Seguici sui social

Kazakistan

Il Kazakistan punta sulla diversificazione economica e su un'economia più verde

Pubblicato

on

Il presidente kazako Kassym-Jomart Tokayev ha parlato della necessità di una maggiore diversificazione economica e soluzioni più ecologiche nell'economia alla 33a sessione del Foreign Investors' Council ospitata il 10 giugno nella capitale kazaka Nur-Sultan.

Il consiglio è composto da capi di 37 grandi società transnazionali e organizzazioni internazionali, nonché da capi di ministeri chiave, è servito come un'importante piattaforma per collegare i principali investitori stranieri in Kazakistan e il governo e aiutare la nazione a migliorare il clima degli investimenti. 

Nell'ultimo anno, il commercio mondiale ha subito perdite drammatiche. Il fatturato del commercio estero del Kazakistan è diminuito del 13% lo scorso anno, raggiungendo 85 miliardi di dollari.

Nonostante questa tendenza al ribasso, le esportazioni di beni di consumo del Kazakistan hanno mostrato una diminuzione minore del 2.8 percento a $ 15 miliardi e gli investimenti diretti esteri hanno raggiunto $ 18 miliardi.

L'anno scorso ha visto l'attuazione di 41 progetti di investimento del valore di 1.6 miliardi di dollari e coinvolgendo investitori stranieri.

“Mentre l'economia globale si riprende, anche il Kazakistan è sulla strada della ripresa economica. Il nostro governo prevede che la crescita sia almeno del 3.5% e ci aspettiamo la possibilità di una crescita maggiore", ha affermato Tokayev.

Durante la sessione, Tokayev ha anche parlato della necessità di potenziare il sistema ferroviario del Kazakistan. Nel 2020, il volume del trasporto ferroviario di transito è cresciuto del 17%. 

Cinque corridoi ferroviari internazionali attraversano il territorio del Kazakistan, il che offre al Paese l'opportunità di sfruttare la sua posizione geografica strategica.

Il 91% dei container trasportati nel 2020 attraverso il territorio del Kazakistan ha rappresentato la rotta Cina-Europa-Cina.

“Possiamo sicuramente affermare che il Kazakistan è diventato davvero un collegamento chiave nel trasporto terrestre tra l'Asia e l'Europa. Il Kazakistan è un partner importante e affidabile nell'attuazione del progetto Belt and Road della Cina”, ha affermato Tokayev.

Tokayev ha anche riaffermato l'impegno del paese a introdurre tecnologie più pulite e ad accelerare gli sforzi mentre il paese passa a un'economia verde.

L'11 giugno, il primo ministro Askar Mamin ha presieduto la piattaforma di dialogo ad alto livello UE-Kazakistan su questioni economiche e commerciali (Business Platform) ponendo l'accento anche sulla transizione verso le tecnologie a basse emissioni di carbonio e verdi.

L'evento ha riunito rappresentanti delle imprese e capimissione dell'UE guidati dall'ambasciatore dell'UE nella Repubblica del Kazakistan, Sven-Olov Carlsson. L'ambasciatore Peter Burian, rappresentante speciale dell'UE in visita per l'Asia centrale, ha partecipato all'evento.

La piattaforma commerciale ad alto livello integra il dialogo tecnico tra l'UE e il Kazakistan nell'ambito dell'accordo rafforzato di partenariato e cooperazione, in particolare il comitato di cooperazione nella configurazione commerciale, svoltosi nell'ottobre 2020. 

L'UE si è impegnata a favore della neutralità climatica entro il 2050 e sta traducendo pienamente in legislazione l'attuazione dell'accordo di Parigi. Obiettivi ambiziosi e azioni decisive dimostrano che l'UE è e rimarrà un leader mondiale nella transizione verso l'economia verde. La sfida climatica è intrinsecamente globale, l'UE è responsabile solo per circa il 10% di tutte le emissioni globali di gas serra. L'UE si aspetta che i suoi partner condividano un livello di ambizione comparabile per combattere il cambiamento climatico ed è pronta ad approfondire la cooperazione con il Kazakistan in questo settore, anche esplorando nuove opportunità per il commercio e gli investimenti.

Continua a leggere

Kazakistan

Il commercio del Kazakistan con l'Asia centrale raggiunge i 4.6 miliardi di dollari nel 2020, afferma il ministro kazako

Pubblicato

on

Il fatturato commerciale del Kazakistan con i paesi dell'Asia centrale è stato di 4.6 miliardi di dollari nel 2020, ha affermato il ministro del Commercio e dell'integrazione kazako Bakhyt Sultanov in una conferenza stampa del 13 luglio, scrive Assel Satubaldina in Asia centrale

Per testare il sistema regionale di distribuzione delle merci, sarà formato un treno carovaniero agricolo.

