Seguici sui social

Tibet

Cosa c'è in un nome? Manifestazione di disperazione cinese in Arunachal Pradesh

SHARE:

Pubblicato il

on

La Cina giovedì 30 dicembre 2021 ha ribattezzato 15 località dell'Arunachal Pradesh in caratteri cinesi mandarini oltre che in alfabeto tibetano e romano, per riaffermare la sua pretesa sullo stato che ama chiamare 'Zangnan' o la parte meridionale di Xizang (Tibet Regione autonoma).

Questa non è la prima volta che la Cina ha "standardizzato" i nomi dei luoghi dell'Arunachal Pradesh. Un tentativo simile è stato fatto nel 2017 per sei posti nello Stato.

Il MEA in una risposta ben formulata ha osservato: “L'Arunachal Pradesh è sempre stato e sarà sempre parte integrante dell'India. Assegnare nomi di fantasia a luoghi dell'Arunachal Pradesh non altera questo fatto".

Perché una ridenominazione improvvisa?

Chiaramente il motivo alla base di questa improvvisa azione unilaterale della Cina è volto a fornire più forza e legittimità alla nuova legge sui confini terrestri entrata in vigore il 01 gennaio 2022. La Cina ha trasformato la "controversia territoriale" in "controversia sulla sovranità" adottando la legge sul confine terrestre . La nuova legge sui confini terrestri, introdotta dalla Repubblica popolare cinese (RPC) durante la 31a riunione del Comitato permanente del 13° Congresso nazionale del popolo il 23 ottobre 2021, è l'ultimo tentativo della Cina di delineare e delimitare unilateralmente i confini territoriali con l'India e Bhutan.

Secondo la legge sui confini terrestri, simile alla legge sulla sicurezza nazionale approvata rispetto a Hong Kong, la Cina avrà la precedenza legale extraterritoriale rispetto ai suoi confini territoriali. Proprio come la legge sulla sicurezza nazionale mira a punire chiunque (a livello globale) per aver istigato alla ribellione contro il PCC a Hong Kong, la legge sui confini della terra mira anche a punire chiunque oltrepassi i confini unilateralmente decisi, delineati e delimitati della Cina.

La Cina afferma: “Zangnan è stato territorio cinese sin dai tempi antichi. Minoranze etniche come i Moinba ei gruppi etnici tibetani vivono e lavorano in questa zona da molto tempo e molti sono i toponimi tramandati”.

pubblicità

Seguendo la stessa logica, Kailash Mansarovar (chiamato anche Monte Kailash) è stato un luogo sacro per il pellegrinaggio indù dal 3000 a.C. (origine approssimativa dell'induismo) molto prima della diffusione del buddismo e come tali gli indiani hanno visitato Kailash in gran numero da allora. Il nome "Kailash" è ugualmente più antico del suo nome tibetano "Gang Rinpoche", il che implica che la Cina dovrebbe cedere il monte Kailash all'India.

Allo stesso modo, Yatung (vicino a Dokalam) era un centro commerciale prima dell'occupazione del Tibet da parte della RPC. Era un punto nodale per i commercianti che viaggiavano tra Lhasa e Kalimpong. Il governo indiano possedeva un edificio in questa località con un consistente staff di origini tibetane e indiane che fu espulso con la forza dall'edificio dalla Cina dopo l'occupazione.

Cosa c'è in un nome?

Di recente, il governo cinese ha subito un'immensa pressione globale e interna a causa delle sue numerose politiche che hanno portato all'oppressione delle minoranze, al rallentamento dell'economia e delle relazioni nelle immediate vicinanze. Il tentativo cinese di alterare i nomi dei luoghi di Arunachal sembra un espediente politico per placare i sentimenti dei cittadini cinesi che hanno recentemente iniziato a mostrare discretamente la loro esasperazione per le varie politiche del regime del PCC sotto Xi Jinping.

A seguito dei fallimenti della coercizione e delle aperture militari in Ladakh, questo passo unilaterale sembra essere un corollario dell'attuale politica di affettatura del salame. Tuttavia, la presente azione non avrà alcun impatto tangibile sull'India, ciò che deve essere riconosciuto è che il PCC ha compiuto uno sforzo disperato per aggiungere legittimità alle sue affermazioni ad Arunachal dietro il velo delle nuove leggi sui confini e siamo sicuri di vederne un po' di più tentativi di rosicchiare in futuro.

È interessante notare che dopo la forte confutazione di MEA, i Netizens indiani hanno preso il centro della scena mentre si lanciavano in un gioco "tit for tat" con la Cina dando nomi indiani a un certo numero di città cinesi. Anche questo gioco psicologico giocato dalla Cina è fallito, proprio come i loro precedenti tentativi di esercitare la forza lungo i nostri confini settentrionali.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending