Seguici sui social

Svezia

La Svezia termina la vendita del 5G dopo un giorno

Corrispondente tecnologico

Pubblicato

on

Gli operatori in Svezia hanno dettagliato i piani per l'implementazione diffusa del 5G, dopo che le aste dello spettro adatto sono state chiuse dopo un solo giorno di offerte che ha fruttato 2.3 miliardi di SEK alla nazione (275.5 milioni di dollari), scrive Diana Gooverts.

In una dichiarazione, la Swedish Post and Telecom Authority (PTS) ha notato che sono stati assegnati tutti i 320 MHz a 3.5 GHz, con Telia che si assicura 120 MHz per SEK760.2 milioni; Net4Mobility (un'iniziativa congiunta di Tele2 e le unità locali di Telenor) 100MHz per SEK 665.5 milioni; e Hi3G 100 MHz per 491.2 milioni di SEK.

Teracom Group ha offerto tutti gli 80 MHz nella banda 2.3 GHz per 400 milioni di SEK.

La le vendite sono iniziate ieri (19 gennaio) e si è chiuso dopo quattro turni di aste.

ambizioni
In una dichiarazione congiunta, Tele2 e Telenor hanno affermato che la combinazione di 3.5 GHz con stock esistente a 700 MHz consentirebbe a Net4Mobility di espandere la sua rete 5G a livello nazionale e di condurre "un aggiornamento significativo" della sua rete 4G.

Kaaren Hilsen, CEO di Telenor Sweden, ha affermato che "la nostra ambizione è portare il 5G al 99% dei consumatori entro tre anni".

Ericsson e Nokia sono stati selezionati come fornitori di apparecchiature per il progetto di espansione, che secondo Tele2 CTIO Yogesh Malik avrebbe comportato l'aggiunta di migliaia di nuove stazioni base, insieme ad aggiornamenti ai siti esistenti.

Telia ha salutato lo spettro come "una risorsa fondamentale che getterà le basi per la continua espansione del 5G in tutta la Svezia". Ha rilevato che la banda a 3.5 GHz sarà "particolarmente importante" per fornire copertura in aree densamente popolate e collegare fabbriche, porti e strutture sanitarie.

Diana Gooverts è entrata a far parte di Mobile World Live come redattore statunitense nel settembre 2017, riferendo su implementazioni di infrastrutture e spettro, problemi normativi e altre notizie sugli operatori dal mercato statunitense.

Coronavirus

La Commissione approva un programma svedese da 1.4 miliardi di euro per sostenere i costi fissi non coperti delle aziende colpite dall'epidemia di coronavirus

Corrispondente Reporter UE

Pubblicato

on

La Commissione europea ha approvato uno schema svedese di circa 1.4 miliardi di euro (14 miliardi di corone svedesi) per sostenere i costi fissi non coperti delle aziende colpite dall'epidemia di coronavirus. Il regime è stato approvato nell'ambito degli aiuti di Stato Quadro temporaneo.

Il vicepresidente esecutivo Margrethe Vestager, responsabile della politica sulla concorrenza, ha dichiarato: “Le aziende svedesi hanno registrato un calo significativo dei loro ricavi a causa delle misure restrittive messe in atto per limitare la diffusione del coronavirus. Questo schema da 1.4 miliardi di euro consentirà alla Svezia di supportare le aziende colpite dall'epidemia di coronavirus, aiutandole a coprire i loro costi fissi che non sono coperti dai loro ricavi. Continuiamo a lavorare in stretta collaborazione con gli Stati membri per trovare soluzioni praticabili per mitigare l'impatto economico dell'epidemia di coronavirus, in linea con le norme dell'UE ".

La misura di sostegno svedese

La Svezia ha notificato alla Commissione uno schema di circa 1.4 miliardi di EUR (14 miliardi di SEK) per sostenere ulteriormente le aziende colpite dall'epidemia di coronavirus nell'ambito del Quadro temporaneo.

Nell'ambito del programma, il sostegno pubblico assumerà la forma di sovvenzioni dirette. Il programma sarà aperto alle società attive in tutti i settori tranne il settore finanziario. Il regime copre tre periodi ammissibili: (i) agosto-ottobre 2020, (ii) novembre-dicembre 2020 e (iii) gennaio-febbraio 2021. L'aiuto sarà concesso alle imprese che hanno subito un calo del fatturato superiore al 40% nel periodo Agosto-ottobre 2020 o 30% in ciascuno dei periodi novembre-dicembre 2020 e gennaio-febbraio 2021, rispetto agli stessi periodi del 2019. I beneficiari riceveranno sovvenzioni che coprono fino al 70% dei loro costi fissi scoperti durante i periodi ammissibili. Nel caso di micro e piccole imprese, i contributi copriranno fino al 75% dei costi fissi scoperti per il periodo agosto-ottobre 2020, o al 90% negli altri periodi.

Lo scopo del regime è mitigare le difficoltà economiche e le improvvise carenze di liquidità che i beneficiari stanno affrontando a causa delle misure restrittive imposte dal governo svedese per limitare la diffusione del coronavirus.

La Commissione ha riscontrato che il regime svedese è in linea con le condizioni stabilite nel quadro temporaneo. In particolare, l'aiuto (i) non supererà i 10 milioni di euro per impresa; (ii) coprirà i costi fissi non coperti sostenuti durante un periodo compreso tra il 1 marzo 2020 e il 31 dicembre 2021; e (iii) sarà concesso entro il 31 dicembre 2021.

La Commissione ha concluso che la misura è necessaria, adeguata e proporzionata per porre rimedio a un grave turbamento dell'economia di uno Stato membro, in linea con l'articolo 107, paragrafo 3, lettera b), del TFUE e le condizioni stabilite nel quadro temporaneo.

Su questa base, la Commissione ha approvato la misura ai sensi delle norme dell'UE in materia di aiuti di Stato.

sfondo

La Commissione ha adottato un Quadro temporaneo per consentire agli Stati membri di utilizzare la piena flessibilità prevista dalle norme sugli aiuti di Stato per sostenere l'economia nel contesto dell'epidemia di coronavirus. Il quadro temporaneo, come modificato il 3 aprile, May 8, Giugno 29, 13 ottobre 2020 e 28 gennaio 2021, prevede i seguenti tipi di aiuti che possono essere concessi dagli Stati membri:

(I) Sovvenzioni dirette, iniezioni di azioni, agevolazioni fiscali selettive e pagamenti anticipati fino a 225,000 euro a una società attiva nel settore agricolo primario, 270,000 euro a una società attiva nel settore della pesca e dell'acquacoltura e 1.8 milioni di euro a una società attiva in tutti gli altri settori per far fronte alle sue urgenti esigenze di liquidità. Gli Stati membri possono anche concedere, fino al valore nominale di 1.8 milioni di euro per impresa, prestiti a tasso zero o garanzie su prestiti che coprono il 100% del rischio, ad eccezione del settore agricolo primario e del settore della pesca e dell'acquacoltura, dove i limiti di Si applicano rispettivamente € 225,000 e € 270,000 per azienda.

(Ii) Garanzie statali per prestiti concessi da società per garantire che le banche continuino a fornire prestiti ai clienti che ne hanno bisogno. Queste garanzie statali possono coprire fino al 90% del rischio sui prestiti per aiutare le imprese a coprire il capitale circolante immediato e le esigenze di investimento.

(III) Prestiti pubblici sovvenzionati a imprese (debito senior e subordinato) con tassi di interesse favorevoli alle imprese. Questi prestiti possono aiutare le imprese a coprire il capitale circolante immediato e le esigenze di investimento.

(Iv) Salvaguardie per le banche che convogliano gli aiuti di Stato verso l'economia reale che tale aiuto è considerato un aiuto diretto ai clienti delle banche, non alle banche stesse, e fornisce indicazioni su come garantire una distorsione minima della concorrenza tra le banche.

(V) Assicurazione pubblica del credito all'esportazione a breve termine per tutti i paesi, senza che lo Stato membro in questione debba dimostrare che il rispettivo paese è temporaneamente "non commerciabile".

(Vi) Supporto per ricerca e sviluppo (R&S) correlato al coronavirus affrontare l'attuale crisi sanitaria sotto forma di sovvenzioni dirette, anticipi rimborsabili o agevolazioni fiscali. Un bonus può essere concesso per progetti di cooperazione transfrontaliera tra Stati membri.

(Vii) Supporto per la costruzione e l'upscaling di strutture di collaudo sviluppare e testare prodotti (inclusi vaccini, ventilatori e indumenti protettivi) utili per combattere l'epidemia di coronavirus, fino al primo impiego industriale. Ciò può assumere la forma di sovvenzioni dirette, agevolazioni fiscali, anticipi rimborsabili e garanzie senza perdita. Le società possono beneficiare di un bonus quando il loro investimento è sostenuto da più di uno Stato membro e quando l'investimento è concluso entro due mesi dalla concessione dell'aiuto.

(Viii) Supporto alla produzione di prodotti rilevanti per combattere l'epidemia di coronavirus sotto forma di sovvenzioni dirette, agevolazioni fiscali, anticipi rimborsabili e garanzie senza perdita. Le società possono beneficiare di un bonus quando il loro investimento è sostenuto da più di uno Stato membro e quando l'investimento è concluso entro due mesi dalla concessione dell'aiuto.

(Ix) Sostegno mirato sotto forma di differimento dei pagamenti fiscali e / o sospensioni dei contributi previdenziali per quei settori, regioni o per i tipi di aziende più colpite dall'epidemia.

(X) Sostegno mirato sotto forma di sussidi salariali per i dipendenti per quelle aziende in settori o regioni che hanno sofferto maggiormente dell'epidemia di coronavirus e che altrimenti avrebbero dovuto licenziare personale.

(Xi) Aiuto mirato alla ricapitalizzazione alle società non finanziarie, se non è disponibile un'altra soluzione appropriata. Sono in atto misure di salvaguardia per evitare indebite distorsioni della concorrenza nel mercato unico: condizioni relative alla necessità, all'adeguatezza e all'entità dell'intervento; condizioni di ingresso dello Stato nel capitale delle società e remunerazione; condizioni relative all'uscita dello Stato dal capitale delle società interessate; le condizioni relative alla governance, compresi il divieto di dividendi e i massimali di remunerazione per l'alta dirigenza; divieto di sovvenzioni incrociate e divieto di acquisizione e misure aggiuntive per limitare le distorsioni della concorrenza; obblighi di trasparenza e rendicontazione.

(Xii) Supporto per costi fissi scoperti per le aziende che affrontano un calo del fatturato durante il periodo ammissibile di almeno il 30% rispetto allo stesso periodo del 2019 nel contesto dell'epidemia di coronavirus. Il sostegno contribuirà a una parte dei costi fissi dei beneficiari che non sono coperti dalle loro entrate, fino a un importo massimo di 10 milioni di euro per impresa.

La Commissione consentirà inoltre agli Stati membri di convertire fino al 31 dicembre 2022 gli strumenti rimborsabili (ad esempio garanzie, prestiti, anticipazioni rimborsabili) concessi nell'ambito del quadro temporaneo in altre forme di aiuto, come le sovvenzioni dirette, a condizione che siano soddisfatte le condizioni del quadro temporaneo.

Il quadro temporaneo consente agli Stati membri di combinare tra loro tutte le misure di sostegno, ad eccezione dei prestiti e delle garanzie per lo stesso prestito e superando le soglie previste dal quadro temporaneo. Consente inoltre agli Stati membri di combinare tutte le misure di sostegno concesse nell'ambito del quadro temporaneo con le possibilità esistenti di concessione de minimis a una società fino a € 25,000 in tre anni fiscali per le società attive nel settore agricolo primario, € 30,000 in tre anni fiscali per le società attive nel settore della pesca e dell'acquacoltura e € 200,000 in tre anni fiscali per le società attive in tutti gli altri settori . Allo stesso tempo, gli Stati membri devono impegnarsi a evitare il cumulo indebito di misure di sostegno per le stesse società al fine di limitare il sostegno per soddisfare le loro effettive esigenze.

Inoltre, il quadro temporaneo completa le molte altre possibilità già disponibili per gli Stati membri per mitigare l'impatto socioeconomico dell'epidemia di coronavirus, in linea con le norme dell'UE in materia di aiuti di Stato. Il 13 marzo 2020 la Commissione ha adottato a Comunicazione su una risposta economica coordinata allo scoppio di COVID-19 esponendo queste possibilità. Ad esempio, gli Stati membri possono apportare modifiche generalmente applicabili a favore delle imprese (ad esempio, differire le tasse o sovvenzionare il lavoro a breve termine in tutti i settori), che non rientrano nelle norme sugli aiuti di Stato. Possono anche concedere un risarcimento alle società per i danni subiti a causa e direttamente causati dall'epidemia di coronavirus.

Il quadro temporaneo sarà in vigore fino alla fine di dicembre 2021. Al fine di garantire la certezza del diritto, la Commissione valuterà prima di tale data se è necessario prorogarlo.

La versione non riservata della decisione sarà resa disponibile con il numero SA.60275 nel registro degli aiuti di Stato sulla Commissione concorrenza sito Web una volta risolti tutti i problemi di riservatezza. Nuove pubblicazioni di decisioni sugli aiuti di Stato su Internet e nella Gazzetta ufficiale sono elencate nel State Aid Weekly e-News.

Ulteriori informazioni sul quadro temporaneo e altre azioni intraprese dalla Commissione per affrontare l'impatto economico della pandemia di coronavirus qui.

Continua a leggere

Huawei

La Svezia inizia l'asta 5G nonostante le proteste di Huawei

Notizie Generali

Pubblicato

on

Il regolatore delle comunicazioni svedese ha iniziato la sua asta ritardata di frequenze adatte al 5G, una mossa che Huawei ha avvertito la scorsa settimana avrebbe gravi conseguenze poiché il venditore aveva ancora azioni legali in sospeso per contestare il suo divieto.

In un comunicato, la Swedish Post and Telecom Authority (PTS) ha dichiarato che la sua asta per le licenze nella banda a 3.5 GHz è iniziata oggi (19 gennaio) con una vendita a 2.3 GHz a seguire. Sta mettendo all'asta 320 MHz di spettro da 3.5 GHz e 80 MHz di 2.3 GHz.

L'inizio della vendita arriva pochi giorni dopo Huawei ha perso il suo ultimo fascino relative all'imposizione di condizioni d'asta che vietare gli operatori di offerte utilizzando apparecchiature da esso o rivaleggiare con ZTE.

Huawei ha altre due azioni legali sulla questione in sospeso.

In un commento a Mobile World Live emesso il 15 gennaio a seguito del fallimento del suo ultimo appello, un rappresentante di Huawei ha confermato che i suoi "due principali" casi giudiziari sulla questione non sarebbero stati giudicati fino alla fine di aprile.

La società ha aggiunto: "Porta a gravi conseguenze tenere l'asta 5G mentre le condizioni per le decisioni PTS sono soggette a revisione legale".

L'asta svedese dello spettro doveva originariamente svolgersi nel novembre 2020, ma è stata rinviata dopo che un tribunale ha sospeso l'applicazione di alcune delle condizioni di vendita divisive in attesa dell'udienza.

I termini di PTS sono stati successivamente autorizzati dalla corte d'appello, aprendo la strada al proseguimento dell'asta.

Continua a leggere

Brexit

I `` problemi iniziali '' della Brexit e il coronavirus pongono problemi ai britannici che volano nell'UE

Corrispondente Reporter UE

Pubblicato

on

I viaggiatori diretti in Spagna, Paesi Bassi e Svezia sono stati trattenuti alle frontiere in seguito all'uscita del Regno Unito dal mercato unico (AP)

Continua a leggere

Twitter

Facebook

Trending