Seguici sui social

UK

Indagine su come i voti degli espatriati britannici possano perdere le elezioni nel Regno Unito

SHARE:

Pubblicato il

on


I gruppi promotori della campagna New Europeans UK e Unlock Democracy hanno collaborato con il British Overseas Voters Forum per indagare sull'efficacia del sistema postale per i cittadini britannici all'estero che voteranno alle elezioni generali del Regno Unito il 4 luglio.

Ciò avviene dopo che il capo del British Overseas Voters Forum, Bruce Darrington, che vive a Bangkok, ha espresso preoccupazione sull’affidabilità del sistema postale in alcune parti dell’Asia e in altre parti del mondo. 

Dopo aver parlato con molti dei loro membri, teme che un numero elevato di voti postali non raggiungerà il Regno Unito in tempo perché i voti di molti britannici che vivono all'estero possano contare nelle elezioni.

Darrington ha dichiarato: “Crediamo che il processo di voto per corrispondenza difficilmente darà alle persone, in molti o nella maggior parte dei paesi del mondo, abbastanza tempo per completare lo scrutinio in modo da riaverlo prima che abbia luogo lo spoglio. 

“Per i cittadini britannici all’estero che sono registrati come elettori postali, ora vogliamo utilizzare la loro esperienza come prova se il voto postale funziona per il Paese in cui vivono o lavorano”. 

“L’intento dell’indagine è quello di assicurarsi che eventuali problemi con il sistema postale vengano registrati al fine di suggerire cambiamenti per le future elezioni, come il coinvolgimento di ambasciate e consolati nella distribuzione e restituzione delle schede elettorali nel Regno Unito.

«Quanto più persone parteciperanno all'indagine, tanto migliore potremo farci un quadro di dove il sistema postale funziona bene e dove potrebbe fallire. Pertanto invitiamo tutti i cittadini britannici che vivono all’estero ad aiutarci dedicando qualche minuto a registrare quando hanno ricevuto e pubblicato il loro voto, o se hanno ricevuto la scheda elettorale troppo tardi per poterla restituire in tempo”.

pubblicità

Il direttore di Unlock Democracy ed ex deputato liberaldemocratico, Tom Brake, ha spiegato: “Al momento, migliaia di persone potrebbero mettere i loro voti nelle cassette postali di tutto il mondo e pensare 'lavoro fatto'. Ma in realtà il loro voto potrebbe arrivare nel Regno Unito settimane dopo la chiusura delle urne e non essere mai conteggiato”.

Ha aggiunto: “Chiediamo a tutti i cittadini britannici all’estero di fornire alcune informazioni che saranno condivise tra le tre organizzazioni che conducono l’indagine: British Overseas Voters Forum, Unlock Democracy e New Europeans UK. Ci aiuterà a verificare se ogni voto è arrivato in tempo per essere effettivamente conteggiato alle elezioni”.      

New Europeans UK e Unlock Democracy stanno conducendo una campagna congiunta per l’introduzione di collegi elettorali esteri nel Regno Unito per rappresentare meglio i britannici che vivono all’estero. Molti paesi di dimensioni non dissimili dal Regno Unito, come Francia e Italia, hanno collegi elettorali esteri. 

La campagna per le circoscrizioni elettorali all’estero è sostenuta da gruppi come Bremain in Spagna, Brexpats – Hear Our Voice, European Britons, British Overseas Voters Forum, Liberal Democrats Abroad e True & Fair Party.

· Chiunque sia interessato a prendere parte all'indagine è invitato a inviare un'e-mail con le informazioni riportate di seguito a [email protected]:

· Nome di battesimo

· Cognome

· Paese

· Data Voto Postale (PV) Richiesto se noto

· Data PV ricevuto

· Data di pubblicazione del PV

· Autorità locale che ha emesso il tuo PV

· Distretto elettorale (questo sarà sul tuo PV)

· Numero del sondaggio (questo sarà sul tuo PV)

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending