Seguici sui social

Moldavia

DAVOS 2023: Sandu della Moldavia chiede alleati difese aeree

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

La Moldavia ha chiesto ai suoi alleati di aiutarla a rafforzare le sue capacità di difesa aerea nella guerra che infuria in Ucraina. Tuttavia, quelli che il paese chiama tentativi russi di destabilizzarlo finora sono falliti, presidente Maia Sandu (nella foto) detto giovedì (19 gennaio).

Sandu ha affermato di aver richiesto sistemi di sorveglianza aerea e di difesa. Questo è stato in un'intervista a margine del World Economic Forum di Davos. Ha detto che mentre comprendiamo la priorità dell'Ucraina, speriamo ancora di ottenerne un po'.

La vicina a ovest dell'Ucraina, l'ex repubblica sovietica Moldavia, ha un piccolo budget per la difesa e ha avuto tensioni di lunga data con Mosca. La Russia ha forze di pace e truppe di stanza in Transdniestria. Si tratta di uno staterello separatista della Moldavia che è riuscito a sopravvivere per oltre tre decenni grazie al Cremlino.

Il governo moldavo filo-occidentale ha fortemente sostenuto Kyiv sin dall'invasione russa. Ha presentato una richiesta formale di adesione all'Unione Europea solo una settimana dopo che le truppe russe hanno invaso l'Ucraina.

Sandu ha affermato che il budget militare del Paese è stato aumentato e che il governo sta parlando con l'UE in merito ai sistemi di difesa aerea. Ci sono anche colloqui bilaterali con gli alleati. Ha affermato di ritenere che il paese fosse al sicuro grazie alla resistenza dell'Ucraina contro la Russia.

Mosca è stata accusata dalla Moldavia di aver tentato di usare la sua influenza sul movimento separatista della Transdniestria, una regione prevalentemente di lingua russa, per destabilizzare il resto della Romania.

Sandu ha affermato che i cosiddetti sforzi destabilizzanti finora sono falliti e che nessuna delle due parti vuole il conflitto.

pubblicità

Ha affermato che la Russia ha cercato di mobilitare gruppi corrotti in Moldavia e partiti filo-russi per rovesciare il governo, il parlamento e la presidenza. Tuttavia, non si è arreso. Ma, ha aggiunto, "finora siamo riusciti a mantenere la stabilità".

Incolpate le autorità separatiste diverse esplosioni sull'Ucraina lo scorso anno. Tuttavia, le autorità separatiste hanno negato qualsiasi collegamento con gli incidenti. Il ministero degli Esteri russo ha dichiarato che Mosca non vuole creare una situazione in cui debba intervenire nell'area.

La Moldavia sta anche cercando di abbandonare il gas russo a causa delle interruzioni di corrente causate in parte dagli attacchi di Mosca contro le infrastrutture elettriche dell'Ucraina. Gazprom, il più grande fornitore di gas della Russia, ha tagliato le forniture.

Sandu ha dichiarato: "Oggi la banca di destra ottiene il gas sul mercato, mentre il gas di Gazprom viene utilizzato in Transdniestria, quindi possiamo finalmente dire che la Moldavia è libera dalla dipendenza dal gas russo".

Ha affermato che, sebbene i prezzi elevati non siano vantaggiosi, il paese ha una fornitura invernale sicura e continuerà a cercare accordi a lungo termine con altri fornitori.

A giugno, l'UE ha accettato la Moldavia come candidato all'adesione. Ha anche esteso lo stesso status all'Ucraina. Questa è stata una grande vittoria diplomatica per Sandu, la cui nazione è tra le più povere d'Europa e deve affrontare molte sfide economiche.

Sandu ha affermato che il Paese richiederà almeno 600 milioni di euro di sostegno al bilancio da parte delle comunità internazionali nel 2023, come ha fatto l'anno scorso per proteggere la sua popolazione dall'inflazione.

L'ingresso nell'UE richiede un processo lungo e complesso per allineare le leggi locali, che include una riforma fondamentale del sistema giudiziario per combattere la corruzione. Sandu ha espresso fiducia che le modifiche sarebbero state apportate.

Ha detto: "L'integrazione nell'UE è stato il progetto più importante nel nostro paese e la nostra unica possibilità di sopravvivenza come democrazia in questo momento complesso e in questa regione difficile".

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending