La spinosa domanda della neutralità politica di # Interpol

| 14 Gennaio 2020

Nell'aprile di quest'anno, le otto persone che compongono la Commissione per il controllo dei file dell'Interpol (CCF) hanno ponderato un problema familiare. Era un nuovo anno, ma il compito che si era posto davanti al CCF era uno di cui conoscevano molto bene. Era stato chiesto loro di prendere in considerazione una richiesta di diffusione da parte del National Central Bureau della Federazione Russa (BCN) - la settima richiesta relativa a Bill Browder, il finanziere nato in America diventato attivista che ha guadagnato i suoi milioni nei turbolenti mercati della Russia degli anni '1990 .

La richiesta - che, come previsto, negata dall'Interpol - è solo l'ultima scarica nella lunga battaglia tra Browder, nato in America e lo stato russo. Mosca, infastidita dal ruolo di Browder nell'accendere un riflettore internazionale sul clientelismo dell'élite russa, ha accusato Browder di appropriazione indebita mentre fa pressioni sui governi internazionali per migliorare la legislazione contro i regimi corrotti e autocratici. Browder, una figura strumentale nel passaggio della legislazione Magnitsky nel mondo, da parte sua ha denunciato l'uso dell'Interpol come presunto strumento di vendetta politica da parte dello stato russo.

Il caso Browder, tuttavia, è solo una delle litanie di controversie politiche in cui l'Interpol si è trovato coinvolto negli ultimi anni. Esempi di alto profilo dell'abuso politicizzato delle Richieste rosse di diffusione e richieste dell'agenzia hanno messo in discussione l'integrità dell'organizzazione e intaccato la sua reputazione internazionale.

Ma in che modo Interpol, nel tentativo di proteggere il proprio sistema di notifica dagli abusi, garantisce che lo stesso CCF sia appropriatamente imparziale?

I tentativi dell'Interpol di conservare la neutralità politica sono stati tradizionalmente incentrati sull'articolo 3 della sua costituzione. L'articolo afferma che "è severamente vietato all'organizzazione intraprendere qualsiasi intervento o attività di carattere politico, militare, religioso o razziale". Nel 2013, l'Interpol ha fatto un'ulteriore distinzione tra casi di persone perseguite da servizi di sicurezza interna per reati puramente politici e quelli ricercati in casi che hanno una dimensione politica, ma in cui vi è comunque un vero reato penale.

L'Interpol sta lavorando duramente per rafforzare l'applicazione dell'articolo 3. Nel 2017, è stato riferito che l'organizzazione stava esaminando oltre 40,000 avvisi per verificare la presenza di abusi politici. In effetti, negli ultimi anni il CCF ha respinto una serie di richieste motivate politicamente. Proprio il mese scorso, ad esempio, l'Interpol ha respinto una richiesta motivata politicamente dal governo pakistano di emettere un avviso rosso contro l'ex ministro delle finanze Ishaq Dar. A luglio, l'Interpol finlandese ha rifiutato di espellere un richiedente asilo turco nella sua terra natale, sostenendo che sarebbe stato maltrattato al suo ritorno.

Alcuni sostengono che l'Interpol è andato troppo lontano e che i pregiudizi intrinseci contro l'imparzialità dei sistemi giudiziari in alcuni paesi potrebbero consentire ai criminali internazionali di scivolare tra le dita dell'Interpol. Un clima generale di sospetto nei confronti di funzionari russi e della CSI aiuta a illustrare questa tendenza.

Il politico ucraino Oleksandr Onyshchenko, ad esempio, è fuggito dall'Ucraina nel 2016 dopo essere stato accusato di appropriazione indebita di oltre $ 64 milioni da parte di società statali. Mentre una crescente montagna di prove ha incriminato Onyshchenko - gli investigatori ucraini hanno scoperto che l'ex parlamentare aveva ideato un piano che costava al governo circa 125 milioni di dollari USA, e il Verkhovna Rada ha spogliato entrambi Onyshchenko della sua immunità parlamentare e ha chiesto la sua detenzione - i funzionari occidentali hanno esitato agire. In due occasioni separate, i tribunali spagnoli e tedeschi hanno rifiutato le richieste di diffusione di Kiev, mentre l'Interpol ha respinto le richieste ucraine di pubblicare un avviso rosso per la detenzione di Onyshchenko. L'ex parlamentare ucraino è stato finalmente arrestato all'inizio di questo mese in Germania, grazie a una richiesta separata dell'Ufficio nazionale anticorruzione dell'Ucraina.

Un altro esempio è il caso di Vladimir e Sergei Makhlai, il duo padre e figlio al centro di un caso di frode di alto profilo che coinvolge un impianto russo di ammoniaca chiamato TogliattiAzot. La coppia, insieme al CEO dello stabilimento, Yevgeny Korolyov, è fuggita dal paese nel 2005. Vladimir ha speso quasi mezzo milione di dollari nella società di pubbliche relazioni New Century Media per aiutarlo a ottenere la cittadinanza nel Regno Unito - una collaborazione che alla fine si è conclusa con un acronimo legale, con Vladimir non riesce a pagare i suoi conti a New Century. Tuttavia, nel 2009, un tribunale di Westminster ha respinto la richiesta di diffusione di Korolyov e dei Makhlais, rivendicando motivazioni politiche. Come nel caso di Oleksander Onyshchenko, l'Interpol e i tribunali nazionali sembravano - forse influenzati dai propri preconcetti associati all'uso dell'Interpol da parte dello stato russo - di ignorare il peso delle prove a giustificazione della richiesta.

Ma da dove parte questo Interpol? La missione dell'agenzia è quella di agire come un organo neutrale che aiuta i paesi a cooperare per catturare i criminali più prolifici del mondo. Favorendo un paese o un sistema giuridico rispetto a un altro o rendendo invalide le richieste di determinati paesi, può ancora svolgere questo compito?

In definitiva, la prerogativa del CCF deve essere quella di impedire alle forze senza scrupoli di trarre vantaggio dalla neutralità politica dell'Interpol, assicurando al contempo che le misure dell'Interpol per controllare l'abuso degli Avvisi Rossi e le richieste di diffusione non compromettano i reali bisogni della comunità internazionale delle forze dell'ordine. Se gli argomenti politici possono influenzare indebitamente le decisioni dell'Interpol in modo da aiutare i criminali a sfuggire alla giustizia, l'Interpol alla fine si renderà inutile.

Commenti

Commenti di Facebook

tag: , , , , , , , , , , , , ,

Categoria: Un Frontpage, Interpol, Politica, US

I commenti sono chiusi.