Seguici sui social

Agricoltura

La spinta di Putin a domare i prezzi del cibo minaccia il settore del grano

SHARE:

Pubblicato

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

Spighe di grano sono viste al tramonto in un campo vicino al villaggio di Nedvigovka nella regione di Rostov, Russia, 13 luglio 2021. REUTERS/Sergey Pivovarov
Una mietitrebbia raccoglie grano in un campo vicino al villaggio di Suvorovskaya nella regione di Stavropol, Russia, 17 luglio 2021. REUTERS/Eduard Korniyenko

Durante una sessione televisiva con i russi comuni il mese scorso, una donna ha fatto pressioni sul presidente Vladimir Putin sugli alti prezzi del cibo, scrivere Polina Devitt che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana per poi Darya Korsunskaya.

Valentina Sleptsova ha sfidato il presidente sul motivo per cui le banane dell'Ecuador sono ora più economiche in Russia delle carote di produzione nazionale e ha chiesto come sua madre possa sopravvivere con un "salario di sussistenza" con il costo di alimenti di base come le patate così alto, secondo una registrazione dell'annuale evento.

Putin ha riconosciuto che gli alti costi alimentari sono un problema, anche con il "cosiddetto paniere borsch" di verdure di base, accusando gli aumenti dei prezzi globali e la carenza interna. Ma ha detto che il governo russo ha preso provvedimenti per affrontare la questione e che altre misure sono state discusse, senza elaborare.

pubblicità

La Sleptsova rappresenta un problema per Putin, che fa affidamento su un ampio consenso pubblico. I forti aumenti dei prezzi al consumo stanno destabilizzando alcuni elettori, in particolare i russi più anziani con pensioni ridotte che non vogliono vedere un ritorno agli anni '1990, quando l'inflazione alle stelle ha portato alla carenza di cibo.

Ciò ha spinto Putin a spingere il governo ad adottare misure per contrastare l'inflazione. Le misure del governo hanno incluso una tassa sulle esportazioni di grano, che è stata introdotta il mese scorso su base permanente, e il limite del prezzo al dettaglio su altri prodotti alimentari di base.

Ma così facendo, il presidente si trova di fronte a una scelta difficile: cercando di arginare il malcontento tra gli elettori per l'aumento dei prezzi, rischia di danneggiare il settore agricolo russo, con gli agricoltori del paese che si lamentano che le nuove tasse li stanno scoraggiando dal fare investimenti a lungo termine.

pubblicità

Le mosse della Russia, il primo esportatore mondiale di grano, hanno alimentato l'inflazione anche in altri paesi facendo salire il costo del grano. Un aumento della tassa sulle esportazioni svelato a metà gennaio, ad esempio, ha portato i prezzi globali ai livelli più alti degli ultimi sette anni.

Putin non deve affrontare alcuna minaccia politica immediata in vista delle elezioni parlamentari di settembre, dopo che le autorità russe hanno condotto un giro di vite sugli oppositori legati al critico del Cremlino incarcerato Alexei Navalny. Agli alleati di Navalny è stato impedito di candidarsi alle elezioni e stanno cercando di persuadere le persone a votare tatticamente per chiunque tranne il partito pro-Putin al governo, anche se gli altri principali partiti in lizza sostengono tutti il ​​Cremlino sulla maggior parte delle principali questioni politiche.

Tuttavia, i prezzi del cibo sono politicamente sensibili e contenere gli aumenti per mantenere le persone ampiamente soddisfatte fa parte della strategia centrale di lunga data di Putin.

"Se il prezzo delle auto aumenta, solo un piccolo numero di persone lo nota", ha detto un funzionario russo che conosce le politiche governative per l'inflazione alimentare. "Ma quando compri cibo che acquisti ogni giorno, ti senti come se l'inflazione complessiva stia salendo drasticamente, anche se non lo è".

In risposta alle domande di Reuters, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che il presidente si è opposto a situazioni in cui il prezzo dei prodotti di produzione nazionale "sta aumentando irragionevolmente".

Peskov ha detto che non aveva nulla a che fare con le elezioni o l'umore degli elettori, aggiungendo che era stata una priorità costante per il presidente anche prima della corsa alle elezioni. Ha aggiunto che spettava al governo scegliere quali metodi per combattere l'inflazione e che stava rispondendo sia alle fluttuazioni stagionali dei prezzi che alle condizioni del mercato globale, che sono state colpite dalla pandemia di coronavirus.

Il ministero dell'Economia russo ha affermato che le misure imposte dall'inizio del 2021 hanno contribuito a stabilizzare i prezzi dei generi alimentari. I prezzi dello zucchero sono aumentati del 3% finora quest'anno dopo una crescita del 65% nel 2020 e i prezzi del pane sono aumentati del 3% dopo una crescita del 7.8% nel 2020, ha affermato.

La Sleptsova, che la televisione di stato ha identificato come della città di Lipetsk, nella Russia centrale, non ha risposto a una richiesta di commento.

L'inflazione al consumo in Russia è in aumento dall'inizio del 2020, riflettendo una tendenza globale durante la pandemia di COVID-19.

Il governo russo ha risposto a dicembre dopo che Putin lo ha criticato pubblicamente per essere stato lento a reagire. Ha fissato una tassa temporanea sulle esportazioni di grano da metà febbraio, prima di imporla in modo permanente dal 2 giugno. Ha anche aggiunto limiti temporanei ai prezzi al dettaglio per lo zucchero e l'olio di girasole. I limiti per lo zucchero sono scaduti il ​​1° giugno, quelli per l'olio di girasole sono in vigore fino al 1° ottobre.

Ma l'inflazione al consumo - che include cibo e altri beni e servizi - ha continuato a salire in Russia, con un aumento del 6.5% a giugno rispetto all'anno precedente, il tasso più veloce degli ultimi cinque anni. Lo stesso mese, i prezzi del cibo sono aumentati del 7.9% rispetto all'anno precedente.

Alcuni russi considerano insufficienti gli sforzi del governo. Con i salari reali in calo e l'elevata inflazione, le valutazioni del partito al governo Russia Unita languono ai minimi pluriennali. Scopri di più.

Alla Atakyan, una pensionata di 57 anni della località turistica di Sochi, sul Mar Nero, ha detto a Reuters che non riteneva che le misure fossero state sufficienti e che avrebbero avuto un impatto negativo sulla sua visione del governo. Il prezzo delle carote "era 40 rubli ($ 0.5375), poi 80 e poi 100. Come mai?" chiese l'ex insegnante.

Anche la pensionata moscovita Galina, che ha chiesto di essere identificata con il suo nome, si è lamentata dei forti aumenti dei prezzi, compreso il pane. "Il misero aiuto che hanno ricevuto le persone non vale quasi nulla", ha detto il 72enne.

Quando è stato chiesto da Reuters se le sue misure fossero sufficienti, il ministero dell'Economia ha affermato che il governo stava cercando di ridurre al minimo le misure amministrative imposte perché troppe interferenze nei meccanismi di mercato in generale creano rischi per lo sviluppo del business e possono causare carenze di prodotti.

Peskov ha affermato che "il Cremlino considera molto efficace l'azione del governo per frenare l'aumento dei prezzi di una serie di prodotti agricoli e alimentari".

ATTRITO AGRICOLO

Alcuni agricoltori russi affermano di comprendere le motivazioni delle autorità, ma vedono la tassa come una cattiva notizia perché credono che i commercianti russi li pagheranno meno per il grano per compensare l'aumento dei costi di esportazione.

Un dirigente di una grande azienda agricola nel sud della Russia ha affermato che la tassa danneggerebbe la redditività e significherebbe meno soldi per gli investimenti nell'agricoltura. "Ha senso ridurre la produzione per non generare perdite e aumentare i prezzi di mercato", ha affermato.

Qualsiasi impatto sugli investimenti in attrezzature agricole e altri materiali probabilmente non sarà chiaro fino alla fine dell'anno, quando inizierà la stagione della semina autunnale.

Il governo russo ha investito miliardi di dollari nel settore agricolo negli ultimi anni. Ciò ha aumentato la produzione, aiutato la Russia a importare meno cibo e creato posti di lavoro.

Se gli investimenti agricoli verranno ridimensionati, la rivoluzione agricola che ha trasformato la Russia da importatore netto di grano alla fine del XX secolo, potrebbe iniziare a volgere al termine, hanno affermato agricoltori e analisti.

"Con la tassa stiamo effettivamente parlando del lento decadimento del nostro tasso di crescita, piuttosto che di un danno rivoluzionario da un giorno all'altro", ha affermato Dmitry Rylko della società di consulenza agricola IKAR con sede a Mosca. "Sarà un processo lungo, potrebbero volerci dai tre ai cinque anni".

Alcuni potrebbero vedere l'impatto prima. Il dirigente dell'azienda agricola e altri due agricoltori hanno detto a Reuters che avevano in programma di ridurre le loro aree di semina del grano nell'autunno del 2021 e nella primavera del 2022.

Il ministero dell'agricoltura russo ha dichiarato a Reuters che il settore rimane altamente redditizio e che il trasferimento dei proventi della nuova tassa sulle esportazioni agli agricoltori sosterrebbe loro e i loro investimenti, prevenendo così un calo della produzione.

Il funzionario russo che ha familiarità con le politiche di inflazione alimentare del governo ha affermato che la tassa priverà gli agricoltori solo di quello che ha definito un margine eccessivo.

"Siamo a favore dei nostri produttori che fanno soldi sulle esportazioni. Ma non a scapito dei loro principali acquirenti che vivono in Russia", ha detto il primo ministro Mikhail Mishustin alla camera bassa del parlamento a maggio.

Secondo i commercianti, le misure del governo potrebbero anche rendere il grano russo meno competitivo. Dicono che ciò è dovuto al fatto che la tassa, che è cambiata regolarmente nelle ultime settimane, rende più difficile per loro assicurarsi una vendita a termine redditizia in cui le spedizioni potrebbero non avvenire per diverse settimane.

Ciò potrebbe spingere gli acquirenti esteri a guardare altrove, in paesi come l'Ucraina e l'India, ha detto a Reuters un commerciante in Bangladesh. La Russia negli ultimi anni è stata spesso il fornitore più economico per i principali acquirenti di grano come Egitto e Bangladesh.

Le vendite di grano russo in Egitto sono state basse da quando Mosca ha imposto la tassa permanente all'inizio di giugno. L'Egitto ha acquistato 60,000 tonnellate di grano russo a giugno. Aveva acquistato 120,000 tonnellate a febbraio e 290,000 ad aprile.

I prezzi per il grano russo sono ancora competitivi, ma le tasse del paese significano che il mercato russo è meno prevedibile in termini di offerta e prezzi e potrebbe portare a perdere parte della sua quota nei mercati di esportazione in generale, ha affermato un alto funzionario del governo in Egitto, il più importante compratore di grano.

($ 1 = 74.4234 rubli)

Agricoltura

Politica agricola comune: in che modo l'UE sostiene gli agricoltori?

Pubblicato

on

Dal sostegno agli agricoltori alla protezione dell'ambiente, la politica agricola dell'UE copre una serie di obiettivi diversi. Scopri come viene finanziata l'agricoltura dell'UE, la sua storia e il suo futuro, Società.

Che cos'è la politica agricola comune?

L'UE sostiene l'agricoltura attraverso Politica agricola comune (CAP). Istituito nel 1962, ha subito una serie di riforme per rendere l'agricoltura più equa per gli agricoltori e più sostenibile.

pubblicità

Ci sono circa 10 milioni di aziende agricole nell'UE e i settori agricolo e alimentare insieme forniscono quasi 40 milioni di posti di lavoro nell'UE.

Come viene finanziata la politica agricola comune?

La politica agricola comune è finanziata dal bilancio dell'UE. Sotto il Bilancio dell'UE per il 2021-2027, 386.6 miliardi di euro sono stati stanziati per l'agricoltura. È diviso in due parti:

pubblicità
  • 291.1 miliardi di euro per il Fondo europeo agricolo di garanzia, che fornisce sostegno al reddito per gli agricoltori.
  • 95.5 miliardi di euro per il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale, che include finanziamenti per le aree rurali, azione per il clima e gestione delle risorse naturali.

Come si presenta oggi l'agricoltura dell'UE? 

Gli agricoltori e il settore agricolo sono stati colpiti da COVID-19 e l'UE ha introdotto misure specifiche a sostegno dell'industria e dei redditi. Le attuali regole su come dovrebbero essere spesi i fondi della PAC sono valide fino al 2023 a causa di ritardi nei negoziati sul bilancio. Ciò ha richiesto un accordo transitorio per proteggere i redditi degli agricoltori e garantire la sicurezza alimentare.

La riforma significherà una politica agricola comune più rispettosa dell'ambiente?

L'agricoltura dell'UE rappresenta circa 10% di emissioni di gas serra. La riforma dovrebbe portare a una politica agricola dell'UE più rispettosa dell'ambiente, più equa e trasparente, hanno affermato i deputati, dopo una accordo è stato raggiunto con il Consiglio. Il Parlamento vuole collegare la PAC all'accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, aumentando al contempo il sostegno ai giovani agricoltori e alle piccole e medie aziende agricole. Il Parlamento voterà l'accordo finale nel 2021 e entrerà in vigore nel 2023.

La politica agricola è legata alla Green Deal europeo della scuola e il Strategia Farm to Fork dalla Commissione Europea, che mira a proteggere l'ambiente e garantire un'alimentazione sana per tutti, garantendo al contempo il sostentamento degli agricoltori.

Altro sull'agricoltura

briefing 

Controlla i progressi legislativi 

Continua a leggere

Agricoltura

Proposta di aumento del divieto di agnello negli Stati Uniti, notizie di benvenuto per l'industria

Pubblicato

on

Il FUW ha incontrato l'USDA nel 2016 per discutere le opportunità di esportazione di agnelli. Da sinistra, lo specialista in agricoltura statunitense Steve Knight, il consigliere statunitense per gli affari agricoli Stan Phillips, il responsabile politico senior della FUW Dr Hazel Wright e il presidente della FUW Glyn Roberts

L'Unione degli agricoltori del Galles ha accolto con favore la notizia che il divieto di lunga data sull'importazione di agnello gallese negli Stati Uniti verrà presto revocato. L'annuncio è stato dato mercoledì 22 settembre dal primo ministro britannico Boris Johnson. 

Il FUW ha discusso a lungo della prospettiva di revocare il divieto ingiustificato con l'USDA in vari incontri nell'ultimo decennio. Hybu Cig Cymru - Meat Promotion Wales ha evidenziato che il mercato potenziale per l'agnello gallese IGP negli Stati Uniti è stimato a 20 milioni di sterline all'anno entro cinque anni dalla rimozione delle restrizioni all'esportazione.

pubblicità

Parlando dal suo allevamento di pecore del Carmarthenshire, il vicepresidente della FUW Ian Rickman, ha dichiarato: “Ora più che mai abbiamo bisogno di esplorare altri mercati di esportazione proteggendo allo stesso tempo i nostri mercati consolidati in Europa. Il mercato statunitense è quello con cui desideriamo sviluppare relazioni molto più forti e la notizia che questo divieto potrebbe presto essere revocato è una notizia molto gradita per la nostra industria ovina".

pubblicità
Continua a leggere

Agricoltura

Agricoltura: la Commissione approva una nuova indicazione geografica dell'Ungheria

Pubblicato

on

La Commissione ha approvato l'aggiunta di "Szegedi tukörponty' dall'Ungheria nel registro delle Indicazioni Geografiche Protette (IGP). Lo «Szegedi tükörponty» è un pesce della specie carpa, prodotto nella regione di Szeged, vicino al confine meridionale dell'Ungheria, dove è stato creato un sistema di stagni. L'acqua alcalina degli stagni dona ai pesci una particolare vitalità e resistenza. La carne squamosa, rossastra, saporita del pesce allevato in questi stagni, e il suo aroma fresco e privo di retrogusti, sono direttamente attribuibili alla specifica terra salina.

La qualità e il sapore del pesce sono direttamente influenzati dal buon apporto di ossigeno al fondo del lago nelle peschiere create su terreno salino. La carne di «Szegedi tükörponty» è ricca di proteine, povera di grassi e molto saporita. La nuova denominazione si aggiungerà all'elenco dei 1563 prodotti già tutelati nel eAmbrosia Banca dati. Maggiori informazioni online su prodotti di qualità.

pubblicità

Continua a leggere
pubblicità
pubblicità
pubblicità

Trending