Il principale partner commerciale del Kazakistan nella regione è l'Uzbekistan. Nel 2020, le esportazioni del Kazakistan hanno guadagnato quasi 2.1 miliardi di dollari, inclusi grano, petrolio e prodotti in metallo. Le maggiori importazioni del Kazakistan all'interno della regione provengono anche dall'Uzbekistan, raggiungendo i 783.1 milioni di dollari nel 2020. 

In quattro mesi del 2021, gli scambi tra Kazakistan e Uzbekistan hanno totalizzato 1.2 miliardi di dollari, il 41.3% in più rispetto all'anno precedente. Anche le esportazioni dal Kazakistan all'Uzbekistan sono cresciute del 54%, raggiungendo 899.2 milioni di dollari.

“Forniamo circa 800 milioni di dollari al Tagikistan: grano, gas naturale, prodotti petroliferi e carbone. E 562 milioni di dollari in Kirghizistan. Importiamo tessuti, materiali da costruzione e, naturalmente, prodotti ortofrutticoli di stagione", ha affermato Sultanov.

In quattro mesi del 2021, gli scambi tra Kazakistan e Tagikistan sono stati pari a 335.9 milioni di dollari, con un aumento del 17.2% rispetto allo stesso periodo del 2020. 

Il Kazakistan importa principalmente frutta e verdura, pane e dolciumi, nonché acqua minerale. 

A giugno, Sultanov e la sua delegazione hanno compiuto un viaggio di lavoro in Uzbekistan e Tagikistan, dove le imprese kazake hanno firmato sei contratti del valore di 3 milioni di dollari per la fornitura pilota di prodotti. 

Le parti hanno anche discusso della creazione di rotte commerciali per facilitare il commercio regionale. 

“La cosa principale è il nostro desiderio reciproco di lavorare insieme e affrontare eventuali problemi che si presentano. Non stiamo parlando solo di importazioni. I fornitori locali ci hanno chiesto di organizzare la consegna dei prodotti kazaki richiesti", ha scritto Sultanov sul suo account sui social media. 

Continua a leggere

Kazakistan

Investimenti in Kazakistan: tutto invita, dal petrolio alle terre rare

Pubblicato

on

È difficile viaggiare in Kazakistan senza pensare a Singapore. Così diversi sotto ogni aspetto, ma entrambi creazioni di successo di leader postcoloniali; uomini singolari con una visione singolare. Inoltre, è difficile se sei un investitore non volere una parte del futuro allettante che sta emergendo in Asia centrale, scrive Llewellyn King.

Lee Kaun Yew, il defunto primo ministro di Singapore, strappò una città povera agli inglesi dopo la seconda guerra mondiale e la trasformò in una potenza economica della città-stato. L'ex presidente kazako Nursultan Nazarbayev ha preso un paese senza sbocco sul mare che era stato duramente usato e abusato dalla Russia sovietica e lo ha trasformato nella più riuscita delle ex repubbliche dell'Asia centrale. Qualcosa di gemma, un'economia da tigre.

Nazarbayev salì al potere come uno dei governanti comunisti del paese che si estende nella Grande Steppa. Il Kazakistan di oggi è la creazione di quest'uomo, come se si fosse seduto davanti a una grande tela vuota e avesse dipinto la sua visione di ciò che potrebbe essere il suo paese.

Quando l'Unione Sovietica crollò nel 1991, Nazarbayev passò da primo segretario sovietico a primo presidente della Repubblica del Kazakistan. Il paese era in condizioni orribili. La Russia sovietica l'aveva usato come luogo per fare cose indicibili: gettare le persone nelle prigioni del Gulag, condurre test nucleari e scaricare rifiuti nucleari; e per lanciare sonde spaziali.

La visione sovietica era se è sporco, pericoloso o disumano, fallo in Kazakistan. Un terzo dei kazaki morì di fame negli anni '1930 dai comunisti sovietici in una collettivizzazione agricola dalla mano pesante, poiché i nomadi furono costretti a rinunciare alle loro mandrie e stabilirsi. La cultura e la lingua kazaka furono soppresse e la popolazione etnica russa stava iniziando ad avvicinarsi al 50 percento della popolazione nel suo insieme.

Ora i kazaki etnicamente turchi sono il 70% della popolazione e la loro cultura e lingua sono dominanti. Alcuni russi, ucraini e tedeschi se ne sono andati ma, cosa più importante, i kazaki sono tornati a casa dalla Cina, dalla Russia e dai paesi vicini. La diaspora kazaka è stata invertita.

Da quando ha ottenuto l'indipendenza nel 1991, il Kazakistan ha compiuto notevoli progressi. Ma la moderna lucentezza della sua capitale, Nur-Sultan (precedentemente Astana), nasconde il bisogno che il paese ha di crescita, investimenti interni e competenze.

Le aziende occidentali inondano

Le aziende occidentali, guidate da grandi nomi statunitensi, hanno iniziato a investire inizialmente nel settore petrolifero e del gas e alla fine a tutti i livelli in molti settori. Si va da GE, che ha interessi nelle ferrovie e nell'energia alternativa, al gigante dell'ingegneria Fluor, a società di beni di consumo come PepsiCo e Procter & Gamble. L'investimento estero diretto totale è stato di 161 miliardi di dollari nel 2020, con 30 miliardi di dollari provenienti dagli Stati Uniti.

La trasformazione di Nazarbayev del suo paese continentale - è la più grande nazione senza sbocco sul mare e il nono paese più grande del mondo, che si estende su tre fusi orari, ma la sua popolazione è di soli 19 milioni - è stata resa possibile dal petrolio e dal gas, e questi hanno continuato a determinare il ritmo dell'attività economica.

Ci sono stati anni di crescita, oltre il 10%, e anni di stagnazione; per lo più, la crescita è stata di circa il 4.5%. Il governo kazako è determinato a uscire dalla dipendenza dal petrolio e favorisce un futuro diversificato, al di là dell'esportazione di materie prime, con più manifatture in Kazakistan; maggior valore aggiunto. 

La Banca Mondiale classifica il Kazakistan come il 25th posto più facile per fare affari su 150 paesi indicizzati. Ci sono tutte le prove che il paese è intenzionato a rendersi più favorevole alle imprese e ad alleviare le debolezze della pianificazione centrale che sono rimaste.

Nel marzo 2019, Nazarbayev si ritirò e Kassym-Jomart Tokayev, un diplomatico con esperienza a Singapore e in Cina, è diventato presidente ad interim, secondo la costituzione del paese. È stato confermato dalle elezioni del giugno 2019 con il 71% dei voti.

La trasformazione da una terra di nomadi a uno stato satellite sovietico sfruttato e abusato in un paese moderno e orientato al futuro è stata favorita da ondate di studenti di ritorno dagli Stati Uniti e dall'Europa.

Sono diplomati del programma Bolashak, avviato per formare la nuova élite manageriale del Kazakistan post-comunista. Costituiscono ciò che equivale a una nuova classe di kazaki. Hanno portato con sé un senso di conforto con l'Occidente e le pratiche commerciali occidentali; e parlano inglese.

Gli osservatori del Kazakistan si aspettano che questi giovani manager aprano ulteriormente la porta degli investimenti. Dietro ci sono tesori in molti settori.

Una pletora di risorse

Dopo le risorse di petrolio e gas (il Kazakistan produce 1.5 milioni di barili di petrolio al giorno e una quantità crescente di gas) arriva l'uranio. Il Kazakistan è il più grande produttore di uranio al mondo e detiene le seconde riserve accertate dopo l'Australia. Ha anche enormi riserve di carbone, che usa per alimentare il suo settore elettrico. Altre risorse includono bauxite, cromo, rame, ferro, tungsteno, piombo, zinco.

C'è una grande risorsa eolica nella piatta steppa kazaka, forse la più grande del mondo. Con un'infrastruttura del gas in atto, non potrebbe seguire un'industria dell'idrogeno basata sul vento? Anche lì ci sono le terre rare, così necessarie nelle turbine eoliche e nell'elettronica moderna.

I kazaki stanno lavorando per migliorare i trasporti. Per spostare le merci fuori da un paese senza sbocco sul mare e mantenere la concorrenza sui prezzi, sono necessarie strade, ferrovie, aeroporti e oleodotti eccellenti. La Via della Seta originale attraversava il Kazakistan e cerca di essere di nuovo un grande snodo dei trasporti dell'Asia centrale. E le sue vaste terre possono fornire grandi quantità di alimenti biologici e coltivati ​​in modo pulito per i mercati cinesi ed eurasiatici. Tyson Foods sta investendo nella produzione di pollo e manzo.

Affinché il Kazakistan prosperi, è necessaria un'abile diplomazia e i kazaki sono orgogliosi della loro capacità diplomatica. Ha dei vicini irritabili. Il Kazakistan confina a nord e nord-ovest con la Russia, a est con la Cina e a sud con Kirghizistan, Uzbekistan e Turkmenistan.

Basandosi sulle loro capacità di vicinato, i kazaki sperano di unirsi a quel piccolo gruppo di nazioni che offrono i loro buoni uffici nella risoluzione delle controversie, come Irlanda, Svizzera e Finlandia, mi ha detto una fonte dell'università.

Una parola sulla stabilità sociale: a volte ci sono stati disordini sindacali nei giacimenti petroliferi e ci sono state proteste elettorali. Il paese è prevalentemente musulmano, con un tocco leggero. La diversità religiosa è consentita e persino incoraggiata. Ho intervistato il vescovo cattolico romano, il rabbino capo e un pastore protestante, tutti nei loro luoghi di culto a Nur-Sultan.

Il progetto Centro finanziario internazionale di Astana (AIFC), il centro di servizi finanziari in forte espansione, segue il modello di Dubai e vanta un incubatore fintech, un centro finanziario verde e un centro finanziario islamico. In tandem con Londra, partecipa alle IPO di società fintech e di uranio.

Tuttavia, in quella che sembra un'ammissione che il sistema legale del paese non è ancora conforme agli standard globali, l'AIFC utilizza la common law inglese e ha un capo della giustizia in pensione di Inghilterra e Galles e un banco di giudici inglesi che fanno i loro affari - stabilendo controversie , ascoltando cause civili e presiedendo arbitrati — in inglese.

A quanto pare, dove c'è una volontà, c'è una soluzione alternativa.

Continua a leggere

Kazakistan

Vicepresidente del Senato del Kazakistan eletto vicepresidente dell'OSCE PA

Pubblicato

on

Il vicepresidente del Senato del Parlamento del Kazakistan Askar Shakirov è stato eletto vicepresidente dell'Assemblea parlamentare dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE PA), Rapporto del personale in settori

La sessione plenaria dell'Assemblea Parlamentare dell'OSCE 2021 si è svolta in un formato ibrido, con alcuni membri che hanno partecipato a Vienna e altri membri che si sono uniti tramite Zoom.

Questo è stato annunciato durante la sessione plenaria di chiusura della sessione remota 2021 dell'Assemblea parlamentare dell'OSCE, che ha incluso diversi giorni di dibattiti, relazioni e discorsi, il 6 luglio. La plenaria si è svolta in un formato ibrido, con alcuni membri che hanno partecipato a Vienna e altri membri che si sono uniti tramite Zoom. 

Nel 2008, il presidente kazako Kassym-Jomart Tokayev, che è stato presidente del Senato del Parlamento, è stato eletto anche vicepresidente dell'Assemblea parlamentare dell'OSCE.
Askar Shakirov e il presidente dell'Assemblea parlamentare dell'OSCE Margareta Cederfelt

A Vienna, Shakirov ha incontrato i capi delle delegazioni nazionali di Azerbaigian, Bulgaria, Danimarca, Finlandia, Lituania, Svezia e Stati Uniti, inclusa la neoeletta Presidente dell'Assemblea Parlamentare dell'OSCE Margareta Cederfelt, secondo il servizio stampa del senato. 

Shakirov ha riferito delle riforme attuate nell'ambito dell'agenda di modernizzazione del presidente Tokayev. I parlamentari dell'OSCE hanno espresso sostegno alle trasformazioni politiche e socioeconomiche nel paese. 

Si è convenuto di istituire un gruppo di amicizia con l'Asia centrale nel parlamento danese con l'accento sullo sviluppo del dialogo interparlamentare con il Kazakistan. 

In precedenza, il presidente Tokayev noto che "la diplomazia parlamentare svolge un ruolo sempre più importante nello sviluppo della cooperazione interstatale" all'incontro del 28 giugno con la presidente del Consiglio della Federazione dell'Assemblea federale della Russia Valentina Matviyenko.  

Il 1° giugno Cederfelt, in qualità di vicepresidente del Riksdag svedese (Parlamento), ha parlato dit il ruolo positivo del Kazakistan come membro attivo dell'OSCE e della sua Assemblea parlamentare, il suo alto potenziale e la sua autorità nelle relazioni internazionali durante un incontro online con Shakirov. 

Shakirov ha una vasta esperienza nelle relazioni internazionali e nell'area della protezione dei diritti umani. In precedenza, è stato viceministro degli affari esteri, ambasciatore straordinario e plenipotenziario del Kazakistan in India e commissario per i diritti umani.

Continua a leggere
pubblicità
pubblicità

Trending