Seguici sui social

Russia

Finlandia, Svezia e NATO

SHARE:

Pubblicato il

on

Valery Gerasimov, capo di stato maggiore russo e comandante del gruppo di truppe nella cosiddetta "operazione militare speciale", ha affermato che le aspirazioni di Finlandia e Svezia ad aderire alla NATO e l'uso dell'Ucraina come strumento per una guerra ibrida con La Russia è una nuova minaccia per Mosca.

Gerasimov considera le aspirazioni di adesione alla NATO di Svezia e Finlandia una "minaccia per la Russia". La retorica del Cremlino nei confronti dell'Europa si fa sempre più provocatoria. L'aumento delle sanzioni e dell'isolamento può essere una risposta logica.

Sembra che il Cremlino continui a non capire o non voglia capire che le sue azioni non solo non sono riuscite a seminare disaccordo all'interno dei Paesi membri della Nato, su cui Putin sembra aver fatto affidamento. Al contrario, le azioni della Russia hanno unito i membri dell'Alleanza per difendersi dall'aggressione russa.

All'inizio dello scorso anno, la retorica del Cremlino sulle minacce alla sicurezza della Russia derivanti dall'espansione della NATO verso est era solo un pretesto per giustificare la sua aggressione contro l'Ucraina per attuare i suoi piani imperialisti per riportare Kiev nell'orbita di influenza di Mosca. L'allargamento della NATO non ha rappresentato una minaccia per la Russia, ma è stato progettato per aumentare la sicurezza in Europa e rafforzare la democrazia nell'Europa centrale e orientale. Un vivido esempio di questo messaggio è il fatto che non ci sono stati conflitti militari tra stati europei in Europa da quasi 30 anni.

All'inizio dell'invasione genocida dell'Ucraina, il presidente russo Vladimir Putin non poteva immaginare che la sua aggressione diretta avrebbe spinto i paesi neutrali di Svezia e Finlandia a decidere rapidamente di aderire alla NATO, raddoppiando così i confini orientali dell'Alleanza con la Russia.

Di conseguenza, la Russia sta ora cercando di impedire a questi piani di raggiungere il loro obiettivo. Mosca sta attivamente sovvertendo la Svezia per bloccare il suo percorso verso la NATO. Il recente rogo del Corano nei pressi dell'ambasciata turca a Stoccolma lascia una traccia che risale chiaramente al Cremlino, interessato al deterioramento dei rapporti tra Svezia e Turchia. È molto probabile che le persone che hanno organizzato questa azione siano collegate ai servizi speciali russi. Mr. Chang Frick, che si oppone attivamente all'adesione della Svezia alla NATO e promuove apertamente la narrativa del Cremlino.

La retorica del Cremlino nei confronti dei paesi europei sta diventando ogni giorno più provocatoria. La risposta logica a ciò dovrebbe essere un aumento delle sanzioni e il completo isolamento della Russia. Oggi, l'Occidente deve chiarire alla leadership russa che l'espansione imperialista della Russia nel ventunesimo secolo non ha alcuna possibilità.

pubblicità

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending