Seguici sui social

Huawei

Meng Wanzhou: Domande sull'arresto del dirigente Huawei mentre la battaglia legale continua

Pubblicato

on

Quando un ufficiale di frontiera canadese ha fatto alcune ricerche frettolose su Internet il 1 ° dicembre 2018, il risultato lo ha lasciato "scioccato". Gli era stato appena detto che una donna cinese sarebbe atterrata all'aeroporto di Vancouver entro poche ore e che la Royal Canadian Mounted Police aveva un mandato d'arresto per lei basato su una richiesta degli Stati Uniti. Quello che la ricerca ha rivelato è che lei era il chief financial officer del gigante cinese delle telecomunicazioni Huawei e la figlia del fondatore dell'azienda. Fu in quel momento che i funzionari di frontiera si resero conto che stavano per essere gettati al centro di un grave incidente internazionale che, quasi due anni dopo, non è andato via.

La donna era Meng Wanzhou (nella foto) il cui volo da Hong Kong è arrivato al Gate 65 alle 11:10 ora locale. Era in scalo in Canada, dove ha due case, prima di andare a riunioni di lavoro in Messico. Ulteriori dettagli su ciò che è accaduto all'aeroporto sono stati rivelati in un tribunale di Vancouver la scorsa settimana come parte dell'ultima fase della battaglia legale che potrebbe protrarsi per anni.

I suoi avvocati stanno perseguendo una strategia su più fronti per impedire che venga estradata negli Stati Uniti con l'accusa di aver ingannato la banca HSBC in un modo che potrebbe portare alla violazione delle sanzioni statunitensi contro l'Iran.

Gli avvocati di Meng hanno sostenuto che c'era stato un abuso di processo nel modo in cui è stato effettuato l'arresto.

Uno dei problemi che hanno sollevato è il motivo per cui Meng è stata interrogata per quasi tre ore da agenti della Canadian Border Services Agency prima di essere formalmente arrestata dalla Royal Canadian Mounted Police (RCMP). I suoi avvocati stanno cercando segnali che non siano state seguite procedure adeguate in quello che si è svolto in quelle ore.

Meng, che è apparsa in tribunale indossando il braccialetto di sicurezza alla caviglia richiesto per la sua cauzione, è stata descritta come "calma" durante il suo primo interrogatorio all'aeroporto perché non aveva idea di cosa sarebbe successo dopo.

I funzionari di frontiera hanno preso i suoi telefoni e dispositivi e li hanno messi in una borsa speciale, progettata per prevenire qualsiasi interferenza elettronica. I funzionari di frontiera hanno anche ottenuto le sue password e codici PIN per i dispositivi, ma il tribunale ha sentito che li hanno consegnati erroneamente, insieme ai dispositivi, all'RCMP quando tecnicamente non avrebbero dovuto farlo. L'agente di polizia che alla fine l'ha arrestata dopo l'interrogatorio sul confine è stato contestato in tribunale sul motivo per cui non lo aveva fatto prima. I suoi avvocati stanno cercando le prove di un piano coordinato dall'agenzia di frontiera e dalla polizia - forse con la guida degli Stati Uniti dietro di loro - per trattenerla e interrogarla in modo improprio senza un avvocato.

I funzionari negano questo e affermano che l'interrogatorio di frontiera era per stabilire se c'era qualche motivo per cui non poteva essere ammessa, ad esempio il coinvolgimento nello spionaggio. L'agente di polizia ha anche testimoniato che le preoccupazioni di "sicurezza" erano una delle ragioni per cui non ha arrestato la signora Meng subito dopo l'atterraggio del suo volo Cathay Pacific 777.

Questa parte della battaglia legale si concentrerà sul fatto che le procedure siano state seguite e, in caso contrario, se ciò fosse dovuto a semplici errori o al risultato di un piano.

L'ufficiale dell'RCMP che ha preso in custodia l'elettronica dell'esecutivo Huawei Meng Wanzhou il giorno del suo arresto due anni fa dice che le forze dell'ordine straniere non gli hanno mai chiesto di ottenere i codici di accesso o di perquisire i dispositivi.

Const. Gurvinder Dhaliwal ha detto lunedì che i funzionari americani hanno chiesto che i dispositivi di Meng fossero sequestrati e conservati in sacchetti speciali per impedire che venissero cancellati a distanza, cosa che considerava una richiesta ragionevole.

Ha detto di non essere preoccupato quando l'ufficiale della Canada Border Services Agency (CBSA) gli ha consegnato un pezzo di carta con i codici di accesso scritti su di esso dopo che l'esame di immigrazione si è aggiornato e lei è stata arrestata da RCMP.

"Non ci ho nemmeno pensato, li ho solo messi con i telefoni e ho pensato, questi sono i suoi telefoni e questi codici di accesso appartengono ai suoi telefoni e alla fine questi telefoni e questi oggetti sarebbero tornati a lei una volta completato il processo, "Dhaliwal ha detto alla Corte Suprema di BC sotto esame dal consulente legale della Corona John Gibb-Carsley.

Dhaliwal ha detto all'udienza di raccolta delle prove di non aver mai chiesto agli agenti dei servizi di frontiera di ottenere i codici di accesso o di porre domande particolari durante l'esame di immigrazione di Meng.

Meng è ricercata negli Stati Uniti per accuse di frode sulla base di accuse relative alle sanzioni americane contro l'Iran che sia lei che il gigante tecnologico cinese Huawei negano.

I suoi avvocati stanno raccogliendo informazioni che sperano supportino la loro accusa secondo cui gli ufficiali canadesi hanno raccolto prove in modo improprio su richiesta degli investigatori statunitensi con il pretesto di un esame di frontiera di routine.

Per la prima volta, la corte ha anche sentito che i codici di sicurezza di almeno una delle case di Meng erano stati registrati anche su un pezzo di carta.

Dhaliwal ha descritto alla corte una foto che mostrava il foglio sopra le scatole con cui viaggiava come se avesse la chiave della sua residenza e un "codice di sicurezza" per la sua casa.

Dhaliwal ha detto che il documento gli è stato passato da un Mountie che aveva sede all'aeroporto di Vancouver.

"Non ho idea da dove l'abbia preso", ha detto Dhaliwal, aggiungendo che non è stato coinvolto in alcuna discussione su quei codici di sicurezza.

Dhaliwal ha assunto il ruolo di "addetto alle mostre" nel caso di Meng, il che significa che è stato incaricato di garantire che qualsiasi cosa le fosse stata sequestrata fosse documentata, sicura e protetta.

Dopo il suo arresto, il caso di Meng è stato trasferito al ramo dell'integrità finanziaria dell'unità Federale per la criminalità seria e organizzata dell'RCMP perché si trattava di un caso "complesso", ha detto.

Dhaliwal ha ricevuto una richiesta da Staff Sgt. Ben Chang, indicando che gli Stati Uniti stavano chiedendo alcune informazioni in previsione di una domanda attraverso il trattato di mutua assistenza legale tra i due paesi, ha detto.

A Dhaliwal è stato chiesto di registrare i numeri di serie elettronici, le marche ei modelli della sua elettronica, ha detto. Lo ha fatto con l'aiuto dell'unità tecnica RCMP, ha detto. Ma in nessun momento ha mai usato i codici di accesso sui dispositivi, né gli è stato chiesto di cercare i dispositivi, ha detto.

Successivamente, è stato contattato da un alto funzionario della CBSA chiedendo informazioni sul pezzo di carta con i codici di accesso del telefono, ha detto.

"Mi aveva indicato che i codici ci erano stati dati per errore", ha detto Dhaliwal.

Poiché i codici facevano già parte di una mostra, ha testimoniato che le aveva detto che erano sotto l'autorità del tribunale e che non poteva restituirli.

Il caso continua.

Huawei

La Svezia inizia l'asta 5G nonostante le proteste di Huawei

Pubblicato

on

Il regolatore delle comunicazioni svedese ha iniziato la sua asta ritardata di frequenze adatte al 5G, una mossa che Huawei ha avvertito la scorsa settimana avrebbe gravi conseguenze poiché il venditore aveva ancora azioni legali in sospeso per contestare il suo divieto.

In un comunicato, la Swedish Post and Telecom Authority (PTS) ha dichiarato che la sua asta per le licenze nella banda a 3.5 GHz è iniziata oggi (19 gennaio) con una vendita a 2.3 GHz a seguire. Sta mettendo all'asta 320 MHz di spettro da 3.5 GHz e 80 MHz di 2.3 GHz.

L'inizio della vendita arriva pochi giorni dopo Huawei ha perso il suo ultimo fascino relative all'imposizione di condizioni d'asta che vietare gli operatori di offerte utilizzando apparecchiature da esso o rivaleggiare con ZTE.

Huawei ha altre due azioni legali sulla questione in sospeso.

In un commento a Mobile World Live emesso il 15 gennaio a seguito del fallimento del suo ultimo appello, un rappresentante di Huawei ha confermato che i suoi "due principali" casi giudiziari sulla questione non sarebbero stati giudicati fino alla fine di aprile.

La società ha aggiunto: "Porta a gravi conseguenze tenere l'asta 5G mentre le condizioni per le decisioni PTS sono soggette a revisione legale".

L'asta svedese dello spettro doveva originariamente svolgersi nel novembre 2020, ma è stata rinviata dopo che un tribunale ha sospeso l'applicazione di alcune delle condizioni di vendita divisive in attesa dell'udienza.

I termini di PTS sono stati successivamente autorizzati dalla corte d'appello, aprendo la strada al proseguimento dell'asta.

Continua a leggere

Generale

Il meglio del 5G deve ancora arrivare  

Pubblicato

on

I dirigenti dei principali operatori di telefonia mobile hanno esortato i consumatori a essere pazienti con il 5G, spiegando che funzionalità più avanzate e casi d'uso diventeranno disponibili con l'evoluzione della tecnologia.

Intervenendo alla recente conferenza di settore CES 2021, Drew Blackard, vicepresidente della gestione dei prodotti presso Samsung Electronics America (SEA), ha dichiarato a un panel che molti servizi attuali, incluso lo streaming video, sono semplicemente "migliori sul 5G".

Ma ha aggiunto che le "esperienze solo su 5G" più avanzate diventeranno mainstream "sempre di più man mano che l'infrastruttura si sviluppa" e la tecnologia diventa più ampiamente utilizzata.

Blackard ha osservato che SEA ha "svolto molto sviluppo con i partner per costruire come possono apparire", indicando una collaborazione con AT&T per offrire esperienze AR agli appassionati di sport.

Il presidente e co-fondatore di Ice Mobility Denise Gibson ha aggiunto che "c'è un elemento di pazienza" per realizzare il potenziale del 5G.

Ha detto che il 5G "è una piattaforma che si evolverà", spiegando che "non si tratta solo di" raggiungere la portata geografica, ma anche di fornire funzionalità e servizi avanzati su reti e dispositivi.

Blackard ha aggiunto che "le partnership sono ovviamente essenziali", sottolineando che il 5G richiedeva "un gruppo, un'industria per portarlo avanti. Non è un singolo giocatore che può farlo ”.

Commentando la questione Abraham Lui, capo rappresentante di Huawei presso le istituzioni dell'UE, ha dichiarato: "In Europa, il meglio del 5G deve ancora venire. Poiché l'implementazione del 5G aumenta il ritmo in tutto il continente, gli utenti apprezzeranno i vantaggi di questa tecnologia rivoluzionaria in il futuro prossimo".

Continua a leggere

Generale

Investire in risorse locali per l'autonomia strategica dell'Europa

Pubblicato

on

Il dibattito del Forum Europa di oggi (14 gennaio), co-ospitato dai deputati García del Blanco (S&D), Eva Maydell (PPE), Alexandra Geese e Anna Cavazzini (Verdi / ALE), ha discusso le questioni pratiche, tecniche e politiche che determineranno il futuro della tecnologia e dei dati in Europa.

Abraham Liu, Chief Representative di Huawei presso le istituzioni dell'UE, ha illustrato oggi il contributo dell'azienda a questo obiettivo durante il dibattito online "L'Europa nell'era digitale: partnership globali per promuovere la leadership europea", organizzato dal Forum Europa.

Abraham Liu, rappresentante principale di Huawei presso le istituzioni dell'UE

Il capo rappresentante di Huawei presso le istituzioni dell'UE Abraham Liu

"Possiamo rafforzare la sovranità digitale dell'Europa aiutandola a sviluppare e proteggere le risorse strategiche, ma l'apertura e gli standard comuni saranno fondamentali per arrivarci", afferma Abraham Liu di Huawei. "Come si può sbloccare la sovranità digitale per l'Europa? Salvaguardando il ruolo di leadership che le consente di stabilire standard globali attraverso l'apertura e l'innovazione e investendo nelle risorse che proteggono i suoi interessi strategici".

“Huawei contribuisce alla sovranità digitale dell'UE in tre modi importanti: agendo come uno dei principali investitori e partner dell'industria europea; contribuendo a garantire che i dati e l'innovazione rimangano in Europa; e contribuendo a un ecosistema digitale europeo aperto e sicuro ", ha sottolineato Liu durante l'evento. "Vogliamo che i cittadini europei abbiano la migliore tecnologia, la migliore privacy e la migliore sicurezza, senza dover fare affidamento sulla fiducia o essere ostacolati dalla mancanza di scelta o dai costi".

Il signor Liu ha sottolineato l'importante ruolo per l'Europa nella creazione di un quadro normativo che consenta la sicurezza basata su standard e fatti comuni piuttosto che sulla semplice fiducia: “Credo fermamente che l'Europa debba stabilire le regole. Dovrebbe anche rimanere aperto in modo che ogni azienda multinazionale, come la nostra, possa seguire queste regole ", ha detto.

Huawei ha investito molto nella produzione industriale europea, con priorità future tra cui investimenti nella costruzione di strutture per la produzione 5G e strutture di ricerca tecnica avanzata in sicurezza informatica e trasparenza. Nei prossimi cinque anni, la società si è impegnata a investire 100 milioni di euro nello sviluppo di un solido ecosistema di intelligenza artificiale in Europa, collaborando per connettere i leader del settore con almeno 200,000 sviluppatori.

Continua a leggere
pubblicità

Twitter

Facebook

Trending