Seguici sui social

Ungheria

L'UE sconfessa il viaggio di Orbán a Mosca

SHARE:

Pubblicato il

on

L'Unione europea si è dissociata dalla visita del primo ministro ungherese Viktor Orbán a Mosca per incontrare Vladimir Putin. Una gelida dichiarazione rilasciata dal Servizio europeo per l'azione esterna a nome dell'Alto rappresentante Josep Borrell ha precisato che, nonostante la presidenza ungherese del Consiglio dell'UE, non ha nulla a che fare con loro.

Il comunicato recita integralmente:

La visita del primo ministro Viktor Orbán a Mosca si svolge esclusivamente nel quadro delle relazioni bilaterali tra Ungheria e Russia. 

L’Ungheria è ora lo Stato membro dell’UE che esercita la presidenza di turno del Consiglio fino al 31 dicembre 2024. Ciò non comporta alcuna rappresentanza esterna dell’Unione che spetta al presidente del Consiglio europeo a livello di capo di Stato o di governo e del Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza a livello ministeriale.

Il primo ministro Orbán non ha ricevuto alcun mandato dal Consiglio dell’UE per visitare Mosca. La posizione dell'UE sulla guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina si riflette in molte conclusioni del Consiglio europeo. Questa posizione esclude contatti ufficiali tra l’UE e il presidente Putin. Il primo ministro ungherese non rappresenta quindi in alcun modo l’UE. 

Inoltre, vale la pena ricordare che il presidente Putin è stato incriminato dalla Corte penale internazionale ed è stato emesso un mandato di arresto per il suo ruolo in relazione alla deportazione forzata di bambini dall'Ucraina alla Russia.

pubblicità

Viktor Orbán ha già fatto una visita a sorpresa a Kiev, che non sembra aver contribuito a migliorare i suoi gelidi rapporti con Volodymyr Zelenskyy. Prima di accettare la nomina di Mark Rutte a prossimo Segretario generale della NATO, ha ottenuto un accordo secondo cui l'Ungheria non avrebbe contribuito ad armare l'Ucraina nella sua guerra contro l'invasione russa.

Il primo ministro ungherese ha anche ostacolato e ritardato gli aiuti dell’UE all’Ucraina e, anche in presenza del leader ucraino, ha continuato a sostenere un cessate il fuoco con le truppe russe che ancora occupano il territorio ucraino.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending