Seguici sui social

legislazione sul copyright

La protezione del copyright è diventata una questione delicata in tutto il mondo

SHARE:

Pubblicato il

on

La crescente globalizzazione e la rapida proliferazione della tecnologia hanno portato a una crescente necessità di proteggere il diritto d’autore.

Sempre più organizzazioni sono vittime di attacchi ed esposizioni e, nel 2023, a livello globale, il costo medio di una violazione dei dati ha raggiunto il massimo storico di 4.45 milioni di dollari: un aumento del 2.3% rispetto all’anno precedente e del 15.3% rispetto al 2020.

Ma non è solo la violazione del diritto d’autore ad essere sotto i riflettori: lo sono anche i regolatori e le autorità che supervisionano il settore.

Prendiamo ad esempio la Georgia.

Dal 2019 il governo georgiano sta tentando di aggiornare le proprie norme sul diritto d'autore, con l'obiettivo di allinearle agli standard e alle pratiche internazionali. A tal fine è stata introdotta una nuova legislazione, ma ciò è stato gravato da ritardi dovuti a una combinazione di fattori.

Tra questi figurano il Covid, la guerra in Ucraina e anche le percepite attività di lobbying da parte delle organizzazioni internazionali.

L'organizzazione che sovrintende al diritto d'autore nel paese è la Georgian Copyright Association (GCA).

pubblicità

Alcuni sostengono che la legislazione sul copyright esistente nel paese non sia all’altezza degli standard moderni e anche che “l’ambiguità” nella bozza della legislazione governativa stessa ha portato a vari problemi di interpretazione, con conseguenti problemi all’interno del settore.

La proposta di legge si fonda su tre principi fondamentali: trasparenza, buon governo e responsabilità.

Il pacchetto di modifiche è stato preparato con il sostegno di vari organismi, tra cui il Centro nazionale per la proprietà intellettuale della Georgia, o Sakpatenti; il Commercial Law Development Program (CLDP) del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti e il Programma di governance economica e il Programma di sicurezza economica dell’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID) e dell’Unione Europea.

Si ritiene che il disegno di legge abbia il sostegno di molti autori e compositori georgiani, anche se centinaia di creatori avrebbero lasciato la GCA a seguito di un lungo conflitto dovuto, dicono, alla presunta violazione dei loro diritti legali. È stato anche affermato che le royalties non sono state pagate e coloro che rimangono membri del GCA hanno protestato per tali questioni.

Il problema è visto come duplice: in primo luogo la CGA è accusata di cercare di “mantenere la sua base di potere” e, in secondo luogo, l’introduzione della legislazione è stata ritardata.

Ora è scoppiata una guerra di parole sulla spinosa questione della riforma del copyright.

Da un lato ci sono coloro che premono per un cambiamento urgente e sostengono la legislazione, dall'altro c'è la rappresentanza ombrello degli autori. Questo non è soddisfatto della legislazione e ha sollecitato un ripensamento.

In una lettera firmata da alcuni di coloro che hanno lasciato l'associazione si legge che “il processo di modifica della legge si trascina già da anni. Siamo d’accordo che questo non può essere considerato la migliore pratica internazionale”.

Si afferma che sostengono pienamente “l’obiettivo chiave” del disegno di legge previsto che è “allineare la legislazione georgiana alle norme internazionali e dell’UE”.

La lettera afferma che “entità statunitensi rispettabili come USAID e CLDP” sono state attivamente coinvolte nella preparazione del disegno di legge insieme a legislatori, autori ed esperti locali e stranieri del settore georgiani”.

Il disegno di legge, si legge ancora, “è il prodotto di una cooperazione congiunta, lunga e fruttuosa” con diverse organizzazioni.

La lettera conclude: “Non accettiamo alcuna interferenza che ostacoli il raggiungimento degli obiettivi dichiarati e che non rifletta in alcun modo le migliori pratiche dell’UE e le norme internazionali”.

“Abbiamo intenzione di difendere fermamente gli interessi degli autori georgiani”.

Tuttavia, un organismo ombrello per autori e creatori ha chiesto che la legislazione prevista venga modificata o abolita.

La CISAC – la Confederazione internazionale delle società degli autori e dei compositori – e altri hanno sollevato obiezioni alla legislazione.

Una lettera di tre organizzazioni, vista da questo sito web, afferma che esiste una “urgente necessità di ritirare le bozze di emendamento proposte alla legge georgiana sul copyright”.

La lettera, datata 30 maggio, è stata firmata da CISAC, IFFRO (Federazione internazionale delle organizzazioni per i diritti di riproduzione) e SCAPR (Consiglio delle società per la gestione collettiva dei diritti degli artisti).

È stato inviato a Eliso Bolkvadze, presidente della commissione cultura del parlamento georgiano.

Si legge: “Le nostre tre organizzazioni sosterrebbero qualsiasi iniziativa legislativa volta a sviluppare soluzioni in linea con gli standard e le migliori pratiche accettati a livello internazionale, per migliorare il sistema di gestione collettiva del diritto d’autore in Georgia”.

E aggiunge: “Tuttavia, la nostra analisi ha identificato diverse carenze, carenze e incoerenze che metterebbero il disegno di legge fuori passo rispetto al diritto e alle pratiche internazionali. Di conseguenza, il disegno di legge indebolirebbe il sistema esistente di gestione collettiva dei diritti, invece di rafforzarlo. Sarebbe quindi dannoso per i titolari dei diritti, sia locali che stranieri, le cui opere vengono utilizzate nel Paese e il cui sostentamento dipende dal buon funzionamento del sistema di gestione collettiva in Georgia”.

Dice: “Per questo motivo, i nostri membri a livello globale si oppongono fermamente all’attuale disegno di legge e raccomandano l’apertura di un nuovo processo di consultazione che offra alle parti interessate locali e internazionali l’opportunità di discutere adeguatamente il disegno di legge e aprendo la strada alla produzione di una nuova bozza”.

La Georgia è stata la prima delle ex repubbliche sovietiche a creare il proprio servizio nazionale di brevetti – “Sakpatenti” – nel 1992.

Tutti i principali campi della proprietà intellettuale sono ora pienamente consolidati sotto il mandato di Sakpatenti, dalla proprietà industriale al diritto d'autore e ai diritti connessi.

Il Centro nazionale per la proprietà intellettuale della Georgia è un'agenzia governativa e determina la politica nel campo della proprietà intellettuale.

Il 18 maggio 2023 ha pubblicato una relazione sul GCA e i risultati di un audit.

Secondo il rapporto visionato da questo sito sono state riscontrate alcune “carenze”. Il rapporto di audit, che conta circa 140 pagine, “ribadisce la necessità di misure tempestive ed efficaci per proteggere i diritti di proprietà degli autori”.

E prosegue: “In questa fase è particolarmente importante colmare le lacune dell'attuale normativa in materia di gestione collettiva dei diritti d'autore e dei diritti connessi. A questo scopo, in collaborazione con CLDP, USAID, esperti stranieri e il Comitato Cultura del Parlamento della Georgia è stato preparato un pacchetto di emendamenti legislativi che si prevede sarà preso in considerazione dal Parlamento nel prossimo futuro”.

Nessuno del GCA o del CISAC si è reso immediatamente disponibile per un commento formale, ma si ritiene che tutte le accuse siano state confutate in modo forte e robusto da entrambi.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending