Seguici sui social

France

L'estrema destra lancia onde d'urto in Francia dopo la svolta elettorale

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

L'estrema destra francese ha ottenuto una vittoria storica alle elezioni legislative di domenica (19 giugno). Ciò ha aumentato di quasi dieci volte il numero di legislatori e ha consolidato l'ascesa del partito allo status di opposizione tradizionale.

Marine Le Pen, che ha preso il timone nel 2011 del partito, ha lavorato per liberare il Fronte Nazionale (ora chiamato Raduno Nazionale) dall'immagine antisemita che aveva acquisito sotto i quasi 40 anni di suo padre Jean-Marie Le Pen -vecchia dirigenza.

Le Pen si è assicurato il 42% alle elezioni presidenziali di aprile. Aveva già attinto al disincanto nei confronti del presidente Emmanuel Macron e aveva identificato la rabbia in tutto il paese per l'aumento dei costi e il declino di molte comunità rurali.

Domenica è andata un passo avanti. Il partito di Le Pen dovrebbe vincere tra 85-90 seggi. Questo aumento rispetto alle due elezioni del 2012 e delle otto del 2017 potrebbe renderlo il secondo partito più grande in parlamento. Secondo i principali sondaggisti, la scorsa settimana sono stati stimati solo 25-50 seggi.

Dopo essere stato rieletto nel nord della Francia, Le Pen ha dichiarato ai giornalisti di aver raggiunto i suoi tre obiettivi: fare di Emmanuel Macron un presidente di minoranza, senza controllo del potere, e perseguire la ricomposizione politica necessaria al rinnovamento democratico.

"E di formare un gruppo decisivo contro i decostruttori (dall'alto, i Macronisti e da sotto i Nupes", ha detto. Si riferiva alla coalizione di sinistra, che dovrebbe essere il più grande blocco di opposizione all'interno del parlamento ma la cui principale Il partito La France Insoumise dovrebbe ottenere meno voti della RN.

I risultati di domenica hanno ucciso il cosiddetto "fronte repubblicano" di elettori di ogni genere che avevano appoggiato un candidato mainstream per fermare l'avanzata dell'estrema destra.

pubblicità

Ha anche convalidato la strategia di Le Pen di riformulare l'immagine del partito rifiutandosi di unire le forze dopo le elezioni presidenziali con Eric Zemmour, un opinionista diventato politico nazionalista.

Anche se è improbabile che il partito di Le Pen ottenga tanti seggi come il gruppo di sinistra, ciò consentirà alla RN di guadagnare più peso in parlamento.

Sarà in grado, ad esempio, di presentare voti di sfiducia contro il governo, inviare leggi alle principali corti costituzionali francesi e guidare commissioni parlamentari.

La televisione di France 2 ha riferito che Bruno Le Maire, ministro delle Finanze, ha dichiarato: "Siamo di fronte a uno shock democratico inaspettato a causa di una svolta molto forte da parte del Rassemblement National".

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending