Seguici sui social

NATO

Erdogan alla Svezia: non aspettatevi il sostegno turco per l'offerta della NATO

SHARE:

Pubblicato il

on

La Svezia non dovrebbe aspettarsi che la Turchia sostenga la sua adesione alla NATO a seguito di una protesta presso l'ambasciata turca a Stoccolma durante il fine settimana, che ha incluso il rogo di una copia del Corano, ha dichiarato lunedì (23 gennaio) il presidente Tayyip Erdogan.

Sabato (21 gennaio), si sono svolte proteste a Stoccolma contro l'adesione della Turchia e contro il tentativo della Svezia di aderire alla NATO. Durante le manifestazioni è stata data alle fiamme una copia del Corano. Ciò ha acuito le tensioni con la Turchia che ha bisogno di sostegno per entrare nell'alleanza militare.

Erdogan ha affermato che coloro che tollerano tale blasfemia presso la nostra ambasciata a Stoccolma non possono aspettarsi il nostro sostegno all'adesione alla NATO.

Ha detto: "Se sei un'organizzazione terroristica o nemica dell'Islam e tieni molto a loro, allora ti consigliamo di cercare il loro sostegno per la sicurezza del tuo paese".

Tobias Billstrom, il ministro degli Esteri svedese, ha rifiutato di commentare immediatamente i commenti di Erdogan. Ha detto in una dichiarazione scritta che voleva comprendere appieno quanto detto.

Ha detto che la Svezia rispetterà l'accordo tra Svezia, Finlandia e Turchia sulla nostra adesione alla NATO.

Rasmus Paludan del partito politico danese di estrema destra Hard Line è stato responsabile del rogo del Corano. Paludan, che è anche cittadino svedese, è stato coinvolto in diverse manifestazioni in cui ha bruciato il Corano.

pubblicità

L'incidente è stato condannato da diversi paesi arabi, tra cui l'Arabia Saudita e la Giordania.

Dopo che la Russia ha invaso l'Ucraina lo scorso anno, Svezia e Finlandia hanno presentato domanda alla NATO. Tuttavia, tutti i 30 membri devono approvare le loro domande. Ankara ha affermato in precedenza che la Svezia deve assumere una posizione più forte contro i terroristi, principalmente militanti curdi, che incolpa del tentativo di colpo di stato del 2016 in Turchia.

La Turchia ha convocato l'ambasciatore svedese ad Ankara sull'incidente.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending