Seguici sui social

Lettonia

Gazprom ferma il gas lettone nell'ultimo taglio russo all'UE

SHARE:

Pubblicato il

on

Il colosso energetico russo Gazprom afferma di aver sospeso le forniture di gas alla Lettonia, l'ultimo paese dell'UE a sperimentare tale azione in mezzo alle tensioni sull'Ucraina.

Gazprom ha accusato la Lettonia di aver violato le condizioni di acquisto, ma non ha fornito dettagli su tale presunta violazione.

La Lettonia fa affidamento sulla vicina Russia per le importazioni di gas naturale, ma il gas rappresenta solo il 26% del suo consumo energetico.

Nel frattempo, l'Ucraina afferma di aver ucciso 170 soldati russi nelle ultime 24 ore e di aver colpito depositi di armi nell'area di Kherson.

L'Ucraina ha intensificato gli sforzi per cacciare i russi da Kherson, una delle principali città strategiche del sud. La BBC non è stata in grado di verificare le ultime affermazioni ucraine.

Il ministero della Difesa britannico afferma che le forze russe hanno probabilmente stabilito due ponti di barche e un sistema di traghetti per consentire loro di rifornire Kherson, dopo che i razzi ucraini hanno danneggiato i ponti chiave sul fiume Dnipro negli ultimi giorni.

Gli stati dell'UE accusano la Russia di armare le esportazioni di gas come rappresaglia per le sanzioni occidentali di vasta portata imposte per l'invasione dell'Ucraina.

pubblicità

La Nato ha rafforzato le forze in Lettonia e nei suoi vicini baltici Estonia e Lituania, poiché la regione è stata a lungo vista come un potenziale punto critico con la Russia.

I russi etnici formano grandi minoranze negli stati baltici. Quegli stati - ex parte dell'Unione Sovietica - hanno in programma di interrompere l'importazione di gas russo il prossimo anno.

Gazprom ha ridotto drasticamente le consegne di gas in Europa attraverso il gasdotto Nord Stream mercoledì a circa il 20% della sua capacità.

L'UE respinge la richiesta della Russia che gli Stati membri paghino per il gas Gazprom in rubli, non in euro. L'UE afferma che non ci sono condizioni contrattuali per i pagamenti in rubli.

Giovedì la società lettone di servizi di gas Latvijas Gaze ha dichiarato che stava acquistando gas russo ma pagando in euro.

Dall'invasione russa dell'Ucraina a febbraio e dall'inasprimento delle sanzioni occidentali, Gazprom ha sospeso le consegne di gas a Bulgaria, Finlandia, Polonia, Danimarca e Paesi Bassi per mancato pagamento in rubli. La Russia ha anche interrotto le vendite di gas a Shell Energy Europe in Germania.

L'UE sta ora cercando di aumentare le importazioni di gas da altri paesi, compreso il gas naturale liquefatto (GNL) dalla Norvegia, dal Qatar e dagli Stati Uniti.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending