Seguici sui social

Corea del Sud

Raggiungere un equilibrio: come la Corea del Sud si sta avviando per raggiungere l'obiettivo di riduzione delle emissioni

SHARE:

Pubblicato il

on

La rapida crescita economica della Corea del Sud ha portato prosperità alla sua popolazione, ma ha anche reso il paese fortemente dipendente dai combustibili fossili. Ora il governo coreano sta impostando una rotta che vedrà una riduzione del 40% delle emissioni di gas serra entro il 2031, scrive l'editore politico Nick Powell.

Alla COP27 di Sharm el Sheikh in Egitto, l'inviata presidenziale sudcoreana Na Kyung-won ha dichiarato che il suo paese otterrà il suo contributo alla riduzione dei gas serra attraverso il passaggio a un equilibrio di fonti energetiche alternative come le rinnovabili e il nucleare.

Ha anche riconfermato un impegno preso prima dell'elezione del presidente Yoon, alla COP26 di Glasgow, in Scozia, lo scorso anno. Le emissioni di gas serra della Corea del Sud nel 2030 non supereranno il 60% del livello del 2018.

In quanto paese che ha raggiunto una rapida industrializzazione negli ultimi decenni, la Corea del Sud è diventata fortemente dipendente da carbone, petrolio e gas. La diversificazione delle fonti energetiche e una maggiore efficienza sono ormai priorità.

Il direttore generale per i cambiamenti climatici presso il ministero dell'Ambiente, Se Chang Ahn, mi ha detto che impostare il piano che metta la Corea del Sud sulla strada della neutralità carbonica entro il 2050 è stato un processo difficile. Una task force che comprendeva esperti, gruppi di interesse e società commerciali ha convenuto sulla necessità di raggiungere un consenso sociale.

Professor Eui Chan Jeon e Nick Powell

La consapevolezza pubblica della necessità di affrontare il cambiamento climatico era cresciuta, non da ultimo a causa dei suoi effetti sul popolo coreano, con tifoni e forti inondazioni che hanno colpito la penisola. I giovani hanno contribuito molto al processo e anche il governo locale è stato fortemente coinvolto.

Il governo sudcoreano sta effettuando un importante investimento in ricerca e sviluppo volto a promuovere la neutralità del carbonio attraverso l'innovazione tecnologica, oltre a creare un ambiente che incoraggi le società private a effettuare investimenti simili.

pubblicità

Il direttore generale ha ricordato che nel 2014, quando era direttore dei trasporti del ministero, il governo ha riconosciuto l'importanza di investire nei veicoli elettrici, per proteggere il vantaggio competitivo dell'industria automobilistica. Anche la tecnologia dell'idrogeno sta registrando importanti investimenti.

Per quanto riguarda la produzione di energia, ha sottolineato che l'Europa è meglio attrezzata per la produzione di energia idroelettrica e dispone di maggiori possibilità per l'energia eolica. Tuttavia, il sostegno alle energie rinnovabili è stato intensificato, con un obiettivo di oltre il 20% di energia rinnovabile entro il 2030.

Alla Sejong University, il professor Eui-Chan Jeon è specializzato in cambiamenti climatici. Mi disse che un paese che aveva fatto affidamento per la sua crescita economica su industrie ad alta intensità energetica come l'acciaio, la petrolchimica e la produzione di motori aveva davanti a sé un enorme compito. Si aspettava che la politica favorevole al nucleare del nuovo governo avrebbe giocato un ruolo importante.

Riteneva inoltre che la lotta al consumo energetico svolgesse un ruolo importante, con un migliore isolamento e altre misure per ridurre la perdita di energia. La domanda dovrebbe essere gestita con prezzi diversi nelle diverse ore del giorno per ridurre i picchi di consumo.

Il professore ha indicato la Corea del Sud all'avanguardia con auto elettriche e veicoli alimentati a idrogeno, con i sussidi governativi che fanno la loro parte. Si aspettava che la produzione di motori a combustione interna terminasse intorno al 2042, osservando che la scienza dei motori a propulsione a combustibili fossili stava già diventando una materia obsoleta nelle università, con professori non più reclutati per insegnarla.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending