Seguici sui social

EU

L'UE intende introdurre una nuova legislazione per lo scambio sicuro di #Criptovalute

Pubblicato

on

Secondo un rapporto del Mail di Cipro, una nuova legislazione sulle criptovalute per uno scambio sicuro di criptovalute potrebbe essere introdotta nei paesi dell'UE. Con questa nuova legislazione, secondo le nuove linee guida, Bitcoin e altro valute digitali saranno denominati strumenti monetari in tutta Europa. Ciò significa che lo scambio legale di criptovaluta sarà più trasparente che mai. Inoltre, si dice che questa nuova legislazione incoraggerà l'innovazione associata a crypto e blockchains settore, scrive Graham Paul.

L'Unione Europea lavora da quasi un anno per creare un quadro normativo e legale di scambio sulle criptovalute. A questo proposito, la Commissione Europea ha aperto una consultazione a dicembre 2019 durante la quale ha chiesto pubblicamente commenti sulla regolamentazione delle criptovalute. Alla consultazione hanno partecipato primarie società private come Google e PayPal. Durante la consultazione la Commissione europea ha discusso su come rendere il regolamento più fattibile, gli ostacoli che possono incontrare durante l'attuazione di tale regolamento e come affrontare tali ostacoli in modo organizzato ed efficiente.

Alla fine della lunga consultazione, il presidente esecutivo della Commissione europea Valdis Dombrovskis ha affermato che è stata la mancanza di certezza del diritto il principale ostacolo allo sviluppo di un forte mercato delle criptovalute nell'UE. Ha anche aggiunto che, con le aziende europee in prima linea nell'innovazione per la finanza digitale, ci sono buone possibilità per l'Europa di diventare uno standard setter globale e rafforzare la sua posizione internazionale con questa nuova legislazione.

Le criptovalute devono essere classificate come oggetti finanziari

Bruno Schneider-Le Saout, presidente della Blockchain Federation con sede a Bruxelles, ha affermato che il nuovo emendamento sosterrà la finanza computerizzata europea per molto tempo a venire. Crede che questa nuova legislazione porterà la certezza del diritto che è fondamentale sia per le risorse crittografiche che per l'implementazione di DLT (tecnologia di registro distribuito) servizi e tokenizzazione di strumenti finanziari. Schneider-Le Saou ha anche aggiunto che è fondamentale che le forme crittografiche di denaro siano riconosciute come strumenti finanziari. Ciò consentirebbe di includere questa classe di benefici per gli strumenti legali dell'Unione europea che gestiscono i settori di attività. Questo nuovo regolamento avrà un grande impatto rispetto al precedente.

Si è visto che spesso le persone evitano di usare le criptovalute a causa della sua ambigua credibilità legale. Sebbene lo scambio di criptovalute sia completamente legale in Europa, alcune persone hanno ancora l'idea che le criptovalute siano utilizzate principalmente per lo scambio illegale. Il motivo alla base di questo è il malinteso delle persone sulla crittografia. Una legislazione chiara che applichi una regolamentazione solida cambierà la prospettiva delle persone sulle criptovalute. Bitcoin e altre criptovalute vengono utilizzate per transazioni legali quotidiane ora più che mai e i suoi usi si moltiplicheranno in modo significativo nel prossimo futuro.

Un nuovo studio della piattaforma di analisi di Bitfury Cristallo ha rivelato che gli Stati Uniti hanno il maggior numero di transazioni di criptovaluta tra il 1 gennaio 2013 e il 30 giugno 2019. Seguito da Regno Unito e Hong Kong. Anche i paesi dell'UE sono in cima alla lista. Ci si può aspettare che questa nuova legislazione riduca al massimo il numero di scambi di valute per i paesi dell'UE.

La criptovaluta è un sistema valutario che non richiede lo scambio di denaro da parte di terzi. La criptovaluta raggiunge il destinatario direttamente dal mittente. Questo sistema è chiamato sistema di rete "peer-to-peer". La transazione viene completata utilizzando la crittografia che è un processo molto sicuro. Poiché nessuna entità di terze parti controlla il processo di transazione, non è possibile determinare le dinamiche di transazione della criptovaluta. Ciò significa che nessuno può sapere chi sta inviando denaro a chi. Le transazioni di criptovaluta possono essere eseguite in completo anonimato.

Bitcoin è attualmente la criptovaluta più popolare e preziosa al mondo. Ethereum, Dash, Litecoin, XRP, Tether, EOS sono criptovalute con un grande potenziale. Ci si può aspettare che le persone nell'UE si impegnino in acquisto di bitcoin e altre criptovalute una volta approvata questa nuova legislazione.

Dato che l'uso della criptovaluta è di giorno in giorno più importante, sarebbe utile conoscere alcuni dei suoi vantaggi.

Vantaggi dell'utilizzo della criptovaluta

  • La criptovaluta è un sistema valutario completamente decentralizzato. Né il governo né alcuna autorità lo controllano. Come risultato del sistema peer-to-peer, ogni utente qui è il vero proprietario della propria criptovaluta. Nessun altro può assumere la proprietà della propria rete bitcoin. Elimina le possibilità di frode o inganno.

  • L'intero processo delle transazioni di criptovaluta è anonimo. Un utente crittografico può aprire più account crittografici. Non sono necessarie informazioni personali, come nome utente, indirizzo, ecc. Per aprire questi account. Di conseguenza, l'importante identità dell'utente rimane segreta. Ciò significa nessun furto di identità.

  • Creare un account in criptovaluta è molto semplice. In questo caso, non è necessario compilare alcun modulo fastidioso come l'apertura di un conto corrente tradizionale. Non sono richiesti costi aggiuntivi. Non è richiesta alcuna documentazione. Il processo di transazione crittografica è estremamente veloce. indipendentemente da dove viene spedito il bitcoin, raggiungerà il destinatario in pochi minuti. Questo rende la soluzione immediata.

  • Il processo di transazione della criptovaluta è completato in modo molto trasparente. I record di ogni transazione vengono archiviati durante una blockchain che chiunque può visualizzare da qualsiasi parte del pianeta.

  • Poiché la criptovaluta rimuove l'intermediario nella transazione, non sono necessarie commissioni di transazione.

Scambio sicuro di criptovaluta

Una delle principali preoccupazioni che le persone hanno sullo scambio di criptovalute è la sicurezza. Scambio sicuro di criptovaluta può essere assicurato solo da una società, un sito o un'organizzazione di scambio di criptovaluta con licenza. Essendo la sicurezza uno degli obiettivi principali di questa nuova legislazione sulle criptovalute, le persone possono eccetto un uso più sicuro e più facile delle criptovalute. Definirà uno standard globale e probabilmente avrà un grande impatto positivo nei giorni a venire. Senza dubbio le leggi e le misure di sicurezza renderanno più facile e credibile lo scambio sicuro di criptovalute.

Con l'uso della criptovaluta che aumenta di giorno in giorno, le persone si impegneranno sempre di più nell'acquisto di bitcoin e altre criptovalute. Ma prima di acquistare e investire in criptovaluta è fondamentale comprenderne i valori e le tendenze. Ci sono alcuni Precauzioni che deve essere preso prima di acquistare o investire in criptovalute. Ci sono molti percorsi che possono portarti a una linea insicura che potrebbe metterti nei guai. Esistono molti modi sicuri per acquistare criptovalute, ma ce ne sono anche molti che non sono sicuri.Queste fonti non protette possono portare a truffe di malware, bitcoin falsi, schema ponzi, truffa ICO.Quindi è meglio conoscere la credibilità del venditore. È estremamente essenziale acquistare bitcoin da uno scambio di criptovaluta con licenza site o azienda. È necessario che il proprietario, il sito o l'azienda abbia una credibilità legale.

Nessuno può prevedere il futuro. Alcuni dei famosi economisti pensano che in futuro la criptovaluta dominerà il mondo, le note di carta non esisteranno. Non c'è dubbio che il grafico dell'importanza di blockchain e bitcoin nel mondo sia al rialzo: considerando il suo grande potenziale, acquistare e investire in crypto potrebbe essere un passo nella decisione giusta per un futuro redditizio.

Brexit

La Gran Bretagna accetta la richiesta dell'UE di più tempo per ratificare l'accordo commerciale sulla Brexit

Pubblicato

on

By

La Gran Bretagna ha accolto la richiesta dell'Unione europea di ritardare la ratifica del loro accordo commerciale post-Brexit fino al 30 aprile, ministro del gabinetto Michael Gove (nella foto) ha detto martedì (23 febbraio), scrive Elizabeth Piper.

All'inizio di questo mese, l'UE ha chiesto alla Gran Bretagna se potesse impiegare più tempo per ratificare l'accordo estendendo fino al 30 aprile l'applicazione provvisoria dell'accordo per garantire che fosse in tutte le 24 lingue del blocco per il controllo parlamentare.

In una lettera a Maros Sefcovic, vice presidente della Commissione europea, Gove ha scritto: "Posso confermare che il Regno Unito è contento di concordare che la data in cui l'applicazione provvisoria cesserà di essere applicata ... dovrebbe essere prorogata al 30 aprile 2021 . "

Ha anche detto che la Gran Bretagna prevede che non ci saranno più ritardi.

Continua a leggere

EU

L'UE deve dare la priorità alla lotta al terrorismo di stato iraniano rispetto al salvataggio dell'accordo nucleare

Pubblicato

on

Sono trascorse più di due settimane da quando un tribunale belga ha dichiarato colpevole il diplomatico iraniano Assadollah Assadi di aver complottato per commettere un omicidio terroristico bombardando il raduno "Iran libero" organizzato dall'opposizione iraniana, il Consiglio nazionale della resistenza iraniana (NCRI), il 30 Giugno 2018 fuori Parigi, scrive Jim Higgins. 

Assadi ha servito come terzo consigliere presso l'ambasciata iraniana a Vienna fino a quando non è stato arrestato un giorno dopo la data del suo attacco programmato. Il suo arresto è stato preceduto da quello di due co-cospiratori, una coppia iraniano-belga, che era stata trovata in possesso di 500 grammi dell'esplosivo TATP mentre cercava di passare dal Belgio alla Francia. 

Il verdetto annunciato il 4 febbraio derivava da un processo iniziato a novembre. Prima del processo, un'indagine di due anni ha stabilito in modo definitivo che il diplomatico aveva fornito personalmente ai suoi co-cospiratori la bomba, insieme alle istruzioni per posizionarla il più vicino possibile all'oratore principale della manifestazione dell'opposizione mirata. L'oratore era il presidente dell'NCRI Maryam Rajavi, che guida la coalizione di opposizione pro-democrazia. 

Jim Higgins è un ex politico irlandese del Fine Gael. Ha servito come senatore, MP e MEP.

Oltre a stabilire il coinvolgimento diretto di un diplomatico iraniano di alto rango, il processo per terrorismo appena concluso ha reso assolutamente chiaro che la responsabilità ultima del complotto ricade sulla massima leadership della Repubblica islamica. In un rapporto diffuso lo scorso anno, il Servizio di sicurezza nazionale belga ha affermato: “I piani per l'attacco sono stati sviluppati in nome dell'Iran su richiesta della sua leadership. Assadi non ha avviato i piani da solo. " 

Mentre alcuni politici potrebbero essere tentati di suggerire che la questione sia stata conclusa con la convinzione di Assadi, la realtà è che le sue azioni di tre anni fa rappresentano solo un esempio di un modello molto più ampio. Assadi è il primo diplomatico iraniano ad affrontare effettivamente le accuse a causa dei suoi legami con il terrorismo. Ma come dimostra il fatto che altri diplomatici erano stati espulsi dall'Europa all'inizio del 2018, non è affatto il primo individuo del genere ad essere credibilmente accusato di quei legami. 

Inoltre, il procedimento nel suo caso ha rivelato prove che la posizione diplomatica di Assadi lo ha posto a capo di una rete di agenti che si estendeva ben oltre i co-cospiratori nel suo complotto contro l'NCRI. I documenti recuperati dal suo veicolo indicavano che aveva mantenuto i contatti e consegnato pagamenti in contanti ad attività in almeno 11 paesi europei, prendendo anche appunti su una serie di punti di interesse in tutto il continente. 

Tuttavia, sia il Servizio europeo per l'azione esterna (SEAE) che l'Alto rappresentante dell'UE per gli affari esteri e la sicurezza, Josep Borrell, sono rimasti in silenzio su questa minaccia e devono ancora condannare e rispondere alla condanna del diplomatico iraniano per un'accusa di terrorismo. 

Ciò è sconcertante data la ripetuta promessa dell'UE che l'accordo nucleare noto come PACG non le impedirebbe di affrontare le malefatte dell'Iran in altre aree di grave preoccupazione come il terrorismo e le violazioni dei diritti umani. 

Queste preoccupazioni sono condivise da molti alti politici europei ed esperti sull'Iran che criticano la mancanza di risposta dell'UE al terrorismo di stato del regime iraniano sul suolo europeo. 

In vista della riunione dei ministri degli esteri dell'UE a Bruxelles il 22 febbraio, una ONG registrata a Bruxelles, il Comitato internazionale in cerca di giustizia (ISJ) ha inviato una lettera al presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, criticando il continuo silenzio dall'UE e dal sig. Borrell su questo oltraggio, e esortandoli a intervenire senza indugio

La lettera dell'ISJ è stato firmato dai miei ex colleghi al Parlamento europeo, l'ex vicepresidente del PE, il dottor Alejo Vidal Quadras, Struan Stevenson, Paulo Casaca e Giulio Terzi, l'ex ministro degli esteri italiano. 

Nella loro lettera, che appoggio pienamente, l'ISJ ha chiesto un'azione contro Javad Zarif per il suo ruolo nel complotto omicida della bomba perché come ministro degli esteri iraniano, sovrintende ed è responsabile delle attività dei diplomatici iraniani. 

“Sicuramente non possono esserci ulteriori 'affari come al solito' con un regime che usa il terrorismo come strumento di governo. È assolutamente essenziale per l'UE prendere provvedimenti contro il regime iraniano come chiudere le sue ambasciate e rendere tutte le future relazioni diplomatiche subordinate all'Iran che metta fine al suo terrorismo sul suolo europeo ”, ha scritto e aggiunto l'ISJ. 

“Vale la pena notare che nel 1997, in seguito all'assassinio di 4 dissidenti iraniani da parte di agenti iraniani nel Mykonos Restaurant di Berlino, il Consiglio e la Presidenza dell'UE hanno emesso robuste lettere di condanna e ha chiesto agli Stati membri di richiamare i loro ambasciatori per protesta. " 

Il verdetto di colpevolezza di Assadi giustifica il rilancio di questa richiesta e dovrebbe rendere chiara la sovrapposizione tra le reti terroristiche iraniane e le infrastrutture diplomatiche a una sezione trasversale ancora più ampia di politici occidentali e leader europei. 

Con il diplomatico iraniano che sta affrontando molti anni di prigione, il lavoro di smantellamento della sua rete terroristica - e di altre simili - è appena iniziato. 

Data la sua minaccia immediata per i civili in Europa e la sicurezza generale dell'UE, contrastare il terrorismo di stato iraniano deve ora diventare una priorità assoluta per l'UE e i leader dell'UE.  

Jim Higgins è un ex politico irlandese del Fine Gael. Ha servito come senatore, MP e MEP.

Continua a leggere

EU

Un rinnovato multilateralismo adatto al 21 ° secolo: l'agenda dell'UE

Pubblicato

on

La Commissione e l'Alto rappresentante hanno presentato una nuova strategia per rafforzare il contributo dell'UE al multilateralismo basato sulle regole. La comunicazione congiunta delinea le aspettative e le ambizioni dell'UE per il sistema multilaterale. La proposta odierna suggerisce di utilizzare tutti gli strumenti a disposizione dell'UE, compreso il suo ampio sostegno politico, diplomatico e finanziario per promuovere la pace e la sicurezza globali, difendere i diritti umani e il diritto internazionale e promuovere soluzioni multilaterali alle sfide globali.

L'alto rappresentante dell'Unione per la politica estera e di sicurezza / Europa più forte nel mondo, il vicepresidente Josep Borrell, ha dichiarato: “Il multilateralismo è importante perché funziona. Ma non possiamo essere solo "multilateralisti". In un momento di crescente scetticismo, dobbiamo dimostrare i vantaggi e la rilevanza del sistema multilaterale. Costruiremo partenariati più forti, più diversificati e inclusivi per guidare la sua modernizzazione e dare forma alle risposte globali alle sfide del 21 ° secolo, alcune delle quali minacciano l'esistenza stessa dell'umanità ".

Il commissario per i partenariati internazionali Jutta Urpilainen ha dichiarato: “L'UE è stata e continuerà ad essere il miglior alleato del multilateralismo e delle sue istituzioni. Tuttavia, l'ambiente globale più complesso ci richiede di essere più uniti, coerenti, concentrati e di sfruttare meglio la forza del nostro Team Europe collettivo. Questa nuova strategia sottolinea la nostra ambizione sul multilateralismo inclusivo, il nostro forte impegno a rinnovarlo e sarà sostenuta da azioni specifiche ".

Definizione e difesa delle priorità e dei valori dell'UE nel sistema multilaterale

Le sfide del 21 ° secolo richiedono più, non meno, governance multilaterale e cooperazione internazionale basata su regole. L'UE ha definito chiare priorità strategiche su questioni che nessun paese può affrontare da solo: pace e sicurezza, diritti umani e Stato di diritto, sviluppo sostenibile, salute pubblica o clima. Ora, ha bisogno di portare avanti queste priorità a livello multilaterale in un approccio strategico per garantire un mondo più sicuro e una ripresa globale sostenibile e inclusiva.

L'UE deve rafforzare la sua leadership e "produrre come uno" per "avere successo come uno". A tal fine, l'UE promuoverà meccanismi di coordinamento più efficienti attorno alle priorità comuni e facendo un uso migliore della sua forza collettiva, anche basandosi sull'approccio Team Europe. I suoi punti di forza regolatori democratici e unici sono risorse per aiutare a costruire un mondo migliore, mentre le sue strutture di sicurezza e difesa supportano gli sforzi globali per mantenere, sostenere e costruire la pace e la sicurezza internazionali.

Modernizzare il sistema multilaterale Per garantire che il sistema multilaterale globale sia "adatto allo scopo" per affrontare le sfide odierne, l'UE continuerà a sostenere gli sforzi di riforma del Segretario generale delle Nazioni Unite. Promuoverà la modernizzazione di istituzioni chiave come l'Organizzazione mondiale della sanità e l'Organizzazione mondiale del commercio. Inoltre guiderà lo sviluppo di nuove norme globali e la creazione di piattaforme di cooperazione in settori come la fiscalità, la sfera digitale o l'intelligenza artificiale.

Un'Europa più forte attraverso il partenariato

Per cambiare il panorama multilaterale, abbiamo bisogno di una nuova generazione di partenariati. L'UE costruirà nuove alleanze con paesi terzi, rafforzerà la cooperazione con organizzazioni multilaterali e regionali, nonché con altre parti interessate, in particolare quelle con cui condivide valori democratici e, con altri, cercherà un terreno comune questione per questione. Sosterrà i paesi partner a impegnarsi in modo più efficace nel sistema multilaterale e garantirà un seguito sistematico agli impegni bilaterali con i partner per promuovere gli obiettivi multilaterali. L'UE mira a costruire un multilateralismo più inclusivo. È importante coinvolgere anche la società civile, il settore privato, le parti sociali e altre parti interessate.

Prossimi passi

La Commissione e l'Alto rappresentante invitano il Parlamento europeo e il Consiglio ad approvare l'approccio ea lavorare insieme su queste priorità. Contesto Per rispondere con successo alle crisi, alle minacce e alle sfide globali, la comunità internazionale ha bisogno di un sistema multilaterale efficiente, fondato su regole e valori universali. L'ONU resta al centro del sistema multilaterale.

L'UE ei suoi Stati membri sono i maggiori donatori finanziari del sistema delle Nazioni Unite, delle istituzioni di Bretton Woods e di molti altri forum internazionali. Forniscono quasi un quarto di tutti i contributi finanziari ai fondi e ai programmi delle Nazioni Unite, mentre gli Stati membri dell'UE forniscono anche quasi un quarto del bilancio regolare delle Nazioni Unite. Al Fondo monetario internazionale e alla Banca mondiale, gli Stati membri dell'UE detengono oltre un quarto del potere di voto, quasi un terzo dei contributi finanziari provengono dall'UE e dai suoi Stati membri.

L'UE lavora a stretto contatto con e in altre organizzazioni ed entità internazionali, quali l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, l'Organizzazione mondiale del commercio, il Consiglio d'Europa, l'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa e il Trattato del Nord Atlantico Organizzazione. Infine, l'UE cerca una più stretta cooperazione con altri raggruppamenti regionali e multinazionali come l'Unione africana, l'Organizzazione degli Stati dell'Africa, dei Caraibi e del Pacifico, l'Associazione delle nazioni dell'Asia sudorientale o la Comunità degli Stati dell'America latina e dei Caraibi per affrontare le sfide comuni e lavorare insieme a livello internazionale.

Continua a leggere

Twitter

Facebook

Trending