Seguici sui social

Francia

Il "Sì" di Truss rafforza la nuova iniziativa del forum europeo di Macron

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

Il primo ministro britannico Liz Truss si è unito al vertice inaugurale di un gruppo paneuropeo questa settimana. Questa iniziativa è nata da un'idea del presidente francese Emmanuel Macron, che alcuni avevano liquidato come un semplice negozio di parole.

Praga ospiterà il vertice della Comunità politica europea (EPC). Comprenderà 27 leader dell'Unione europea.

La presenza di Truss all'incontro di giovedì darà alla Gran Bretagna l'opportunità di creare un nuovo forum europeo all'interno del paese dopo la Brexit. Potrebbe anche spostare l'attenzione dalle turbolenze finanziarie e politiche interne.

Un diplomatico europeo ha affermato che gli inglesi hanno utilizzato una strategia pragmatica: "Se è impossibile 'uccidere' una strana iniziativa, è meglio impegnarsi a fondo e dirigerla a modo tuo".

I diplomatici affermano che lo scopo dell'EPC potrebbe non essere chiaro. Molti ne dubitano, dato che ci sono così tanti al tavolo, sia nemici che amici, che durerà. Tuttavia, affronterà le questioni che interessano a tutti loro: sicurezza, energia e immigrazione.

L'obiettivo principale di Macron è accogliere i paesi candidati all'adesione all'UE che stanno perdendo la pazienza nell'attesa di entrare nel blocco. Ciò contrasterà i tentativi di Russia e Cina di acquisire potere nei margini orientali e meridionali del continente.

Un funzionario francese ha affermato che uno degli obiettivi è poter dire al Kosovo e all'Albania che possiamo fare le cose insieme e che non hanno bisogno di fare affidamento sulla Russia o sulla Cina per gli investimenti.

pubblicità

Macron teme che la lunga strada verso l'adesione all'UE possa scoraggiare i paesi dei Balcani occidentali, il che incoraggerebbe il populismo e l'euroscetticismo.

I francesi pensano che sia importante avere un forum per discutere di sicurezza con la Gran Bretagna, l'altra grande potenza militare europea, e di energia con la Norvegia, che attualmente aiuta l'Europa a liberarsi del gas russo.

"BLAH BLAH"

Le nobili idee di Macron su una famiglia felice in Europa non sono ampiamente condivise.

La proposta è stata inizialmente vista con sospetto dai paesi dell'Europa orientale e dall'Ucraina, in particolare. Sospettavano che fosse un complotto della Francia per tenerli in "purgatorio" rifiutandosi di ammettere più paesi nell'UE.

I funzionari francesi lo hanno negato e hanno fatto di tutto per rassicurarli.

"All'inizio temevamo che l'EPC potesse essere un'alternativa al membro dell'UE, ma mentre si sviluppa ora non credo", ha detto un diplomatico dell'Europa orientale.

Tuttavia, le aspettative rimangono basse.

Il diplomatico dell'Europa orientale ha affermato che sarebbe stato solo un altro forum di discussione bla bla... ma che dopo alcuni incontri potrebbe finire senza alcun grande successo.

"Ci sono troppi paesi che hanno troppi interessi. Come puoi avere la Serbia mentre parli della Russia?" Come puoi combinare Turchia e Grecia/Cipro? Come possono essere allo stesso tavolo Armenia e Azerbaigian?

La Francia è ben consapevole del fatto che senza un'agenda chiara molte persone ritengono che il vertice sarà poco più di una grande foto di famiglia con i leader al Castello di Praga.

È stato comunque lieto che l'Ucraina abbia offerto suggerimenti su come dovrebbe apparire l'EPC e la Moldova si è offerta di ospitare il suo secondo vertice.

Un diplomatico francese ha affermato che dal forum potrebbero essere sviluppate iniziative concrete. Questi includono la cooperazione universitaria dopo che la Gran Bretagna è uscita dal programma di scambio Erasmus e le tariffe di roaming gratuito tra i paesi membri.

I diplomatici europei ritengono che l'iniziativa abbia il vantaggio di avvicinare il presidente turco Tayyip Erdogan all'Europa e allontanare la Russia.

Sebbene inizialmente contrariati dall'esitazione francese, i turchi alla fine ricevettero un invito. Parteciperanno ma avvertono l'UE di non credere che Ankara abbandonerà le sue ambizioni di unirsi al club. 23 anni fa, ha aperto i negoziati di adesione con l'UE.

Alcuni diplomatici europei ricordano un'altra iniziativa francese lanciata dieci anni fa da Nicolas Sarkozy con grande clamore. Era perso nel tempo.

Un diplomatico del Baltico ha affermato che sarebbe simile all'Unione mediterranea. Non avrà molto successo o impatto reale.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending