Seguici sui social

Islam

Gli elettori svizzeri decidono il divieto delle coperture facciali

SHARE:

Pubblicato il

on

Gli elettori svizzeri hanno accettato una proposta di estrema destra di vietare le coperture facciali mentre si sono recati alle urne domenica (7 marzo) in un referendum vincolante visto come una prova dell'atteggiamento nei confronti dei musulmani, scrive Michael Shields.

La proposta del sistema svizzero di democrazia diretta non menziona direttamente l'Islam e mira anche a impedire ai manifestanti violenti di strada di indossare maschere, eppure i politici, i media e gli attivisti locali lo hanno soprannominato il divieto del burqa.

“In Svizzera, la nostra tradizione è che tu mostri il tuo volto. Questo è un segno delle nostre libertà fondamentali ”, aveva detto prima del voto Walter Wobmann, presidente del comitato referendario e membro del parlamento del Partito popolare svizzero.

Ha definito la copertura del viso "un simbolo di questo Islam politico estremo che è diventato sempre più importante in Europa e che non trova posto in Svizzera".

La proposta precede la pandemia COVID-19, che ha visto tutti gli adulti costretti a indossare maschere in molti contesti per prevenire la diffusione dell'infezione. Ha raccolto il sostegno necessario per avviare un referendum nel 2017.

La proposta ha aggravato i rapporti tesi della Svizzera con l'Islam dopo che i cittadini nel 2009 hanno votato per vietare la costruzione di nuovi minareti. Due cantoni hanno già divieti locali sui rivestimenti per il viso.

pubblicità

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending