Seguici sui social

Iran

Il principe ereditario iraniano Reza Pahlavi in ​​visita storica in Israele

SHARE:

Pubblicato il

on

Il principe ereditario Reza Pahlavi (nella foto): "Il popolo iraniano aspira a un governo che rispetti la sua eredità, preservando i diritti umani e rispettando la diversità religiosa e culturale, tra le altre cose, attraverso il ripristino di relazioni pacifiche e amichevoli con Israele e gli altri vicini dell'Iran".

Obiettivo della visita: rinnovare il rapporto tra il popolo iraniano e il popolo di Israele – Il ministro dell'intelligence israeliano Gila Gamliel ospiterà questa settimana in Israele il principe ereditario iraniano Reza Pahlavi, figlio dello Scià, con l'obiettivo di creare un ponte tra Israele e il popolo iraniano, ed esprimendo un'opposizione congiunta al regime degli Ayatollah.

Reza Pahlavi è la personalità iraniana più anziana che abbia mai fatto una visita pubblica in Israele.

Il ministro Gamliel ha dichiarato: “Sono onorato di ospitare il principe ereditario iraniano Reza Pahlavi e apprezzo la sua coraggiosa decisione di visitare Israele per la prima volta. Il principe ereditario simboleggia una leadership diversa da quella del regime degli Ayatollah e sostiene i valori di pace e tolleranza, in contrasto con gli estremisti che governano l'Iran. Le nostre nazioni hanno goduto di buoni rapporti per migliaia di anni dai tempi della regina Ester che ha sventato il complotto del malvagio Haman per distruggere gli ebrei in Persia. Oggi stiamo facendo il primo passo per ricostruire il rapporto tra le nostre nazioni”.

Il principe ereditario Pahlavi, che vive negli Stati Uniti dalla rivoluzione islamica del 1979 in Iran, ha sottolineato che "il popolo iraniano aspira a un governo che rispetti il ​​suo patrimonio, con la salvaguardia dei diritti umani e il rispetto della diversità religiosa e culturale, tra l'altro cose, attraverso il ripristino di relazioni pacifiche e amichevoli con Israele e gli altri vicini dell'Iran".

Ha aggiunto: "Milioni di miei compatrioti ricordano ancora di aver vissuto accanto ai loro amici e vicini ebrei-iraniani, prima che la rivoluzione islamica facesse a pezzi il tessuto della nostra società. Rifiutano le politiche omicide anti-israeliane e antisemite del regime e desiderano ardentemente la scambi economici con Israele. Un Iran democratico cercherà di rinnovare i suoi legami con Israele e i nostri vicini arabi. A mio parere, quel giorno è più vicino che mai".

Il principe ereditario sarà in visita in Israele con l'obiettivo di esprimere solidarietà ai cittadini di Israele alla luce degli attentati delle organizzazioni terroristiche che operano sotto l'egida dell'Iran, rinnovando il rapporto tra le nazioni e costruendo un rapporto economico con un focus sulle tecnologie dell'acqua .

Onorerà anche le vittime dell'Olocausto come parte degli eventi della Giornata della memoria dei martiri e degli eroi dell'Olocausto e per denunciare l'antisemitismo e la negazione dell'Olocausto del regime degli Ayatollah.

pubblicità

Parteciperà alla cerimonia ufficiale di apertura per celebrare il Giorno della Memoria dei Martiri e degli Eroi dell'Olocausto, visiterà un impianto di desalinizzazione per conoscere le tecnologie idriche avanzate di Israele come possibile risposta al crollo delle infrastrutture idriche in Iran, visiterà il Muro Occidentale, incontrerà con la comunità baha'i e con i membri della comunità ebraico-iraniana in Israele.

L'Iran ha riconosciuto Israele come stato nel 1950 e ha mantenuto una rappresentanza diplomatica nel paese dell'altro fino al 1979. Le relazioni diplomatiche si sono estese alla cooperazione economica e persino a legami di sicurezza limitati. Ciò finì nel 1979 quando l'Ayatollah Khomeini salì al potere e dichiarò Israele "il nemico dell'Islam".

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending