Seguici sui social

Bulgaria

Il cancelliere tedesco sostiene l'offerta Schengen di Bulgaria e Romania

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

Durante un discorso all'Università Carlo di Praga, il cancelliere tedesco ha espresso il suo sostegno all'adesione di Bulgaria e Romania all'ambita Area Schengen.

Nell' discorso Scholz osserva che "Schengen è una delle più grandi conquiste dell'Unione europea e dobbiamo proteggerla e svilupparla. Ciò significa, inoltre, colmare le lacune rimanenti e Stati come Croazia, Romania e Bulgaria soddisfano tutti i requisiti tecnici per la piena adesione".

I politici rumeni sono stati esaltati dalla notizia dato che negli ultimi anni Germania e Paesi Bassi sono stati i principali oppositori dell'adesione della Romania all'area Schengen, mentre la Francia - che inizialmente aveva la stessa posizione - è diventata una sostenitrice dell'ingresso della Romania in Schengen.

In un pubblica su Twitter, il socialdemocratico Marcel Ciolacu, capo della Camera dei deputati rumena ha scritto che "la famiglia dei socialisti europei è l'unico partito europeo che sostiene i rumeni".

Il presidente della Romania Klaus Iohannis ha accolto favorevolmente l'annuncio dicendo anche su Twitter dicendo che questo è stato un obiettivo strategico per la Romania

L'anno scorso, il Parlamento europeo ha chiesto che Romania e Bulgaria ricevano la piena adesione alla zona Schengen senza passaporti. Anche la Commissione europea ha avanzato una richiesta simile, quando ha proposto una strategia verso una zona Schengen più forte, efficiente e resiliente.

L'offerta di Bulgaria e Romania di entrare nell'area di viaggio senza controllo, tuttavia, è stata una corsa accidentata. Dopo essere stato approvato dal Parlamento europeo nel giugno 2011, il Consiglio dei ministri lo ha respinto nel settembre dello stesso anno, con i governi francese, olandese e finlandese che hanno espresso preoccupazioni sulle carenze nelle misure anticorruzione e nella lotta alla criminalità.

pubblicità

Mentre la Francia è passata a sostenere l'offerta della Romania, l'opposizione è continuata da Germania, Finlandia e Paesi Bassi. Nel 2018 il parlamento europeo ha votato una risoluzione in cui proponeva di accettare entrambi i paesi, chiedendo al consiglio di "agire rapidamente" sulla questione. Come la Bulgaria e la Romania, anche la Croazia è legalmente obbligata ad entrare nell'area Schengen, ma senza una scadenza chiara in vista. In Romania, i funzionari affermano che il paese è pronto da anni per aderire a Schengen.

L'ingresso nell'area Schengen senza viaggi comporterebbe notevoli vantaggi sia per la Bulgaria che per la Romania.

Grazie a questa adesione, i cittadini e i vettori cargo rumeni e bulgari non dovranno più sottoporsi alla procedura di controllo di frontiera con gli Stati membri a Schengen, il che comporterà una significativa riduzione dei tempi di attesa alla frontiera. Ad esempio, se anche Romania e Bulgaria entrano in Schengen, la strada per la Grecia non sarà più segnata da lunghe attese alle dogane rumeno-bulgare e bulgaro-greche.

La decisione finale sull'adesione alla zona Schengen è politica e deve essere presa all'unanimità da tutti i membri del Consiglio europeo, che riunisce i capi di Stato o di governo di tutti i paesi membri dell'UE.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending