Seguici sui social

Russia

La Russia deve rispondere di tutti i crimini di guerra in Ucraina

SHARE:

Pubblicato il

on

La Russia, che si considera il successore legale dell'URSS e il paese vincitore del nazismo, commettendo un'aggressione contro l'Ucraina oggi è paragonata alla Germania nazista di Hitler. Mosca ha adottato le pratiche più sanguinose del nazismo, in particolare il trattamento brutale dei prigionieri di guerra, la tortura e l'assassinio di civili e la deportazione forzata di ucraini, bambini compresi, in Russia.

È passato un anno dal brutale bombardamento da parte dell'esercito russo del Teatro Drammatico di Mariupol, dove sono stati uccisi almeno 600 civili, compresi bambini, che vi avevano cercato rifugio dai continui bombardamenti della loro città natale. Quel giorno, un aereo russo ha sganciato due pesanti bombe sull'edificio del Drama Theatre. I russi non si sono fatti scoraggiare nemmeno dalla presenza di un grande cartello con la scritta "Bambini" sul piazzale antistante l'edificio. La ricerca di Transparency International ha confermato che l'attacco proveniva da un aereo russo e lo ha definito un crimine di guerra, in quanto non vi era alcun obiettivo militare all'interno o nelle vicinanze.

Tuttavia, la distruzione del teatro Mariupol non è stato l'unico brutale crimine di guerra contro il popolo ucraino, l'esercito russo ha effettuato esecuzioni di massa di civili nelle regioni di Kiev, Kharkiv e Kherson. Ci sono stati casi di violenza sessuale contro civili, compresi bambini.

Ad esempio, secondo Reuters, uno di questi casi è lo stupro di un bambino di quattro anni e di sua madre da parte di soldati russi della 15a brigata indipendente di fucili a motore nel distretto di Brovary nella regione di Kiev lo scorso marzo. Ad oggi sono già indagati 11 procedimenti penali in cui le vittime sono ragazze di età compresa tra i 4 ei 17 anni. Non si tratta solo di stupro, ma anche di varie forme di violenza sessuale. Nella metà dei casi registrati, sono state colpite anche le madri dei bambini.

È passato un anno dalla guerra su vasta scala della Russia contro l'Ucraina e l'esercito russo continua a condurre bombardamenti di massa delle infrastrutture critiche dell'Ucraina, deportare con la forza i bambini ucraini in Russia e utilizzare armi vietate, tra cui fosforo e munizioni a grappolo.

Solo nell'ultimo mese, i russi hanno allontanato con la forza 3,000 bambini dai territori occupati, portando il totale a 16,000. L'esercito russo ha effettuato 15 attacchi su larga scala contro le infrastrutture critiche e civili dell'Ucraina negli ultimi cinque mesi, sparando più di 800 missili da crociera. Le armi proibite continuano ad essere utilizzate. Ad esempio, le truppe russe hanno usato armi al fosforo vicino a Chasovyi Yar nel Donbas.

La Russia deve rispondere dei suoi crimini di guerra contro il popolo ucraino. A tal fine, la comunità internazionale dovrebbe organizzare un tribunale speciale per processare i criminali di guerra russi.

pubblicità

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending