanti finanziamenti potrebbero essere messi a disposizione.

"I nostri strumenti di finanziamento spesso non sono disponibili così rapidamente come i paesi in via di sviluppo ne hanno bisogno", ha affermato

Continua a leggere

Baviera

Contrastare l'inflazione con rialzo dei tassi, il ministro bavarese sollecita la Bce

Pubblicato

on

By

L'aumento dell'inflazione aggrava la situazione dei risparmiatori e la Banca centrale europea dovrebbe rispondere alzando i tassi di interesse dallo 0%, il ministro delle finanze bavarese, Albert Fueracker (nella foto), detto ogni giorno Immagine nei commenti pubblicati mercoledì (2 giugno).

L'inflazione annuale dei prezzi al consumo in Germania ha accelerato a maggio, avanzando ulteriormente al di sopra dell'obiettivo della BCE vicino ma inferiore al 2%, ha detto lunedì l'Ufficio federale di statistica.

I prezzi al consumo, armonizzati per renderli comparabili con i dati sull'inflazione degli altri paesi dell'Unione Europea, sono aumentati del 2.4% a maggio, dal 2.1% di aprile.

"La Germania è un paese di risparmiatori. La politica del tasso di interesse zero della Bce è un veleno per i piani di risparmio tipici", ha detto Fueracker, membro della conservatrice Christian Social Union (CSU) della Baviera, al quotidiano di massa.

"In combinazione con l'inflazione ora in aumento, l'esproprio per i risparmiatori sta diventando sempre più evidente. La Baviera ha avvertito per anni che la politica del tasso di interesse zero deve essere abolita - ora è giunto il momento", ha aggiunto.

I tedeschi conservatori si sono a lungo lamentati del fatto che i tassi di interesse dello 0% della BCE danneggiano i risparmiatori in quanto sono lasciati con poco o nessun guadagno - un problema aggravato dall'aumento dell'inflazione che erode il valore delle loro uova da nido.

I dati sui prezzi di maggio di lunedì hanno mostrato che una misura nazionale dell'inflazione è salita al 2.5%, il livello più alto dal 2011.

Sotto il titolo "L'inflazione sta divorando i nostri risparmi", Bild ha pubblicato una storia separata avvertendo: "Lavoratori, pensionati e risparmiatori tedeschi hanno paura a causa dell'alta inflazione!"

Martedì, il ministro dell'economia del governo federale tedesco, Peter Altmaier, ha dichiarato di "osservare molto da vicino questo sviluppo con l'inflazione", ma non può ancora esprimere un giudizio su di esso.

I tedeschi votano alle elezioni federali il 26 settembre. Finora, l'inflazione non ha guadagnato terreno come problema della campagna elettorale, ma è probabile che supererà il 3% entro la fine dell'anno poiché un aumento delle tasse e gli effetti statistici si aggiungono alle pressioni sui prezzi. Per saperne di più

Già i maggiori critici della politica della BCE, alcuni tedeschi conservatori temono che la banca centrale sia eccessivamente compiacente nei confronti dell'inflazione e che la sua politica del denaro facile potrebbe annunciare un nuovo periodo di prezzi più alti.

Continua a leggere

Energia

La Germania accelera l'espansione dell'energia eolica e solare

Pubblicato

on

By

Il governo tedesco prevede di accelerare l'espansione dell'energia eolica e solare entro il 2030 come parte del suo programma di protezione del clima, secondo un progetto di legge visto da Reuters mercoledì (2 giugno).

Il nuovo piano mira ad espandere la capacità di produzione installata di energia eolica onshore a 95 gigawatt entro il 2030 da un precedente obiettivo di 71 GW e di energia solare a 150 GW da 100 GW, secondo il progetto.

La capacità installata in Germania di energia eolica onshore è stata di 54.4 GW e di energia solare di 52 GW nel 2020.

Il programma di protezione del clima prevede inoltre un finanziamento di circa 7.8 miliardi di euro (9.5 miliardi di dollari) per il prossimo anno, di cui 2.5 miliardi di euro per la ristrutturazione degli edifici e 1.8 miliardi di euro in più per sussidi per l'acquisto di auto elettriche.

Il piano include anche un raddoppio del sostegno per aiutare l'industria a cambiare i processi per ridurre le emissioni di anidride carbonica, come nella produzione di acciaio o cemento.

Tuttavia, questi impegni finanziari possono essere approvati solo dopo le elezioni federali tedesche di settembre.

La mossa arriva dopo che la Corte costituzionale tedesca ha stabilito ad aprile che il governo del cancelliere Angela Merkel non era riuscito a stabilire come tagliare le emissioni di carbonio oltre il 2030 dopo che i querelanti avevano contestato una legge sul clima del 2019. Per saperne di più.

All'inizio di questo mese, il governo ha approvato un progetto di legge per obiettivi di riduzione della CO2 più ambiziosi, tra cui la neutralità del carbonio entro il 2045 e la riduzione delle emissioni di carbonio tedesche del 65% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990, rispetto al precedente obiettivo di un taglio del 55%.

($ 1 = € 0.8215)

Continua a leggere
pubblicità

Twitter

Facebook

pubblicità

Trending