Seguici sui social

Commissione europea

REACT-EU: la Commissione approva 2 miliardi di euro di risorse aggiuntive per la ripresa in Italia, Spagna, Lussemburgo e Romania

SHARE:

Pubblicato il

on

La Commissione ha concesso 2 miliardi di euro a Italia, Spagna, Lussemburgo e Romania a seguito della modifica di due Fondo europeo di sviluppo regionale, uno Fondo sociale europeo (FSE) e uno Fondo per il sostegno europeo agli indigenti Programmi Operativi (PO) nell'ambito del Assistenza al recupero per la coesione e i territori in Europa (REACT-UE). In Italia il PO nazionale “Governance e capacità istituzionale” riceverà complessivamente 1.2 miliardi di euro. Di questa somma, 761 milioni di euro andranno all'acquisto di 68 milioni di dosi di vaccini contro il coronavirus. Nelle regioni meridionali, le autorità utilizzeranno 374 milioni di euro per assumere nuovi operatori sanitari pubblici e coprire i costi delle ore extra lavorate dai lavoratori attualmente inseriti nel sistema. 108 milioni di euro contribuiranno a rafforzare la capacità amministrativa delle autorità nazionali e regionali, anche nel sistema sanitario.

In Spagna, la "Comunidad Valenciana" riceverà risorse aggiuntive di 690 milioni di euro per fornire, tra l'altro, capitale circolante alle piccole e medie imprese più colpite e per rafforzare la sanità, i servizi sociali e gli investimenti nelle infrastrutture di base per i cittadini, anche in i settori della sanità e dell'istruzione. Il Lussemburgo riceverà 69 milioni di euro per sostenere i test del coronavirus su larga scala e l'acquisizione di vaccini e investimenti nella sostenibilità come l'elettrificazione della rete nazionale di autobus. In Romania verranno investiti 56 milioni di euro per fornire supporto materiale ai gruppi svantaggiati, come pasti caldi, assistenza ai bambini svantaggiati con materiale scolastico e alle madri svantaggiate con kit essenziali per i loro neonati. REACT-EU fa parte di NextGenerationUE e fornisce 50.6 miliardi di euro di finanziamenti aggiuntivi (a prezzi correnti) nel corso del 2021 e 2022 ai programmi della politica di coesione.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending