Seguici sui social

Francia

Macron "indebolito" si attiene al conto pensionistico, punta a nuove riforme

SHARE:

Pubblicato il

on

Il presidente francese Emmanuel Macron vuole riprendere il controllo dell'iniziativa attraverso nuove riforme. Il suo governo non è stato in grado di sopravvivere a una mozione di sfiducia su un controverso disegno di legge sulla pensione. Le proteste nazionali sono continuate.

Giovedì scorso (16 marzo), mentre i sindacati si preparavano a un'altra giornata di scioperi contro la riforma della pensione di Macron, i manifestanti sventolando bandiere e gridando si sono radunati nel centro di Parigi. Questo è stato il sesto giorno consecutivo di proteste dall'approvazione del disegno di legge.

I bidoni della spazzatura sono stati dati alle fiamme a Place de la Republique, nel centro di Parigi, alle 2030 CET/1930 GMT. I manifestanti hanno anche acceso i fuochi d'artificio. La polizia è stata chiamata a disperdere i manifestanti ed è arrivata con i mezzi dei vigili del fuoco per spegnere le fiamme.

Il campo di Macron lo ha avvertito di smettere di fare affari come al solito tra violente proteste, a rotazione scioperi e questo rappresenta la più grande minaccia alla sua autorità dalla rivolta dei "gilet gialli" quattro anni fa.

"Siamo tutti deboli. Gilles Le Gendre (deputato anziano nel campo di Macron), ha dichiarato al quotidiano Liberation che il presidente, il governo e la maggioranza erano tutti deboli. "Non possiamo fare affari come al solito a causa della legge che è stata approvata ."

Patrick Vignal (un altro membro del campo di Macron) ha chiesto senza mezzi termini al presidente di sospendere il disegno di legge sulla riforma delle pensioni. Ciò aumenterà l'età pensionabile di 2 anni a 64 anni. Data la rabbia generata e la sua profonda impopolarità,

Tuttavia, Macron non ha escluso la possibilità di ritirare la legge sulle pensioni e non intende rimescolare, indire elezioni anticipate o apportare grandi cambiamenti. Lo ha confermato una fonte che è intervenuta agli incontri tra Macron e alleati chiave.

Secondo una fonte, utilizzerà invece l'intervista televisiva di mercoledì per "calmarsi" e pianificare le riforme per il suo mandato rimanente.

pubblicità

DIVIETO DI INVERSIONE A "U

Il primo ministro Elisabeth Borne ha parlato in parlamento. Il ministro del lavoro Olivier Dussopt ha chiarito che il governo non cambierà la sua posizione.

Borne ha affermato che l'amministrazione cercherà di migliorare la partecipazione dei cittadini e dei sindacati al processo legislativo in futuro, ma non ha fornito dettagli e ha affermato che entrambi hanno dedicato più tempo possibile al dialogo sul disegno di legge sulla pensione.

"Quello che ci aspettiamo dal Presidente della Repubblica... che elabori una prospettiva... un calendario di tre, 6 mesi (di riforme)", ha detto Sacha Houlie, deputato di Macron. Sperava in proposte su questioni come il modo in cui le imprese potrebbero essere spinte maggiormente dai loro profitti ai lavoratori.

Oliver Faure, capo del Partito socialista, ha detto al governo che stava "giocando con il fuoco".

Altri parlamentari dell'opposizione hanno chiesto a Macron di licenziare Borne e chiedere elezioni anticipate. Hanno anche esortato Macron a non tenere un referendum sul disegno di legge sulle pensioni a causa della rabbia diffusa.

La coalizione NUPES, Rassemblement National di sinistra e di estrema destra ha chiesto al Consiglio costituzionale di determinare se la riforma e la sua adozione violano la costituzione.

QUAL'È IL PROSSIMO?

Secondo i sondaggi, una grande maggioranza di francesi si oppone alla riforma delle loro pensioni.

"Credo che questa sia stata una negazione della democrazia. Jean Regnaud, uno sceneggiatore, ha affermato che il governo ha approvato una legge contro la quale si è opposta la maggioranza dei francesi.

Laurent Nunez, capo della polizia di Parigi, ha affermato che sarebbe stata avviata un'indagine dopo che un filmato che mostrava un agente di polizia che prendeva a pugni un manifestante è diventato virale.

Un altro segno di rabbia è stata l'escalation di violenza al deposito di Fos-sur-Mer della ExxonMobil. Il governo ha tentato di ristabilire l'ordine tra i lavoratori in sciopero adottando misure per impedire loro di rivoltarsi. L'intero sito è stato coperto di gas lacrimogeni e alcuni manifestanti hanno lanciato oggetti contro gli agenti di polizia.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending