Seguici sui social

Bielorussia

#FreeRomanProtasevich: l'UE chiede il rilascio del giornalista bielorusso

Pubblicato

on

Unisciti all'appello per il rilascio di Roman Protasevich e Sofia Sapega, detenuti dalle autorità bielorusse. Scopri come è possibile aiutare. Il 23 maggio il giornalista bielorusso Protasevich e la sua ragazza Sapega erano su un volo da Atene a Vilnius quando il governo bielorusso ha costretto l'aereo a reindirizzare a Minsk, dove sono stati detenuti. Società

La mossa è stata subito accolta con una condanna diffusa da tutto il mondo e ha portato a richieste di sanzioni contro il Paese.

Il presidente del Parlamento David Sassoli ha dichiarato: "Gli eventi in Bielorussia, con il dirottamento di un aereo civile per arrestare gli oppositori del regime, richiedono un balzo in avanti nella nostra risposta sia in forza che in velocità".

Il Parlamento e le altre istituzioni dell'UE chiedono l'immediato rilascio di Protasevich e invitano tutti a parlare di questa palese violazione dei diritti fondamentali.

Cosa potresti fare per aiutare a far rilasciare Roman Protasevichch

L'abuso dei diritti umani può prosperare solo nel silenzio. Aiuta a creare rumore parlando a favore di Protasevic e Sapega che sono attualmente messi a tacere e detenuti.

Cosa potresti fare online:

  • Usa l'hashtag #FreeRomanProtasevich e #FreeSofiaSapega su Twitter e altre piattaforme
  • Aiutaci a diffondere il messaggio condividendo questo articolo e i nostri post sui social, come il nostro Tweet

Potresti trovare i tuoi modi per protestare. Ad esempio, il presidente Sassoli ha suggerito di utilizzare gli aeroporti per evidenziare la causa: “Penso che sarebbe un gesto molto positivo se una foto di Roman Protasevich fosse esposta nei principali aeroporti degli Stati membri dell'Unione Europea, in segno di solidarietà e di mostra che non lo tradiremo”.

Cosa sta facendo l'UE in risposta alle azioni della Bielorussia

I leader dell'UE si sono incontrati il ​​giorno dopo il reindirizzamento forzato del volo Ryanair per decidere una risposta comune. Presidente Sassoli ha aperto il vertice con un appello: “La nostra risposta deve essere forte, immediata e unitaria. L'Unione europea deve agire senza esitazione e punire i responsabili. Stasera hai una grande responsabilità nel dimostrare che l'Unione non è una tigre di carta".

I leader dell'UE hanno concordato vietare agli aerei bielorussi di volare negli spazi aerei dell'UE o di utilizzare gli aeroporti dell'UE. Hanno anche chiesto il rilascio di Protasevich e Sapega, nonché un'indagine da parte dell'Organizzazione dell'aviazione civile internazionale. Hanno anche concordato sanzioni economiche mirate e da aggiungere all'elenco delle persone soggette a sanzioni.

Cosa ha chiesto il Parlamento europeo per quanto riguarda la Bielorussia

Commissione Affari Esteri del Parlamento Parliament ha discusso degli eventi in Bielorussia il 26 maggio con la leader dell'opposizione Sviatlana Tsikhanouskaya. Ha detto ai deputati: "Chiedo al Parlamento europeo di garantire che la reazione della comunità internazionale non si limiti all'incidente del volo Ryanair. La risposta deve affrontare la situazione in Bielorussia nella sua interezza".

Il Parlamento ha regolarmente chiesto elezioni eque in Bielorussia, nonché il rispetto dei diritti umani e dello stato di diritto.

Solo l'anno scorso, i deputati hanno chiesto:

Nel 2020, i deputati assegnato il Premio Sacharov per la libertà di pensiero all'opposizione democratica in Bielorussia.

Maggiori informazioni sui legami dell'UE con altri paesi

per ulteriori informazioni 

Bielorussia

Il leader dell'opposizione bielorussa vuole che il tribunale internazionale indaghi su Lukashenko

Pubblicato

on

By

La leader dell'opposizione bielorussa Sviatlana Tsikhanouskaya parla al Senato ceco a Praga, Repubblica Ceca, 9 giugno 2021. Roman Vondrous/Pool via REUTERS
La leader dell'opposizione bielorussa Sviatlana Tsikhanouskaya parla al Senato ceco a Praga, Repubblica Ceca, 9 giugno 2021. Roman Vondrous/Pool via Reuters

Il leader dell'opposizione bielorussa Sviatlana Tsikhanouskaya (nella foto) ha chiesto mercoledì (9 giugno) l'istituzione di un tribunale internazionale per indagare su quelli che ha definito i "crimini" della "dittatura" del presidente Alexander Lukashenko Reuters.

Lukashenko ha mantenuto una stretta presa sulla Bielorussia da quando è salito al potere nel 1994, e ha represso le proteste di piazza iniziate lo scorso anno per le elezioni presidenziali che i suoi avversari dicono essere state truccate in modo che potesse mantenere il potere.

Lukashenko, che nega i brogli elettorali e respinge le critiche ai suoi precedenti sui diritti umani, martedì ha esteso la repressione firmando una legislazione su punizioni più severe, comprese pene detentive, per le persone che prendono parte a proteste o insultano funzionari statali. Per saperne di più

"Chiedo l'istituzione di un tribunale internazionale che indaghi sui crimini della dittatura di Lukashenko in passato e durante le elezioni del 2020", ha detto al Senato ceco Tsikhanouskaya, che ora ha sede in Lituania.

Tsikhanouskaya, che ha incontrato il presidente ceco Milos Zeman e il primo ministro Andrej Babis durante la sua visita nella Repubblica ceca, non ha fornito altri dettagli sulla sua proposta.

Ha detto che l'unica soluzione alla situazione in Bielorussia era tenere libere elezioni con osservatori internazionali.

Tsikhanouskaya era in visita a Praga prima di un vertice del Gruppo dei Sette economie avanzate in Gran Bretagna questa settimana in cui si dovrebbe discutere la Bielorussia.

L'ex repubblica sovietica ha indignato i paesi occidentali il mese scorso ordinando a un volo Ryanair di atterrare nella capitale Minsk e arrestando un giornalista dissidente che era a bordo.

Lukashenko ha respinto le critiche occidentali sull'incidente e ha accusato i paesi occidentali di condurre una "guerra ibrida" contro di lui. Gli Stati Uniti e l'Unione Europea si stanno preparando a inasprire le sanzioni alla Bielorussia per l'incidente aereo. Per saperne di più

Continua a leggere

Bielorussia

La Tsikhanouskaya della Bielorussia chiede a UE, Regno Unito e Stati Uniti di fare pressione congiuntamente su Lukashenko

Pubblicato

on

By

Gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e l'Unione europea dovrebbero agire congiuntamente per esercitare maggiore pressione sul presidente bielorusso Alexander Lukashenko e sul suo governo, la leader dell'opposizione Sviatlana Tsikhanouskaja (nella foto) ha detto a Reuters venerdì (4 giugno), scrive Joanna Plucinska.

Tsikhanousskaya ha fatto i commenti durante una visita a Varsavia, in Polonia, in vista di un vertice dei paesi ricchi del G7 in Gran Bretagna la prossima settimana, in cui spera che vengano affrontate le questioni sollevate dall'opposizione bielorussa. La Bielorussia ha accelerato l'agenda internazionale da quando ha forzato un volo Ryanair sul suo spazio aereo e arrestato un giornalista dell'opposizione il mese scorso.

"La pressione è più forte quando questi paesi agiscono congiuntamente e stiamo facendo appello al Regno Unito, agli Stati Uniti, all'Unione Europea e all'Ucraina. Devono agire insieme in modo che la loro voce sia più forte", ha detto Tsikhanouskaja.

La Francia ha detto che vorrebbe invitare il Opposizione bielorussa al vertice del G7, se il paese ospitante Gran Bretagna è d'accordo. La Gran Bretagna ha affermato che non ci sono piani per invitare ulteriori delegazioni, ma che la Bielorussia sarà discussa.

Tsikhanousskaya ha affermato di non essere stata invitata al vertice, ma si aspettava che la Bielorussia fosse discussa lì.

Gran Bretagna, Stati Uniti e Unione Europea hanno imposto divieti e congelamento dei beni ad alcuni funzionari bielorussi dopo le elezioni dello scorso anno che l'opposizione ha definito truccate.

Dall'incidente di Ryanair, i paesi occidentali hanno scoraggiato le loro compagnie aeree dal sorvolare la Bielorussia e hanno affermato che prenderanno altre misure, come bloccare le compagnie aeree bielorusse e aggiungere più nomi alle loro liste nere.

Alcuni esponenti dell'opposizione hanno chiesto misure più forti che avrebbero un impatto sull'intera economia bielorussa, come le restrizioni sulle importazioni di minerali o petrolio dalla Bielorussia.

Continua a leggere

Aviazione / linee aeree

L'UE vieta i vettori bielorussi dal suo spazio aereo e dai suoi aeroporti

Pubblicato

on

Il Consiglio di oggi (4 giugno) ha deciso di rafforzare le misure restrittive esistenti nei confronti della Bielorussia introducendo un divieto di sorvolo dello spazio aereo dell'UE e di accesso agli aeroporti dell'UE da parte di vettori bielorussi di ogni tipo.

Gli Stati membri dell'UE negheranno ai vettori aerei bielorussi (e ai vettori commerciali che hanno un codeshare con un vettore bielorusso) il permesso di atterrare, decollare o sorvolare i loro territori.

La decisione odierna fa seguito alle conclusioni del Consiglio europeo del 24 e 25 maggio 2021, in cui i capi di Stato e di governo dell'UE hanno condannato fermamente l'atterraggio forzato illegale di un volo Ryanair a Minsk il 23 maggio 2021 che mette in pericolo la sicurezza aerea.

L'abbattimento del volo Ryanair a Minsk è stato effettuato con l'espresso intento di arrestare il giornalista Raman Pratasevich, critico nei confronti del regime di Lukashenko e della sua fidanzata Sofia Sapega.

Il Consiglio sta inoltre valutando eventuali elenchi aggiuntivi di persone ed entità sulla base del pertinente quadro sanzionatorio e ulteriori sanzioni economiche mirate.

Continua a leggere
pubblicità

Twitter

Facebook

pubblicità

Trending