Seguici sui social

Georgia

Schemi russi per l'instabilità nel Caucaso: Georgia e Karabakh

SHARE:

Pubblicato il

on

Dalla dissoluzione dell'Unione Sovietica nel 1991, e in parte a causa di un minore interesse per l'Occidente, la Russia è riuscita a diventare una superpotenza regionale, esercitando la sua influenza sugli altri paesi post-sovietici, scrive James Wilson.

I tentativi russi di aggrapparsi alla "gloria passata" hanno comportato il piegare le altre repubbliche alla sua volontà e ai suoi interessi. Alcuni hanno cercato di opporsi. I primi esempi sono la Georgia, che la Russia ha invaso nel 2008, e l'Ucraina, parti della quale la Russia ha occupato nel 2014 prima di invaderla nuovamente nel 2022. Con le proteste di massa della Georgia a Tbilisi che fanno notizia oggi in tutto il mondo, per un controverso disegno di legge che il governo georgiano sta cercando di passare, la Russia è tornata ancora una volta alla sua strategia di destabilizzazione e ha lanciato minacce ufficiali.

Il disegno di legge proposto, denominato "Trasparenza dei finanziamenti esteri", richiederebbe alle organizzazioni non governative in Georgia di registrarsi come "agenti di influenza straniera" se i fondi che ricevono dall'estero ammontano a più del 20% delle loro entrate totali. Le proteste contro questa proposta di legge hanno allarmato molti al Cremlino e nei suoi organi di propaganda, portando ad aperte minacce contro la Georgia da parte di funzionari come Dmitry Peskov - Vice capo di gabinetto dell'ufficio esecutivo presidenziale e addetto stampa presidenziale. Inoltre, il Ministero degli Affari Esteri della Russia ha rilasciato diverse dichiarazioni minacciando la Georgia se le proteste dovessero continuare, ricordando a tutti cosa ha fatto la Russia in Ucraina nel 2014. il caporedattore di RT news, il più grande media propagandistico del Cremlino - Margarita simonyan.

Un altro conflitto in cui la Russia si sta intromettendo nel Caucaso può avere enormi conseguenze ma non viene adeguatamente coperto dai media. Questo conflitto si sta svolgendo nella regione del Karabakh in Azerbaigian ed è più instabile che mai.

L'invasione russa della Georgia nel 2008 è stata provocata da un "casus belli" molto familiare: "la protezione delle persone allineate con la Russia nel territorio di un paese straniero". Questa scusa è stata utilizzata dalle dichiarazioni ufficiali russe anche in molti altri territori, creando repubbliche separatiste, alcune delle quali sono state prontamente riconosciute dalla Russia e dai suoi alleati, offrendo loro protezione militare intervenendo in eventuali conflitti armati in cui queste "repubbliche autonome" sarebbero state coinvolte. Che si tratti di creare l'Abkhazia e l'Ossezia del Sud in Georgia, o la Transnistria in alcune parti della Moldavia, o l'esempio più infame: le repubbliche del Donbass sul territorio ucraino.

La cosiddetta regione del “Nagorno-Karabakh”, conosciuta in lingua azera come Karabakh, è un territorio azero riconosciuto dall'ONU. C'è una piccola enclave separatista popolata da armeni etnici situata nell'area. Non è stato riconosciuto nemmeno dall'Armenia, che lo sostiene. Dalla guerra del 2020, in cui l'Azerbaigian ha liberato gran parte di questo territorio in quella regione dopo 30 anni di occupazione armena, i "peacekeeper" russi sono stati schierati nella regione per stabilizzare la situazione e prevenire ulteriori spargimenti di sangue. Tuttavia, visto che la Russia ha sostenuto le forze armene durante la guerra, insieme al suo alleato, l'Iran, ci sono valide preoccupazioni riguardo al vero obiettivo e all'impegno delle forze di pace russe nel mantenere l'integrità territoriale dell'Azerbaigian in Karabakh. Una situazione che può tracciare parallelismi con alcune delle “repubbliche autonome” separatiste sostenute dalla Russia.

Il 5 marzo, un veicolo armeno, con targa armena e personale di polizia dell'enclave separatista del Karabakh, è riuscito a “passare davanti” ai posti di blocco russi di mantenimento della pace lungo la strada Lachin, portando armi a bordo. È stato fermato dalle truppe azere, mentre si muoveva lungo una rotta di rifornimento non riconosciuta verso l'enclave separatista. È scoppiata una sparatoria e due soldati azeri insieme a tre persone a bordo del convoglio sono stati uccisi.

pubblicità

L'esercito russo non avrebbe dovuto far entrare armi nell'enclave. Tuttavia, dopo la sparatoria, sono emerse immagini del veicolo armeno con armi visibili di livello militare nascoste sotto i sedili nel tentativo di contrabbandarle. Un riarmo dei separatisti in Karabakh potrebbe portare a una grave escalation del conflitto tra l'Azerbaigian e l'Armenia, da dove hanno avuto origine i carichi di armi.


Inoltre, la risposta delle forze russe all'incidente è stata persino più rapida dei paramedici azerbaigiani, inviati a curare i feriti dello scontro. I rapporti russi sull'incidente non sono stati trovati da nessuna parte e non è stato registrato alcuno scontro a fuoco sotto la sorveglianza dei russi.

Non sorprende: a quanto pare, un altro convoglio con armi e persino veicoli militari è stato avvistato venerdì 10 marzo sulla strada per l'enclave dall'esercito azero. Tuttavia, questa volta è stato accompagnato dal "Peacekeeper" russi

I media mainstream oggi dedicano molto tempo alla copertura delle proteste georgiane e della minacciosa risposta russa, a causa della lotta del popolo georgiano per la democrazia e contro l'influenza di Mosca nel paese. La Georgia è cruciale per l'Occidente anche per altri motivi. In primo luogo, la Georgia collega l'Azerbaigian con la Turchia e il Mar Nero, il che significa che qualsiasi esportazione dall'Azerbaigian, come le risorse energetiche, può raggiungere l'Europa. Con le sanzioni alla Russia in vigore, molti paesi europei cercano alternative al petrolio e al gas russi. Fortunatamente, l'Azerbaigian, con le sue vaste risorse nel Mar Caspio e l'accesso all'approvvigionamento dell'Asia centrale, può essere un'alternativa. Ma affinché ciò accada, la Georgia deve rimanere un collegamento nella rotta di approvvigionamento verso l'Europa.

L'escalation in Karabakh a causa degli sforzi di destabilizzazione russi potrebbe portare a un altro ciclo di combattimenti, danneggiando il commercio dell'Azerbaigian con l'Europa attraverso la Georgia, motivo per cui è fondamentale comprendere la situazione in Karabakh così com'è nella realtà. Occorre garantire sostegno sia alle proteste georgiane che alla lotta azerbaigiana contro i separatisti separatisti sul suo territorio. 

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending