Seguici sui social

Ucraina

L'Ucraina attende decisioni sui carri armati alla riunione dei leader della difesa occidentale

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

Il presidente ucraino Volodomyr Zelensky (nella foto) ha affermato che il suo governo si aspetta "decisioni forti" dai leader della difesa della NATO e da altri paesi che si sono incontrati per discutere i modi per migliorare la capacità dell'Ucraina contro le forze russe dotate di moderni carri armati.

Questo incontro, tenutosi presso la base aerea di Ramstein, in Germania, è l'ultimo di una serie di incontri da quando la Russia ha invaso l'Ucraina quasi 11 mesi fa. Si discuterà anche delle future forniture di armi, soprattutto per quanto riguarda quelle tedesche Carri armati Leopard2 utilizzati dagli eserciti di tutta Europa.

Berlino può porre il veto a qualsiasi decisione di esportare carri armati e il governo del cancelliere Olaf Scholz è stato riluttante ad autorizzarlo per paura della Russia.

Gli alleati affermano che le preoccupazioni di Berlino sono mal riposte. La Russia è già pienamente impegnata nella guerra. Mosca, tuttavia, ha ripetutamente affermato che i trasferimenti di armi occidentali prolungherebbero il conflitto e aumenterebbero le sofferenze in Ucraina.

Sia la Russia che l'Ucraina hanno fatto molto affidamento sui carri armati T-72 dell'era sovietica. Questi carri armati sono stati distrutti a centinaia durante la guerra che il presidente russo Vladimir Putin ha iniziato lo scorso 24 febbraio, definendola una "operazione militare speciale" per proteggere i parlanti russi ei russi.

La Russia ei suoi alleati accusano l'Ucraina di un'invasione non provocata per impadronirsi del territorio e distruggere l'indipendenza di un'ex repubblica sovietica e vicina. L'Ucraina ha avuto una fornitura costante di armi dall'Occidente.

Zelenskiy ha affermato che "in realtà ora stiamo aspettando una determinazione da una capitale europea che attiverà la catena di cooperazione preparata in materia di carri armati", in un discorso video giovedì sera.

pubblicità

"Ci stiamo preparando per l'incontro di domani con Ramstein. Ci aspettiamo decisioni forti. Ha detto che ci aspettiamo un forte pacchetto di aiuti militari dall'America".

ASSISTENZA MILITARE DEGLI STATI UNITI

Gli Stati Uniti hanno annunciato giovedì che forniranno 2.5 miliardi di dollari in assistenza militare all'Ucraina, che include centinaia di altri veicoli blindati così come il supporto per la difesa aerea dell'Ucraina.

Secondo una dichiarazione del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, gli aiuti includevano 59 veicoli da combattimento Bradley e 90 veicoli corazzati Stryker. Dall'invasione, gli Stati Uniti hanno fornito all'Ucraina più di 27.4 milioni di dollari in assistenza per la sicurezza.

Secondo fonti all'interno del governo tedesco, Berlino prenderebbe in considerazione l'idea di passare alla questione dei carri armati Leopard se Washington si offrisse di inviare carri armati Abrams in Ucraina. Gli Stati Uniti non hanno incluso i carri armati Abrams nel loro annuncio di giovedì.

Boris Pistorius, il nuovo ministro della Difesa tedesco, ha dichiarato in precedenza che lui non conoscevo alcuna esigenza che l'Ucraina riceva simultaneamente i carri armati statunitensi.

Pistorius ha detto: "Non conosco alcuna clausola del genere", quando gli è stato chiesto se questo significasse che Abrams e Leopardi avrebbero dovuto essere consegnati contemporaneamente. Questa posizione lascia la possibilità di raggiungere un accordo venerdì.

VISITA DEL DIRETTORE DELLA CIA

Gli alleati dell'Ucraina in Occidente volevano impedire che la NATO sembrasse affrontare direttamente la Russia, e quindi si sono rifiutati di inviare le loro armi più potenti al governo di Kiev.

Zelenskiy, un intervistatore di Zelenskiy, ha affermato che l'Ucraina aveva bisogno di carri armati per difendersi e riconquistare il territorio occupato. Ha anche affermato che la Russia non intendeva attaccare l'Ucraina.

"Da Washington a Londra, da Parigi a Varsavia, c'è una cosa su cui tutti sono d'accordo: l'Ucraina ha bisogno di carri armati. La chiave per porre fine alla guerra in modo appropriato sono i carri armati. È ora di smettere di tremare sotto Putin e compiere i passi finali", ha twittato Mykhailo Podolyak, consigliere di Zelenskyj.

Giovedì a Reuters è stato detto che il direttore della CIA William Burns si è recato in segreto nella capitale dell'Ucraina, Kiev, per incontrare Zelenskiy.

Il funzionario ha rifiutato di dare una data. Il Washington Post ha riferito per la prima volta che la visita è avvenuta all'inizio della scorsa settimana. Secondo il Post, Burns ha fornito a Zelenskiy una sua panoramica aspettative riguardo ai piani militari della Russia.

Secondo i funzionari militari ucraini, i combattimenti sono continuati nella regione industriale strategica del Donbass, al confine orientale dell'Ucraina.

Secondo lo stato maggiore delle forze armate ucraine, le forze russe hanno attaccato Bakhmut, il principale obiettivo della Russia a Donetsk, che insieme a Luhansk forma il Donbas. Bakhmut è a 20 km (12 miglia) da Soledar. Le forze russe affermano di avere il controllo di Soledar mentre fonti ucraine affermano che i loro militari continuano a combattere a Soledar.

Oleh Zhdanov, un analista militare ucraino, ha dichiarato: "Le truppe ucraine hanno praticamente stabilizzato il fronte intorno a Bakhmut".

La Russia sta facendo di Soledar un centro militare, a partire da oggi. Stanno anche cercando di spostare le truppe verso Spirne o Bilohorivka, appena fuori dalla regione di Luhansk.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending