Seguici sui social

Israele

L'Europa sta lentamente comprendendo l'importanza degli Accordi di Abramo

SHARE:

Pubblicato il

on

Il simposio organizzato la scorsa settimana dalla Coalizione europea per Israele al Parlamento europeo è stato il primo nel suo genere che ha riunito le parti interessate europee sia della Commissione europea che del Parlamento europeo con alcuni degli stati chiave dietro gli accordi di Abramo per discutere i prossimi passi del processo di normalizzazione. Dopo la firma degli Accordi di Abramo, che nel 2020 hanno normalizzato le relazioni di Israele con diversi stati arabi, l'Unione Europea è rimasta in disparte ed è stata piuttosto poco entusiasta del nuovo sviluppo in Medio Oriente, scrive Yossi Lempkowicz.

Intrappolata in una vecchia narrativa sul processo di pace in Medio Oriente e sul conflitto israelo-palestinese, l'UE era riluttante ad abbracciare gli Accordi di Abramo, visti come un'iniziativa americana guidata dall'allora presidente Donald Trump, suo genero Jared Kushner e altri alti funzionari dell'amministrazione.

Secondo l'eurodeputato olandese Bert-Jan Ruissen, vicepresidente della delegazione del parlamento per le relazioni con Israele. "uno dei motivi di questo atteggiamento riservato è il fatto che alcuni responsabili delle decisioni nell'UE hanno dovuto riconoscere che la loro narrativa è obsoleta. E non è sempre facile riconoscere che la tua narrativa è sbagliata".

Da allora però e con il crescente sviluppo delle relazioni tra Israele, Bahrein, Emirati Arabi Uniti e Marocco, l'UE ha apparentemente lentamente riconosciuto l'importanza degli accordi per la stabilità politica ed economica della regione.

Daniel Meron, vicedirettore generale per l'Europa presso il ministero degli Esteri israeliano, ha recentemente affermato che all'inizio l'Europa non si era resa conto che stava accadendo "qualcosa di drammatico" e "ci è voluto del tempo prima che a Bruxelles uscissero dichiarazioni di congratulazioni alle parti".

"All'inizio è stato molto complicato per l'UE comprendere questo sviluppo", ha detto l'ambasciatore di Israele presso l'UE e la NATO, Haim Regev, intervenuto durante un simposio organizzato la scorsa settimana dalla Coalizione europea per Israele (ICE) al Parlamento europeo a Bruxelles sul tema "Come allargare il cerchio della pace?"

Il simposio è stato il primo nel suo genere che ha riunito le parti interessate europee sia della Commissione europea che del Parlamento europeo con alcuni degli stati chiave dietro gli accordi di Abramo per discutere le prossime fasi del processo di normalizzazione.

pubblicità

"Dal punto di vista dell'UE, gli Accordi di Abramo erano qualcosa tra Israele, alcuni regimi arabi e l'amministrazione Trump. Ci è voluto del tempo per convincerli che si trattava di uno sviluppo profondo e drammatico, che avrebbero dovuto farne parte. Nell'ultimo Tre mesi dopo, assistiamo a un vero cambiamento guidato dal commissario UE per la politica di vicinato Oliver Varhelyi. L'UE sta diventando più pragmatica, più pratica", ha affermato Haim Regev.

L'ambasciatore israeliano ha citato come esempio il fatto che il mese scorso per la prima volta Israele ha partecipato a un seminario trilaterale a Rabat con l'UE e il Marocco, finanziato dall'UE. Per la prima volta l'UE ha finanziato un workshop trilaterale che porterà a progetti nel campo dell'acqua, per la costruzione di nuovi impianti di desalinizzazione, gestione delle acque reflue e progetti di efficienza idrica. Il Commissario Varhelyi ha stanziato 10 milioni di euro per espandere questo tipo di attività e cooperazione come nuovo strumento europeo a sostegno degli Accordi di Abramo che, a suo dire, hanno creato un nuovo paradigma, una nuova lingua regionale che offre nuove opportunità per le imprese, le persone, il commercio e i viaggi.

C'è un nuovo comitato direttivo guidato dall'ambasciata Ue a Tel Aviv che insieme a Israele sta esaminando ulteriori progetti non solo con il Marocco ma anche con Bahrein, Emirati Arabi Uniti, Palestinesi, Giordania ed Egitto;

"Presto speriamo di avere all'interno del Parlamento europeo una rete degli Accordi di Abramo. Abbiamo anche tenuto un seminario congiunto nella NATO che ha portato esperti da Israele, Bahrein, Marocco per vedere cosa possiamo fare insieme", ha detto Haim Regev.

"C'è un crescente interesse e desiderio nell'UE di far parte degli Accordi di Abramo. Il nostro obiettivo nel prossimo futuro è vedere l'UE partecipare alla prossima riunione del Forum del Negev in Marocco. Quando guardo avanti, vedo che c'è sempre più apertura da parte dell'UE a farne parte", ha affermato.

"Questo è un enorme sviluppo per la stabilità della regione, per le relazioni dell'UE con la regione. E questo non avviene a spese dei palestinesi", ha aggiunto.

Al simposio di Bruxelles, alti membri del Parlamento europeo hanno sfidato la Commissione europea a fare di più. "L'Unione europea potrebbe iniziare diventando un firmatario ufficiale degli Accordi di Abramo", ha affermato l'eurodeputato svedese David Lega. "L'Unione europea potrebbe allinearsi maggiormente con i paesi che hanno già firmato gli Accordi di Abramo e offrire loro accordi di libero scambio", ha suggerito l'eurodeputato austriaco Lukas Mandl.

L'eurodeputato spagnolo Antonio López-Istúriz White, presidente della delegazione del Parlamento europeo per le relazioni con Israele, si è rammaricato della mancanza di entusiasmo per gli Accordi di Abramo in Europa negli ultimi tre anni. "Non eravamo lì dall'inizio, ma ora dobbiamo intensificare e metterci in gioco", ha detto.

“La dinamica dietro gli Accordi di Abramo è la stessa dei primi giorni del processo di integrazione europea, ha spiegato. “Nessuno poteva credere che vecchi nemici come francesi e tedeschi potessero un giorno sedersi insieme allo stesso tavolo per discutere di cooperazione ma oggi è una realtà! La stessa cosa sta accadendo in Medio Oriente e l'Europa dovrebbe essere la prima a sostenere attivamente questo processo.

Rispondendo a una domanda su cosa l'UE potrebbe fare di più concretamente per sostenere il processo di normalizzazione, l'ambasciatore del Bahrein presso l'UE, il Belgio e la NATO Abdulla Bin Faisal Al Doseri ha invitato l'Unione europea a rilasciare una dichiarazione o dichiarazione ufficiale a sostegno degli Accordi di Abramo . "Questo darebbe il giusto segnale a quelle nazioni che stanno attualmente valutando l'adesione a questo nuovo circolo di pace, poiché capirebbero che ha il pieno sostegno dell'Unione europea", ha affermato.

Michael Mann, che dirige il dipartimento Medio Oriente e Nord Africa presso il Servizio esterno dell'UE, ha sottolineato che l'UE vorrebbe includere i palestinesi nel Forum del Negev. "Ne discuteremo con loro", ha detto. Ha anche sottolineato che il 2022 è stato "un anno molto positivo" per le relazioni UE-Israele, menzionando il fatto che il Consiglio di associazione UE-Israele si è riunito per la prima volta in 12 anni e che diversi alti funzionari dell'UE hanno visitato Israele.

Il direttore fondatore di ECI Tomas Sandell ha detto ai funzionari dell'UE rappresentati al simposio che per includere i palestinesi in questo processo di pace l'UE deve applicare immediatamente la condizionalità su qualsiasi finanziamento futuro di libri di testo palestinesi per prevenire un'ulteriore radicalizzazione. Gli Emirati Arabi Uniti sono stati elogiati per aver incluso l'educazione all'Olocausto nel loro nuovo programma di studi. "Se vogliamo che le generazioni future vivano in pace e convivano l'una con l'altra, dobbiamo prepararle fin dall'inizio e non consentire l'incitamento e l'odio nei libri di testo scolastici", ha affermato Sandell.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending