Seguici sui social

Iran

Protesta internazionale mentre il regime iraniano assume la presidenza del forum sociale del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite

SHARE:

Pubblicato il

on

In una svolta scioccante degli eventi, il regime iraniano, noto violatore dei diritti umani, ha assunto la presidenza del Forum Sociale del Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite, con i difensori dei diritti umani che hanno espresso una ferma condanna, scrive Shahin Gobadi.

Molti sono scioccati dal fatto che, nonostante la storia di oppressione, tortura ed esecuzioni del regime, all'inizio di quest'anno gli sia stata assegnata una posizione così prestigiosa dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite.

Nel corso di una conferenza stampa tenutasi oggi a Ginevra, Tahar Boumedra, ex capo dell'Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani in Iraq, e Behzad Naziri, rappresentante del Consiglio nazionale della resistenza iraniana (CNRI) nelle organizzazioni internazionali, hanno denunciato la nomina.

"Questa decisione vergognosa è un insulto al popolo iraniano, i cui diritti umani sono stati palesemente violati dal regime negli ultimi 44 anni, e si fa beffe dei principi su cui si fonda l'ONU", ha affermato Boumedra.

È stato inoltre annunciato che 180 esperti di diritti umani, giuristi, legislatori, premi Nobel, tra cui attuali ed ex funzionari delle Nazioni Unite, e ONG hanno scritto a Volker Türk, l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, esprimendo indignazione per la nomina ed evidenziandone le implicazioni allarmanti.

"Consentire a un regime noto per aver commesso il massacro del 1988, esecuzioni quotidiane e azioni guerrafondaie di prendere il controllo di una prestigiosa piattaforma delle Nazioni Unite è un pugnale al cuore dei diritti umani, alimenta il terrorismo e mette in pericolo la pace regionale e globale. Viola vergognosamente i principi stessi su cui si basa cui sono state fondate le Nazioni Unite e per il quale milioni di persone hanno sacrificato la propria vita. Ciò rappresenta una macchia oscura nella storia delle Nazioni Unite", si legge nella lettera.

Di particolare preoccupazione per i firmatari è stato il massacro del 1988 di circa 30,000 prigionieri politici, prevalentemente membri del principale movimento di opposizione iraniano, il Mujahedin-e Khalq (PMOI/MEK). L'attuale presidente iraniano Ebrahim Raisi, all'epoca vice procuratore, era membro della "commissione della morte" di Teheran, che mandò al patibolo migliaia di prigionieri di coscienza.

pubblicità

I firmatari hanno sottolineato che i funzionari iraniani dovrebbero essere ritenuti responsabili non solo del massacro del 1988 ma anche delle atrocità commesse negli ultimi quattro decenni, che sono state condannate in 69 risoluzioni delle Nazioni Unite. “Il regime teocratico ha giustiziato più di 600 persone nei primi 10 mesi del 2023 e ucciso 750 manifestanti durante la rivolta del 2022 e altre 1,500 durante quella del 2019. Il 24 novembre 2022, il Consiglio per i diritti umani ha istituito una missione internazionale d'inchiesta per indagare sulle violazioni dei diritti umani da parte delle autorità iraniane durante la rivolta del 2022. Il 14 dicembre 2022, il regime iraniano è stato rimosso dalla Commissione per i diritti delle donne delle Nazioni Unite a causa della sua atroce situazione in materia di diritti umani. Il 15 dicembre 2022, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha condannato le violazioni brutali e sistematiche dei diritti umani in Iran”, si legge nella lettera.

Tra i firmatari della lettera figurano il Prof. Stefan Trechsel, Presidente della Commissione Europea dei Diritti Umani (1995–1999); ex giudice presso il Tribunale penale internazionale delle Nazioni Unite per l'ex Jugoslavia (ICTY), dalla Svizzera, la prof.ssa Catherine Van de Heyning, membro del comitato consultivo del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite; Professore di diritti fondamentali presso l'Università di Anversa, Belgio, Amb. Stephen J. Rapp, ambasciatore degli Stati Uniti per la giustizia penale globale (2009-2015); Procuratore del Tribunale speciale delle Nazioni Unite per la Sierra Leone (SCSL) (2007-2009) e di molte altre importanti autorità mondiali per i diritti umani.

Allo stesso tempo, un nuovo rapporto delle Nazioni Unite pubblicato oggi rivela che le esecuzioni in Iran sono aumentate del 30% quest’anno.

Il segretario generale dell'ONU Antonio Guterres ha dichiarato nel rapporto all'Assemblea generale delle Nazioni Unite sulla situazione dei diritti umani in Iran che l'Iran sta effettuando esecuzioni "a un ritmo allarmante", mettendo a morte almeno 419 persone nei primi sette mesi dell'anno , secondo l'AP.

Behzad Naziri ha sottolineato che questa nomina è inspiegabile e vergognosa, poiché mina gli stessi valori che le Nazioni Unite hanno il compito di proteggere, promuovere e sostenere. Ha avvertito che se la comunità mondiale non agisce per impedire ai violatori dei diritti umani di governare gli organismi globali per i diritti umani, promuoverà l’impunità e li incoraggerà solo a intensificare le violazioni dei diritti umani.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending