Seguici sui social

Ucraina

Il ministro degli interni ucraino si dimette

SHARE:

Pubblicato

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

Il ministro degli Interni ucraino Arsen Avakov parla durante una conferenza stampa sull'indagine sull'uccisione di un giornalista Pavel Sheremet nel 2016, a Kiev, Ucraina, 12 dicembre 2019. REUTERS/Valentyn Ogirenko

Il ministro degli Interni ucraino Arsen Avakov (nella foto) ha presentato una lettera di dimissioni, ha detto il suo ministero martedì, senza rivelare il motivo della mossa, scrive Natalia Zinets, Reuters.

Né l'ufficio del presidente Volodymyr Zelenskiy né il servizio stampa del ministero hanno risposto alle richieste di commento di Reuters.

pubblicità

Avakov dirigeva il ministero dal 2014, ma lui e Zelenskiy erano stati in disaccordo nelle ultime settimane sull'indagine sull'uccisione di un giornalista investigativo in un'autobomba nel centro di Kiev 2016.

Zelenskiy aveva detto in una conferenza stampa a maggio che avrebbe parlato con Avakov della possibilità di rimanere al suo posto se un tribunale avesse deciso che i sospetti, veterani della guerra con i separatisti nell'Ucraina orientale, erano innocenti.

A giugno, i tribunali hanno rilasciato due dei sospetti dalla detenzione e li hanno posti agli arresti domiciliari in attesa del processo.

pubblicità

Le udienze del tribunale hanno suscitato proteste, con attivisti che hanno affermato che i sospetti non erano coinvolti nell'uccisione di Pavel Sheremet. I manifestanti hanno anche chiesto le sue dimissioni lo scorso giugno per le accuse di brutalità della polizia.

Iryna Vereshchuk, vice capo della commissione parlamentare per le questioni di sicurezza e membro del partito di Zelenskiy, ha suggerito che il presidente abbia esortato Avakov a dimettersi.

"Penso che avessero un accordo sul fatto che se il presidente gli chiede di scrivere una lettera di dimissioni, il signor Avakov lo farà indipendentemente dal fatto che lo voglia o meno", ha detto Vereshchuk ai giornalisti.

Le sue dimissioni devono essere accettate dal parlamento per avere effetto. Il partito di Zelenskiy ha la maggioranza.

Il legislatore Oleksandr Kachura ha dichiarato su Telegram che un membro del partito, Denys Monastyrskiy, è stato nominato per succedere ad Ava

Ucraina

Il sostegno dell'UE alle riforme in Ucraina è inefficace nella lotta alla corruzione

Pubblicato

on

La Corte dei conti europea (ECA) ha trovato Il sostegno dell'UE alle riforme in Ucraina è inefficace nella lotta alla grande corruzione. Reporter UE ha parlato con il revisore capo su questa relazione Juhan Parts sulle sue conclusioni e su cosa significa per il sostegno continuo dell'UE. 

Laddove esiste una corruzione endemica in un paese o in una società, che porta a una piccola corruzione diffusa, Parts afferma che è necessario guardare a spiegazioni più elevate e più strutturali. 

"Nonostante il vario sostegno che l'UE ha offerto all'Ucraina, gli oligarchi e gli interessi costituiti continuano a minare lo stato di diritto ea minacciare lo sviluppo del paese", ha affermato Parts. “L'Ucraina ha bisogno di una strategia mirata ed efficiente per contrastare il potere degli oligarchi e diminuire la cattura dello stato. L'UE può svolgere un ruolo molto più significativo di quanto non abbia svolto finora.

pubblicità

“La grande corruzione e la cattura dello stato da parte degli oligarchi ostacolano la concorrenza e la crescita, ma danneggiano anche il processo democratico. Il tribunale stima che ogni anno si perdano decine di miliardi di euro a causa della corruzione”. 

L'UE è certamente consapevole del problema e ne ha fatto una priorità trasversale, convogliando fondi e sforzi attraverso una varietà di settori, tra cui la politica della concorrenza, l'ambiente e, naturalmente, la magistratura e la società civile. Tuttavia, i revisori hanno riscontrato che il sostegno finanziario e le misure messe in atto non hanno dato risultati. 

Nonostante sia consapevole delle connessioni tra oligarchi, funzionari di alto livello, politici, magistratura e imprese statali, il rapporto rileva che l'UE non ha sviluppato una vera strategia per contrastare questo tipo di corruzione sistemica. I revisori danno l'esempio del riciclaggio di denaro, che viene trattato solo marginalmente e in cui gli Stati dell'UE potrebbero assumere un ruolo guida più forte. 

pubblicità

I revisori riconoscono alcuni degli sforzi dell'UE, ad esempio nel suo aiuto alla creazione di un'Alta Corte anticorruzione, che ha iniziato a mostrare risultati promettenti e di un Ufficio nazionale anticorruzione, ma questi risultati sono costantemente a rischio con le organizzazioni lottano ancora per far sentire la loro presenza e l'intero sistema rimane molto fragile.

Parts dice che c'è un forte sostegno in Ucraina per le riforme e che dovremmo guardare ai cambiamenti in paesi come i paesi baltici e altri paesi dell'UE che hanno fatto importanti riforme e hanno registrato livelli di crescita molto più elevati rispetto all'Ucraina nello stesso periodo. 

La Corte ha formulato sette raccomandazioni. Parts afferma che c'è la volontà di accettare queste raccomandazioni e apportare le modifiche necessarie.

Continua a leggere

Russia

L'Ucraina ribolle mentre il partito di Putin corteggia gli elettori nel Donbass controllato dai separatisti

Pubblicato

on

By

Bandiere russe e separatiste sventolano nell'aria mentre risuona una musica vivace e soldati dell'autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk siedono ad ascoltare i discorsi. I membri del club motociclistico nazionalista russo dei Lupi della Notte girano nelle vicinanze, scrivere Alexander Ermochenko, Sergiy Karazy a Kiev e Maria Tsvetkova a Mosca.

La Russia terrà le elezioni parlamentari dal 17 al 19 settembre e per la prima volta Russia Unita, il partito al governo che sostiene il presidente Vladimir Putin, sta conducendo una campagna nell'Ucraina orientale sul territorio controllato dai separatisti sostenuti da Mosca.

In palio ci sono i voti di oltre 600,000 persone a cui è stato dato il passaporto russo dopo un cambiamento di politica del Cremlino nel 2019 che l'Ucraina ha condannato come un passo verso l'annessione.

pubblicità

"Voterò di sicuro, e solo per Russia Unita perché penso che con loro ci uniremo alla Federazione Russa", ha detto Elena, 39 anni, di Khartsysk nella regione di Donetsk.

"I nostri figli studieranno secondo il curriculum russo, i nostri stipendi saranno secondo gli standard russi e in realtà vivremo in Russia", ha detto, parlando a un raduno di Russia Unita nella città di Donetsk.

Nel 2014, dopo che le proteste di piazza hanno cacciato il presidente ucraino amico del Cremlino Viktor Yanukovich, la Russia ha rapidamente annesso un'altra parte dell'Ucraina, la penisola di Crimea. I separatisti filorussi insorsero poi in tutta l'Ucraina orientale, in quello che Kiev e i suoi alleati occidentali chiamarono un accaparramento di terra sostenuto da Mosca.

pubblicità

Più di 14,000 persone sono morte nei combattimenti tra separatisti e forze ucraine, con scontri mortali che continuano regolarmente nonostante un cessate il fuoco che ha posto fine ai combattimenti su larga scala nel 2015.

Due autoproclamate "Repubbliche popolari" gestiscono le regioni di Donetsk e Luhansk, in una parte dell'Ucraina orientale nota come Donbass. Mosca ha coltivato stretti legami con i separatisti, ma nega di aver orchestrato le loro ribellioni.

A Donetsk, sono disseminati cartelloni elettorali con immagini di monumenti russi come la Cattedrale di San Basilio a Mosca. Il rublo russo ha soppiantato la grivna ucraina. Kiev, nel frattempo, è furiosa con la Russia che organizza un'elezione sul territorio dei separatisti.

"C'è una totale 'russificazione' di questa regione che va avanti a tutto vapore", ha detto a Reuters a Kiev Oleskiy Danilov, segretario del Consiglio di sicurezza e difesa dell'Ucraina.

"L'altra domanda è perché il mondo non reagisce a questo? Perché dovrebbero riconoscere questa Duma di Stato?" ha detto in un'intervista a Kiev, riferendosi alla camera bassa del parlamento russo che sarà scelta nel voto.

La Russia afferma che non c'è nulla di insolito nel fatto che le persone con doppia nazionalità russa e ucraina votino alle elezioni russe.

I residenti del Donbass con passaporto russo avevano il diritto di votare "ovunque vivano", l'agenzia di stampa russa TASS ha citato il ministro degli Esteri Sergei Lavrov il 31 agosto.

Kiev e Mosca si accusano a vicenda di aver bloccato una pace permanente nel Donbass. Una mobilitazione di massa delle forze russe vicino al confine con l'Ucraina all'inizio di quest'anno ha causato allarme in Occidente.

In tutta la Russia stessa, Russia Unita dovrebbe vincere le elezioni parlamentari, come non ha mai mancato di fare nell'era di Putin, nonostante le valutazioni dei sondaggi di opinione che ultimamente si sono abbassate a causa degli standard di vita stagnanti. I gruppi di opposizione affermano che ai loro candidati è stato negato l'accesso al voto, incarcerati, intimiditi o spinti all'esilio e prevedono brogli. La Russia dice che il voto sarà equo.

Sebbene il Donbass sia piccolo se confrontato con l'elettorato russo complessivo, il sostegno schiacciante del partito al governo potrebbe essere sufficiente per assicurarsi seggi aggiuntivi.

"Ovviamente la valutazione di Russia Unita è molto più alta e il voto di protesta è in media molto più basso che in tutta la Russia", ha detto Abbas Gallyamov, un ex scrittore di discorsi del Cremlino diventato analista politico.

"Ecco perché stanno mobilitando il Donbass".

Yevhen Mahda, un analista politico con sede a Kiev, ha affermato che la Russia stava permettendo ai residenti del Donbass di votare non solo per promuovere Russia Unita, ma per legittimare le amministrazioni separatiste.

"La Russia, direi così, con grande cinismo, sta sfruttando il fatto che la maggior parte delle persone che vivono lì non hanno un posto dove andare per farsi aiutare, nessuno su cui fare affidamento, e spesso il passaporto russo era l'unica via d'uscita dal situazione disperata in cui le persone si sono trovate nei territori occupati".

Continua a leggere

Ucraina

L'Ucraina celebra il Giorno dell'Indipendenza promettendo di rivendicare il territorio annesso

Pubblicato

on

By

I membri del servizio ucraino partecipano alla parata militare del Giorno dell'Indipendenza a Kiev, Ucraina, 24 agosto 2021. REUTERS/Gleb Garanich
Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy tiene un discorso durante la parata militare del Giorno dell'Indipendenza a Kiev, Ucraina, 24 agosto 2021. REUTERS/Gleb Garanich

L'Ucraina ha tenuto la sua prima parata militare in diversi anni, celebrando il trentesimo anniversario della sua indipendenza e dichiarando che avrebbe rivendicato aree del suo territorio annesse dalla Russia, writi Pavel Polityuk, Reuters.

Unità dell'esercito ucraino, carri armati, mezzi corazzati, missili e sistemi di difesa aerea hanno marciato lungo la via centrale di Kiev, mentre una parata di unità della Marina ucraina si è svolta nel porto di Odessa sul Mar Nero.

"Stiamo combattendo per il nostro popolo, perché è possibile occupare temporaneamente dei territori, ma è impossibile occupare l'amore della gente per l'Ucraina", ha detto il presidente Volodymyr Zelenskiy durante una cerimonia prima della parata.

pubblicità

"La gente del Donbass e della Crimea tornerà da noi, perché siamo una famiglia", ha detto.

Le relazioni tra Kiev e Mosca sono crollate dopo che la Russia ha annesso la penisola di Crimea nel 2014 e lo scoppio della guerra tra le truppe ucraine e le forze appoggiate dalla Russia nell'Ucraina orientale che secondo Kiev ha ucciso 14,000 persone in sette anni.

Lunedì più di 40 paesi hanno preso parte alla piattaforma Crimea, un vertice a Kiev progettato per mantenere l'attenzione internazionale focalizzata sul ritorno della Crimea. Scopri di più.

pubblicità

Continua a leggere
pubblicità
pubblicità
pubblicità

Trending