Seguici sui social

Cyprus

Dovrei votare o no?

SHARE:

Pubblicato il

on

Domenica 9 giugno 2024, gli elettori di Cipro saranno chiamati a votare per 6 deputati e 7,280 candidati per 3,227 posizioni tra cui presidenti, sindaci, consiglieri comunali e leader di comunità distrettuali nei comuni e nelle località di Cipro. Tuttavia, a quei candidati non sono richieste qualifiche o esperienza per gestire e gestire gli affari della città, della comunità o di un paese! Eleggere un candidato è come giocare alla lotteria o alla roulette russa; o si vince o si soffre, scrive Andreas C Chrysafis.

Logicamente, non ha senso che le persone votino per un sistema che accetta l’incompetenza e rifiuta la meritocrazia in un accogliente sistema di autoconvenienza che alla fine ispira e genera corruzione. Vergognosamente, Cipro ne ha viste tante!

La campagna elettorale è iniziata e Kommatokratia sta cercando di convincere i cittadini a esercitare il loro “diritto democratico” e a votare. Sono preoccupati nel caso in cui il voto di astensione diventi il ​​partito più numeroso a Cipro. Non sarebbero in grado di salire su quel trenino! 

I cittadini hanno buone ragioni per astenersi o per votare scheda bianca; i candidati devono capire che i voti delle persone si guadagnano e non possono essere distribuiti come caramelle! 

Allo stesso tempo, i coltelli vengono estratti e le lingue avvelenate scodinzolano per rimuovere l'unica persona di fiducia con autorità, Odysseas Michaelides, dal suo incarico di revisore generale. Perché…? Perché non è corrotto e si è guadagnato lo straordinario rispetto del pubblico denunciando la corruzione nelle alte sfere; una consuetudine praticata e nascosta per anni. Ma in un paese dove non esiste la legge, non esiste il crimine!

Il Procuratore Generale ha presentato una richiesta alla Corte Costituzionale Suprema chiedendo di rimuovere il Revisore Generale citando dubbie accuse di “comportamento inappropriato”. Le vere ragioni delle intenzioni del governo sono ben nascoste, ma i cittadini non sono ingenui e sono scesi in piazza a sostegno del loro Revisore Generale.

pubblicità

Tali casi confermano il motivo per cui alcuni elettori scelgono di non andare a votare per una dittatura eletta e per un sistema che lentamente erode i loro diritti di cittadini dello Stato.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending