Seguici sui social

France

La Francia rischia la paralisi dopo che Macron ha consegnato il parlamento sospeso

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

Il presidente Emmanuel Macron ha affrontato la richiesta di dimissioni del suo primo ministro lunedì (20 giugno) e i dubbi incombevano sulla sua capacità di governare con decisione dopo che il suo campo ha perso la maggioranza parlamentare.

Il gruppo centrista di Macron è sotto pressione per assicurarsi il sostegno dei rivali per salvare il programma di riforme di Macron dopo che le elezioni del fine settimana hanno consegnato un parlamento sospeso. Se fallisce, la Francia potrebbe affrontare un lungo periodo di paralisi politica.

Macron inviterà tutti i partiti politici in grado di formare un gruppo nel nuovo parlamento per colloqui di martedì e mercoledì, ha affermato lunedì una fonte vicina a Macron.

La perdita della maggioranza assoluta della sua alleanza Ensemble è una dolorosa battuta d'arresto per Macron, che ha vinto un secondo mandato solo due mesi fa. I governi francesi si affidano da tempo a una camera bassa del parlamento che condivide la loro linea politica e proposte in gran parte omologate.

"Dobbiamo pensare a un nuovo modo di funzionare a livello istituzionale", ha detto alla televisione LCI il ministro degli Affari europei Clement Beaune, stretto alleato del presidente francese.

Il voto del secondo turno di domenica ha lasciato Ensemble come il più grande partito, con una neonata alleanza di sinistra al secondo posto, l'estrema destra più forte che mai e i conservatori come potenziali creatori di re.

"Sarà complicato", ha detto alla radio France Inter la portavoce del governo Olivia Gregoire. "Dobbiamo essere creativi".

pubblicità

Macron ora ha bisogno di formare una coalizione più ampia o accettare di guidare un governo di minoranza che negozia con gli oppositori fattura per fattura. La sua unica consolazione: i gruppi di opposizione sono essi stessi acerrimi rivali e in alcuni casi lacerati da spaccature interne.

"Un parlamento così frammentato risulterà probabilmente in una situazione di stallo politico, con un programma di riforme molto più lento", ha affermato Philippe Gudin di Barclays.

"Questo probabilmente indebolirà la posizione della Francia in Europa e metterà in pericolo la posizione fiscale del Paese, che è già debole".

Figure di alto livello di estrema sinistra e di estrema destra hanno chiesto le dimissioni del primo ministro Elisabeth Borne dopo poco più di un mese in carica.

Gregoire ha detto che Macron avrebbe presto rimescolato il suo governo.

L'ampia alleanza di sinistra Nupes tra Jean-Luc Melenchon e l'estrema destra di Marine Le Pen ha promesso di perseguitare Macron e la sua amministrazione senza sosta in parlamento.

Una delle domande chiave è se Macron cercherà di raggiungere un accordo con i conservatori Les Republicains (LR) o se seguirà la strada del governo di minoranza.

Il capo di Les Republicains Christian Jacob ha detto che il partito sarebbe rimasto all'opposizione. Ma mentre ha descritto la posizione come "quasi unanime", alcuni membri di spicco hanno indicato che il partito dovrebbe collaborare con il governo e agire come un re.

Ensemble e conservatori hanno piattaforme economiche compatibili, compreso il sostegno a un'età pensionabile più elevata e all'energia nucleare. Insieme avrebbero la maggioranza assoluta.

Sulla sinistra sono emerse alcune crepe.

Mentre Melenchon ha affermato che Borne dovrebbe affrontare un voto di fiducia, il leader socialista Olivier Faure, un'altra figura di spicco all'interno dell'alleanza di sinistra, ha affermato che chiedere la rimozione di Borne dall'incarico non era per ora una posizione comune del blocco.

Se Macron non riesce a trovare un accordo con l'opposizione, la seconda economia più grande della zona euro dovrà affrontare un punto morto politico e possibili elezioni anticipate su tutta la linea.

Un primo importante test sarà un disegno di legge sul costo della vita che, secondo Gregorio, il governo presenterà tra otto giorni quando il nuovo parlamento si siederà per la prima volta.

Le proposte sulle energie rinnovabili in arrivo entro l'estate metteranno alla prova la sinistra, divisa sul nucleare.

I dati finali hanno mostrato che il campo centrista di Macron ha vinto 245 seggi, ben al di sotto dei 289 necessari per la maggioranza assoluta, Nupes 131, l'estrema destra 89 e Les Republicains 61.

Lo stesso Macron non ha ancora commentato il risultato elettorale e l'opposizione lo ha esortato a rompere il silenzio.

Mentre il voto del fine settimana è stato un duro colpo per il presidente 44enne, la cui vittoria ad aprile lo ha reso il primo presidente francese in due decenni ad assicurarsi un secondo mandato, i mercati finanziari hanno preso il risultato in gran parte con il loro passo. L'euro e le azioni hanno mostrato uno scarso impatto, mentre le obbligazioni francesi hanno visto un aumento della pressione lunedì.

"La speranza che alcuni commercianti di valuta riposti in Macron nel 2017 siano svaniti qualche tempo fa, in modo che le vittorie o le sconfitte elettorali non abbiano più un ruolo importante per i tassi di cambio dell'euro", ha affermato in una nota l'analista di Commerzbank Ulrich Leuchtmann.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending