Seguici sui social

Conflitti

L'eredità a lungo termine della guerra: come le mine antiuomo continuano a uccidere e mutilare per decenni

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

Le vittime civili della guerra sono spesso vittime di mine antiuomo originariamente poste per negare terra ai soldati. Mine e altri ordigni inesplosi stanno uccidendo - e rovinando molte altre vite - nel vicinato dell'UE. Le uccisioni e le mutilazioni non stanno avvenendo solo dove infuria la guerra in Ucraina, ma in paesi in cui le battaglie sono finite, scrive l'editore politico Nick Powell.

Quando l'Azerbaigian ha riconquistato il territorio nella guerra del Karabakh del 2020, ha scoperto che le mine anticarro e antiuomo colpivano migliaia di chilometri quadrati. Le armi mortali e di lunga durata erano più concentrate lungo la precedente linea di controllo con le forze armene.

La maggior parte di quei campi minati era mappata, ma non c'erano registrazioni per la maggior parte di un'area molto più ampia in cui erano state posate mine dalle truppe in ritirata. Dalla guerra, 225 persone sono state uccise e ferite, per lo più lontane dalla precedente linea di controllo.

Molti dei feriti erano soldati, ma dei 39 uccisi, la stragrande maggioranza erano civili, come contadini che si avventuravano nei campi o semplicemente bambini che giocavano con un pallone. Fino a quando le miniere non saranno bonificate, la società e l'economia non potranno riprendersi e le città fantasma in rovina rimarranno disabitate.

"I conflitti in cui le mine sono le armi di prima scelta stanno crescendo", ha affermato l'ambasciatore dell'Azerbaigian presso l'UE, Vaqif Sadiqov. “Sono una delle principali cause di vittimizzazione civile ed estremamente estese in Azerbaigian”. Ha affermato che lo sminamento è una priorità nazionale e il suo paese è grato per il sostegno dell'UE e delle Nazioni Unite.

L'Unione Europea è uno dei primi tre finanziatori dei lavori di sminamento, spendendo attualmente 365 milioni di euro. “È costoso, richiede tempo ed è pericoloso”, ha affermato Adam Komorowski del Mines Advisory Group, una ONG internazionale. "Queste mine non stanno scomparendo, anche se l'attenzione lo fa" da paesi ormai anni o addirittura decenni dopo aver sperimentato il conflitto.

All'interno dell'UE, la Croazia ha ancora nuove vittime di mine, a causa di una guerra che si è conclusa nel secolo scorso. Nella vicina Bosnia-Erzegovina, quasi mille chilometri quadrati sono ancora a rischio mine, quattro volte l'area liberata finora.

pubblicità

In tutto il mondo, il livello delle vittime delle mine antiuomo è in crescita dal 2015. Come ha osservato l'ambasciatore Sadiqov, è solo una volta eliminati i campi minati che un paese non è più all'indomani di un conflitto.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.
pubblicità

Trending